| Categoria Documenti | 2240 letture

ASSOBIRRA ALCOHOL POLICY: L’IMPEGNO DELL’INDUSTRIA DELLA BIRRA PER UNA CULTURA DI CONSUMO RESPONSABILE


Cultura Assobirra Birra Policy Consumo Alcohol Industria Responsabile Impegno

tratto dal documento omonimo di Assobirra
messo a disposizione della stampa
nell’open day dell’8 luglio 2010

www.assobirra.it www.beviresponsabile.it

SOMMARIO: Il consumo delle bevande alcoliche deve essere moderato e consapevole. Bere senza sapersi controllare o bere nel momento, nel luogo o per motivazioni sbagliate significa bere in manieranon responsabile. Per una persona adulta e responsabile bere moderate quantità di alcol, soprattutto se accompagnate dal cibo, è un piacere capace di migliorare la qualità della vita e di favorire la socialità. È anche un comportamento, oggi la scienza ce lo conferma, in grado di contribuire, insieme ad una alimentazione corretta e ad una regolare attività fisica, a salvaguardare la salute e a prolungare la vita. Bere alcol senza sapersi controllare o bere nel luogo, per motivazioni sbagliate, in età o condizioni di salute non appropriati, significa bere in modo non responsabile e rappresenta un grave rischio per se stessi e un comportamento che mette in pericolo anche la vita e la sicurezza degli altri.

Riferimento temporale: luglio 2010

Esistono categorie di persone (come bambini e adolescenti, chi assume certi farmaci, ex alcolisti) o particolari situazioni (come il lavoro, la guida) e fasi della vita (come la gravidanza) in cui il consumo di alcol, anche se moderato, può comunque costituire un pericolo. È molto importante far crescere consapevolezza su questi pericoli in modo che, anche chi si trova in queste situazioni possa tenere comportamenti idonei in fatto di consumo di bevande alcoliche.

PER ALCUNE CATEGORIE DI PERSONE ED IN ALCUNE SITUAZIONI IL CONSUMO DI ALCOL, ANCHE SE MODERATO, PUÒ COSTITUIRE UN PERICOLO.

Quando non bisogna bere: ….Prima di mettersi alla guida

Guidare è un’attività complessa che richiede chiara capacità di giudizio, buona coordinazione dei movimenti, riflessi rapidi e vista efficiente. E l’alcol allunga i tempi di reazione, riduce l’acutezza visiva e ostacola la coordinazione motoria. Non esistono quantità minime di alcol sicure da consumare prima di mettersi alla guida, perché la risposta di ciascun individuo all’alcol cambia in funzione di fattori soggettivi. Chi guida non deve bere e chi ha bevuto, deve far guidare qualcun altro.

Quando non bisogna bere: ….in stato di gravidanza

bere alcol in gravidanza può creare problemi al nascituro. l’alcol, infatti, è in grado di attraversare la placenta e di arrivare al feto in una concentrazione di poco inferiore a quella presente nel sangue materno. non è possibile fissare una dose minima di alcol da considerare pericolosa in gravidanza in quanto esistono forti variabili individuali. è quindi preferibile astenersi completamente dal bere durante questo delicato periodo della vita, compresa la fase di allattamento. le donne, durante gravidanza e allattamento devono astenersi dal bere alcolici.

Quando non bisogna bere: ….Se non si è adulti

Bambini e adolescenti sono una fascia di popolazione vulnerabile cui bisogna guardare con speciale attenzione perché, essendo in una fase di passaggio tra infanzia ed età adulta, non possiedono ancora la capacità di metabolizzare l’alcol in modo completo e non hanno ancora la maturità necessaria che consente loro di gestire in modo responsabile una bevanda alcolica. L’industria della birra ritiene che il consumo di bevande alcoliche debba essere riservato alle persone adulte. Per questo le aziende associate ad AssoBirra hanno scelto da tempo di rivolgere le attività di marketing e pubblicità esclusivamente ad un pubblico di adulti maggiorenni ed adottano severi codici di condotta commerciale. In questo contesto l’industria della birra ritiene fondamentale il ruolo della famiglia nell’affermare un modello di consumo responsabile di alcol tra i giovani ed è convinta che responsabilizzare sia più efficace che proibire. Il consumo di bevande alcoliche è riservato alle persone adulte.

Databank excel xls Birrifici Birra

Annuario Birra Infobirra beverfood

IL RUOLO DEL SETTORE BIRRARIO PER UN CONSUMO RESPONSABILE DELLE BEVANDE ALCOLICHE

I produttori di birra italiani sono consapevoli dei rischi connessi, per lfindividuo e per la collettività, ad un consumo irresponsabile delle bevande alcoliche e considerano un atto di responsabilità sociale il sostegno di un modello di consumo moderato e consapevole di alcol. Per questo ritengono prioritario affrontare il problema dei rischi legati allfabuso e/o allfuso scorretto dellfalcol in modo esteso e continuativo nel tempo, attraverso unfattenta politica di prevenzione e sensibilizzazione dellfopinione pubblica sullfimportanza di bere nel segno della moderazione e della qualità. In tal senso, la linea del settore birrario è da considerarsi coerente con la migliore tradizione del nostro Paese che lega il consumo di alcol al rito del pasto o della socialità conviviale. Lfimpegno del settore, sia a livello associativo che delle singole imprese, rappresenta anche una pronta e concreta risposta alle istituzioni pubbliche che oggi richiedono esplicitamente allfindustria di ricoprire un ruolo attivo e partecipe, nella risoluzione delle attuali e urgenti criticità sociali legate allfabuso e al consumo scorretto di alcol.

LA CULTURA DI PRODOTTO COME FATTORE DI EDUCAZIONE AD UN CONSUMO RESPONSABILE

AssoBirra promuove da tempo iniziative di comunicazione finalizzate a far crescere nella popolazione italiana la cultura della birra e a promuovere un consumo di qualità, preferibilmente insieme al cibo. L’attuale campagna collettiva di comunicazione “Birra gusto naturale” è mirata ad affermare una più diffusa conoscenza e cultura di prodotto sul piano della salute, del gusto e del consumo responsabile, nella consapevolezza che chi impara a bere meglio, nel segno della qualità, è già sulla strada di un consumo moderato e responsabile.

LA CULTURA DEL BERE MODERATO E RESPONSABILE SI COSTRUISCE ANCHE INSEGNANDO A BERE “MEGLIO E MENO” E ACCOMPAGNANDO LE BEVANDE ALCOLICHE AL CIBO.

Scarica Ora!!! Guida beverfood Birre

Il Centro Informazione Birra, creato nel 2006, è una banca dati on line che si propone di fornire, attraverso un sito dedicato e una newsletter mensile, informazioni validate da un comitato di esperti autorevoli sulla birra, sul suo ruolo nell’alimentazione legato alle sue proprietà nutrizionali e sul rapporto tra birra e salute. AssoBirra collabora anche con le più autorevoli Guide gastronomiche e con l’eccellenza italiana nella ristorazione per promuovere l’abbinamento della birra con il meglio della cucina italiana. Con l’INRAN, la più autorevole istituzione italiana in materia di comportamenti alimentari e nutrizionali, è stato realizzato il progetto “A tavola con la birra”, per far conoscere meglio agli italiani il gusto di sposare la birra ai piatti della cucina di tutti i giorni, in linea con la nostra tradizione gastronomica mediterranea e all’insegna del benessere. L’iniziativa si è sviluppata attraverso la pubblicazione di un libro e la realizzazione di un sito internet dedicato “www.atavolaconlabirra.it”.

L’IMPEGNO DELLE AZIENDE BIRRARIE

All’operato istituzionale di AssoBirra sul consumo responsabile, si aggiunge l’impegno assunto dalle singole Aziende birrarie associate e le iniziative da queste realizzate direttamente all’insegna di una concreta responsabilità sociale sui temi alcol correlati. In particolare le aziende Associate ad AssoBirra:
…aderiscono ai principi espressi nel Codice di Autodisciplina Pubblicitaria;
…adottano codici aziendali per la regolamentazione della comunicazione sul prodotto secondo principi di legalità e di responsabilità;
…hanno da tempo scelto di rivolgere le attività di marketing/pubblicità esclusivamente ai maggiori di 18 anni ed in questo contesto di non far ricorso a persone/modelli che dimostrano un’età inferiore ai 18 anni e che abbiano meno di 21 anni di età;
…informano e sensibilizzano i gestori dei locali sul consumo responsabile, sui rischi correlati all’abuso e al consumo non responsabile di alcol e sulle conseguenze relative al rendere accessibili le bevande alcoliche a bambini e adolescenti;
…promuovono campagne d’informazione e sensibilizzazione al bere responsabile rivolte a dipendenti, clienti e consumatori.

+INFO: AssoBirra: Viale di Val Fiorita, 90 – 00144 Roma – Tel: 06 54 39 32 01 – Fax: 06 59 12 910 – assobirra@assobirra.itwww.assobirra.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone
Tags/Argomenti:


Annuario Birra Birritalia beverfood

ARTICOLI COLLEGATI:

Salvalabirra
L’anomala tassazione delle BIRRE: l’ulteriore aumento delle accise frena le vendite, gi investimenti e l’occupazione

25/06/2015 - Questa volta a dire no alle accise è, unita, l'intera filiera della birra. AssoBirra, Confimprese, Confagricoltura e Fipe si incontrano a Milano per presentare i risultat...

boe_expo_2015
THE BREWERS OF EUROPE: i produttori europei di birra adotteranno delle etichette più complete

22/06/2015 - The Brewers of Europe, che riunisce le associazioni nazionali dei produttori di birra di 29 Paesi europei, ha annunciato che gli associati elencheranno volontariamente in...

BIRRA gusto-aprile2015
BIRRA E GASTRONOMIA: La birra sposa a meraviglia i tanti sapori della primavera

09/05/2015 - Primi caldi, voglia di scoprirsi e di uscire all’aperto ma anche di mangiare più leggero e fresco di fare il pieno di verdure dell’orto. E la birra facile e versatile ci ...

Premio_donne_UDI
ASSOBIRRA: La campagna “Birra io t’adoro”, premiata per aver valorizzato la parità delle donne

06/04/2015 - La campagna di AssoBirra “Birra io t’adoro” ha vinto il Premio Immagini Amiche come migliore campagna pubblicitaria nella categoria affissioni. Il riconoscimento è promos...

fiscale-etichetta
Al Vinitaly ASSOBIRRA presenta FiscAle, ‘la birra che paghi 2 volte’

23/03/2015 - Per la terza volta consecutiva AssoBirra torna a Verona al Vinitaly e anche quest'anno è presente per offrire a curiosi e amanti un assaggio della bevanda che ha conquist...

birra-io-t-adoro
ASSOBIRRA ritorna in pubblicità con la campagna “Birra, Io t’adoro” dedicata alle donne

25/02/2015 - Oggi l’Italia è il Paese con il più alto numero di consumatrici di birra in Europa (6 su 10), pur mantenendo il minor consumo procapite (solo 14 litri) e un approccio a q...

logo-salva-la-tua-birra
In che modo lo Stato sta cercando di ammazzare la PRODUZIONE BIRRARIA ITALIANA

18/12/2014 - Nonostante l'ottima performance anche in tempi di crisi, il settore birra rischia di arenarsi a causa dell'elevata pressione fiscale. Dal 2003 al 2013 l'accisa sulla birr...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.