| Categoria Notizie Vino - Alcolici - Liquori - Spirits | 4431 letture
bevande-alcoliche

Ricerca Federvini sul consumo di bevande alcoliche in Italia nel 2011


Consumo Bevande Federvini Italia Ricerca Alcoliche

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Il 65% degli italiani (>=14 anni) ha consumato almeno una bevanda alcolica nel corso dell’ultimo anno. Il trend del consumo rispetto agli anni scorsi mostra che, dopo aver visto un calo di 4 punti percentuali dal 2008 al 2010, quest’anno la percentuale di consumatori rimane stabile. Il consumo di bevande alcoliche resta prevalentemente maschile; le donne sono attratte da un consumo più “facile” (miscelato e/o poco alcolico); nel complesso la concentrazione dei consumatori di alcolici è maggiore nelle fasce centrali di età (soprattutto 35-44 anni) e presso gli over 65, anche se a prodotti diversi corrispondono target di consumo diversi (es: vino, uomini > 35 anni; birra, uomini 25-64, prodotti “aperitivo” donne 20-34 anni, ecc.); rispetto al 2010 i 35-44enni mostrano comunque una certa stabilità dei consumi, mentre la fascia di età che mostra incrementi più interessanti è quella dei 25-34 anni. In aumento rispetto al recente passato la penetrazione del consumo di bevande alcoliche presso classi sociali meno scolarizzate anche se i profili con le credenziali educative più elevate rimangono i consumatori più attivi.

BANNER FEDERVINI

Il Vino si riconferma la bevanda alcolica più consumata (51% nel 2011), seguito dalla Birra (38%) e dagli Spumanti Champagne e Prosecco (20%). Sostanzialmente stabili le abitudini degli italiani nella frequenza di consumo di bevande alcoliche. Complessivamente si continua a consumare bevande alcoliche con la stessa intensità e frequenza raggiunta nel 2010. Resta nettamente superiore al 50% la percentuale di coloro che ogni volta che consumano alcolici ne bevono solo 1 bicchiere (in special modo nei giorni festivi). Gli effetti della ‘rinuncia’ sono più visibili nelle abitudini di consumo durante i giorni lavorativi, rispetto ai giorni festivi, anche se – rispetto al 2010 – l’astensione nei giorni lavorativi sembra in flessione a fronte di un lieve aumento di quantità moderate di alcolici consumati (1-2 bicchieri). Rispetto al 2010, durante i giorni lavorativi c’è infatti un generale recupero del consumo delle diverse bevande poichè il saldo di quanti “non consumano” è sempre negativo.Le occasioni nelle quali è più frequente il consumo di bevande alcoliche sono sicuramente quelle domestiche legate ai pasti mentre le occasioni extra pasto o extra domestiche vedono delle presenze più segmentanti sia in termini di frequenza di consumo che di numero di bicchieri bevuti. Si conferma la crescita dei consumi di cocktails alcolici o moderatamente alcolici in momenti ‘vicino’ alla cena (tipicamente la posizione dell’happy hour). In generale è assodato l’utilizzo del cocktail durante l’aperitivo mentre è interessante evidenziare anche un aumento dei consumi di cocktail come nel dopo cena, a dimostrazione di come questi prodotti non abbiamo un chiaro e unico posizionamento di consumo.

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

Il luogo principale di consumo di bevande alcoliche rimane appunto ‘in casa’ (propria 83%,oppure di parenti/amici 55%) seguita dal Ristorante 49% e pub/bar 25%. Le leve che spingono al consumo di alcolici si confermano sostanzialmente immutate nel corso degli ultimi anni e seguono le caratteristiceji delle bevande alcoliche alle quali sono associate, ovvero in primis (per il 71% dei consumatori) le bevande alcoliche hanno un ruolo di accompagnamento al cibo, motivo fortemente associato al consumo di vinI; il piacere del gusto e il piacere di bere per socializzare sono le atre principali motivazioni di consumo, che in molti casi accompagnano la motivazione principale. Il modello di consumo di alcolici in Italia resta ‘moderato’: per lo più si bevono 1 o 2 bicchieri per occasione di consumo; la cena a casa propria si conferma il momento più in comune di consumo di alcolici. 4 italiani su 10 conoscono i caratteri dello sitle mediterraneo come approccio al bere. Questo stile viene riconosciuto nel bere con moderazione, prevalentemente durante i pasti o per determinate ricorrenze e, sorpattutto, scegliendo la qualità piuttosto che la quantità. E’ uno stile di consumo responsabile, la cui conoscenza è certamente più diffusa nelle fasce di età più mature (41% tra i 45-54, 38% tra i 55-64) e in contesti socio-economici più istruiti (46% tra i laureati, 41% tra i diplomati), ma che può contare su una discreta conoscenza anche dei più giovani (37% tra i 25-34, 31% tra i 17-20). La maggior parte dei giovani italiani beve moderatamente, e lo fa sempre in compagnia. I giovani tra i 17 e i 20 anni consumano bevande alcoliche principalmente per gustarne il sapore (64%), per socializzare (41%) e per accompagnare il cibo (30%). Le bevande più consumate tra i giovani 17-20 anni risultano essere i cocktail alcolici (21%), seguiti dalla birra (18%), dal vino (14%) e dagli spumanti/champagne (8%).

+info: www.federvini.it

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

Acque in boccioni

ZENITH INTERNATIONAL: Crescita in accelerazione per il mercato dei water coolers in Europa dell’est

23/11/2015 - Il mercato est-europeo dei refrigeratori d’acqua ha avuto una crescita di quasi 2 milioni di unità installate entro la fine del 2014, vale a dire il 3,4% in più rispetto ...

Ricerca Nielsen sullo shopping on line: in forte crescita le intenzioni di acquisto di prodotti food & beverage

05/09/2012 - SOMMARIO: Secondo la ricerca condotta da Nielsen, leader globale nelle misurazioni e informazioni di marketing relative a quello che i consumatori guardano e acquistano, ...

coop-logo

PREVISIONI COOP consumi per il 2015: lento avvio della ripresa (+0,5%)

12/01/2015 - Se il 2014 è stato l’anno della “ripresa che non c’è stata”, il 2015 sarà se non altro quello della “luce in fondo al tunnel”. Le famiglie italiane allenteranno, seppur d...

Ricerca Swg per Olio Capitale: Identikit del consumatore d’olio italiano

04/03/2013 - Consumatore sempre più consapevole e intenzionato a esercitare la propria capacità di controllo. Come? Chiedendo etichette più chiare, ma anche scegliendo sempre più spe...

Parmiggiano-Reggiano_logo

PARMIGIANO REGGIANO tra i dieci marchi più apprezzati

07/05/2015 - Il Parmigiano Reggiano si conferma non solo il marchio più influente tra i prodotti Dop italiani, ma resta nella top ten dei marchi che – in assoluto – sono ritenuti più ...

latte-e-mucca

LA GUERRA DEL LATTE: Coldiretti pubblica un dossier completo sui costi di produzione e i prezzi del latte

12/11/2015 - Gli allevatori italiani hanno perso in un anno oltre 550 milioni di euro perché il latte viene pagato al di sotto dei costi di produzione, con una riduzione dei compensi ...

Formind Logo

FORMIND: nuovo prodotto Forecast dei consumi del canale fuoricasa

23/10/2014 - Nell’ambito dello sviluppo del prodotto di rilevazione Mindforhoreca, l’azienda Formind ha completato la fase test del nuovo strumento “Forecast dei consumi del canale fu...

Formind Logo

FORECAST di FORMIND: previsioni da gennaio a marzo 2015

12/01/2015 - Lo strumento, realizzato da Formind, quale completamento al prodotto di rilevazione dei consumi AFH (Mindforhoreca©), si rivolge direttamente agli operatori del largo con...

SIBEG COCA-COLA: RICERCA COLLABORAZIONE CON IMBOTTIGLIATORE DI ACQUA MINERALE PER LA SICILIA

20/01/2012 - La Sibeg srl, imbottigliatore esclusivo e distributore dei prodotti The Coca-Cola Company per la Sicilia, intende completare il proprio assortimento di bevande con l’Acqu...

fiera good udine banner-home-ok

ASTRARICERCHE: i valori simbolici e intangibile del prodotto vino

27/11/2013 - Il presidente di AstraRicerche Enrico Finzi, tornato con piacere e con la simpatia di sempre all’ultimo “GOOD”, la manifestazione enograstonomica della Fiera di Udine, ha...

Formind Logo

FORMIND presenta la nuova Indagine Intercanalità 2014

29/05/2014 - Dal prossimo mese di giugno sarà disponibile l’edizione 2013-2014 dell’indagine” l’Intercanalità nel canale del fuori casa”. L’indagine elaborata da Formind, giunge alla ...

minerali-acque-bottiglie-inclinate

Il mercato delle ACQUE MINERALI in Italia nel 2014

21/07/2015 - Abbiamo incontrato il dott. Pasquale Muraca, fondatore e presidente della società Beverfood.com Edizioni, per fare il punto sugli aspetti economici e strutturali del sett...

MBRES Ufficio studi medio Banca Logo

MEDIOBANCA: Indagine Sulle Principali Società Vinicole In Italia 2013

03/01/2015 - L’indagine sul settore vinicolo condotta dall’Ufficio Studi di Mediobanca  si articola in due sezioni. La prima riguarda 111 principali società di capitali italiane opera...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.