| Categoria Notizie Vino - Alcolici - Liquori - Spirits | 5010 letture
bevande-alcoliche

Ricerca Federvini sul consumo di bevande alcoliche in Italia nel 2011


Federvini Consumo Italia Bevande Ricerca Alcoliche

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Il 65% degli italiani (>=14 anni) ha consumato almeno una bevanda alcolica nel corso dell’ultimo anno. Il trend del consumo rispetto agli anni scorsi mostra che, dopo aver visto un calo di 4 punti percentuali dal 2008 al 2010, quest’anno la percentuale di consumatori rimane stabile. Il consumo di bevande alcoliche resta prevalentemente maschile; le donne sono attratte da un consumo più “facile” (miscelato e/o poco alcolico); nel complesso la concentrazione dei consumatori di alcolici è maggiore nelle fasce centrali di età (soprattutto 35-44 anni) e presso gli over 65, anche se a prodotti diversi corrispondono target di consumo diversi (es: vino, uomini > 35 anni; birra, uomini 25-64, prodotti “aperitivo” donne 20-34 anni, ecc.); rispetto al 2010 i 35-44enni mostrano comunque una certa stabilità dei consumi, mentre la fascia di età che mostra incrementi più interessanti è quella dei 25-34 anni. In aumento rispetto al recente passato la penetrazione del consumo di bevande alcoliche presso classi sociali meno scolarizzate anche se i profili con le credenziali educative più elevate rimangono i consumatori più attivi.

BANNER FEDERVINI

Il Vino si riconferma la bevanda alcolica più consumata (51% nel 2011), seguito dalla Birra (38%) e dagli Spumanti Champagne e Prosecco (20%). Sostanzialmente stabili le abitudini degli italiani nella frequenza di consumo di bevande alcoliche. Complessivamente si continua a consumare bevande alcoliche con la stessa intensità e frequenza raggiunta nel 2010. Resta nettamente superiore al 50% la percentuale di coloro che ogni volta che consumano alcolici ne bevono solo 1 bicchiere (in special modo nei giorni festivi). Gli effetti della ‘rinuncia’ sono più visibili nelle abitudini di consumo durante i giorni lavorativi, rispetto ai giorni festivi, anche se – rispetto al 2010 – l’astensione nei giorni lavorativi sembra in flessione a fronte di un lieve aumento di quantità moderate di alcolici consumati (1-2 bicchieri). Rispetto al 2010, durante i giorni lavorativi c’è infatti un generale recupero del consumo delle diverse bevande poichè il saldo di quanti “non consumano” è sempre negativo.Le occasioni nelle quali è più frequente il consumo di bevande alcoliche sono sicuramente quelle domestiche legate ai pasti mentre le occasioni extra pasto o extra domestiche vedono delle presenze più segmentanti sia in termini di frequenza di consumo che di numero di bicchieri bevuti. Si conferma la crescita dei consumi di cocktails alcolici o moderatamente alcolici in momenti ‘vicino’ alla cena (tipicamente la posizione dell’happy hour). In generale è assodato l’utilizzo del cocktail durante l’aperitivo mentre è interessante evidenziare anche un aumento dei consumi di cocktail come nel dopo cena, a dimostrazione di come questi prodotti non abbiamo un chiaro e unico posizionamento di consumo.

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

Il luogo principale di consumo di bevande alcoliche rimane appunto ‘in casa’ (propria 83%,oppure di parenti/amici 55%) seguita dal Ristorante 49% e pub/bar 25%. Le leve che spingono al consumo di alcolici si confermano sostanzialmente immutate nel corso degli ultimi anni e seguono le caratteristiceji delle bevande alcoliche alle quali sono associate, ovvero in primis (per il 71% dei consumatori) le bevande alcoliche hanno un ruolo di accompagnamento al cibo, motivo fortemente associato al consumo di vinI; il piacere del gusto e il piacere di bere per socializzare sono le atre principali motivazioni di consumo, che in molti casi accompagnano la motivazione principale. Il modello di consumo di alcolici in Italia resta ‘moderato’: per lo più si bevono 1 o 2 bicchieri per occasione di consumo; la cena a casa propria si conferma il momento più in comune di consumo di alcolici. 4 italiani su 10 conoscono i caratteri dello sitle mediterraneo come approccio al bere. Questo stile viene riconosciuto nel bere con moderazione, prevalentemente durante i pasti o per determinate ricorrenze e, sorpattutto, scegliendo la qualità piuttosto che la quantità. E’ uno stile di consumo responsabile, la cui conoscenza è certamente più diffusa nelle fasce di età più mature (41% tra i 45-54, 38% tra i 55-64) e in contesti socio-economici più istruiti (46% tra i laureati, 41% tra i diplomati), ma che può contare su una discreta conoscenza anche dei più giovani (37% tra i 25-34, 31% tra i 17-20). La maggior parte dei giovani italiani beve moderatamente, e lo fa sempre in compagnia. I giovani tra i 17 e i 20 anni consumano bevande alcoliche principalmente per gustarne il sapore (64%), per socializzare (41%) e per accompagnare il cibo (30%). Le bevande più consumate tra i giovani 17-20 anni risultano essere i cocktail alcolici (21%), seguiti dalla birra (18%), dal vino (14%) e dagli spumanti/champagne (8%).

+info: www.federvini.it

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

Nespresso_German_coffee_lifestyle_300

Uno studio di NESPRESSO sulla GERMANIA, terzo mercato del caffè nel mondo

05/10/2015 - I tedeschi amano il loro caffè, ancor più che l’acqua e la birra. La Germania è il terzo più grande mercato del caffè nel mondo, dopo Stati Uniti e Brasile. Una media di ...

caffè-cuore

SALUTE & CAFFÈ: 9.400 studi e ricerche promuovono il caffè per gli effetti sulla salute

12/03/2016 - Per gli italiani è un rito, per i ricercatori un chiodo fisso. La scienza lo ha praticamente passato ai raggi X: c'è chi ne ha mappato il Dna e chi ne ha studiato gli eff...

caffè-e-salute-tazzina

CAFFE’ & SALUTE: Il consumo abituale di caffè è associato alla riduzione della mortalità totale

30/11/2015 - Il caffè può essere liberamente inserito in uno stile alimentare salutare. Lo conferma quest'analisi, basata sui due corposi e ben noti studi americani di popolazione, co...

RICERCA BOCCONI SU SPUMANTE ITALIANO: IL PROSECCO SI CONFERMA MOTORE DELL’ENOLOGIA ITALIANA

04/11/2011 - “Il Prosecco si conferma il motore dell’enologia italiana e uno dei numerati e non numerosi comparti dell’economia italiana di successo a livello internazionale in tempo ...

SantAnna1,5L_nat

ACQUA SANT’ANNA sul podio dei brand più ricercati dagli internauti nel 2014

16/01/2015 - L’Osservatorio di tendenze di consumo Tiendeo.it ha realizzato uno studio con dati a livello mondiale, un’analisi delle parole chiave più cercate nel 2014 dagli internaut...

goglio-spa

SAFEMTECH: Goglio e Università di Zaragoza unite nella ricerca sul packaging

24/04/2013 - Il progetto SAFEMTECH ha riunito lo scorso venerdì 19 aprile 2013, nella suggestiva cornice dell’Hotel Villa Porro Pirelli di Induno Olona (Varese), oltre 150 operatori d...

Ricerca Nielsen “Italiani e qualità alimentare”: la qualità del cibo è un fattore determinante della qualità della propria vita

21/08/2012 - Sintesi informativa dalla ricerca“Italiani e Qualità Alimentare” condotta dalla Nielsen per conto di McDonaldsSOMMMARIO: La ricerca Nielsen “italiani e qualità alimentare...

INDAGINE DOXA: GLI ITALIANI E L’ALCOOL IN ITALIA – 2011

08/08/2011 - Tratto dal Commento alla Sesta Indagine Doxa 2011Osservatorio Permanente Giovani e Alcoolhttp://www.alcol.net/images/italianiealcool/commento_doxa_2010.pdf SOMMARIO: Nell...

Grandi Marchi Logo - Istituto del vino di qualità

EXPORT VINI ITALIANI: crescita dal 2008 al 2013 del 45% a valore e del 23% a volumi

04/02/2015 - I numeri dell’Export Vinicolo italiano sono per il professore Alberto Mattiacci (autore della ricerca sull’export del vino realizzata per l’Istituto italiano del vino di ...

Krombacher-Pils

KROMBACHER: 1° posto e valutazione “Gold” per Migliore qualità del prodotto

21/01/2015 - Nell'ambito di un vasto sondaggio condotto online tra 250.000 consumatori di 500 marche di 25 settori diversi, Krombacher è stata riconosciuta come la marca di birra con ...

vigneto-filari

VITICULTURA: verso un futuro più sostenibile con nuove varietà resistenti e nuovi portinnesti

02/10/2015 - Una viticoltura integrata e maggiormente sostenibile, è questo il futuro del vino italiano. Obiettivo ambizioso, certamente, per il quale occorrerà investire nella scienz...

capsule-caffe

Ricerca AperteMente su CAFFÈ MONOPORZIONATO: solo il 14% degli italiani ha in casa una macchina a cialde o capsule.

19/03/2013 - Il monoporzionato ha certamente rivoluzionato il mercato negli ultimi anni, prima con le cialde e poi con le capsule. Eppure da una recente indagine di AperteMente per l...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.