beverfood
| Categoria Notizie Food | 2417 letture

Nel 2015 il prezzo dell’OLIO DI OLIVA è cresciuto in Europa del 19,8% per un maggior costo di 231 Mn ai consumatori

Cresciuto Olio D’oliva Consumatori Iri Infoscan Maggior Olio Costo Prezzo Europa Oliva

Costo Consumatori Oliva Prezzo Maggior Cresciuto Europa Olio Olio D’oliva Iri Infoscan


L’epidemia che ha colpito gli ulivi pugliesi in Italia e la scarsità del raccolto in Spagna hanno avuto un effetto a catena sull’incremento dei prezzi in Europa. Il rincaro dell’offerta a marchio del distributore è maggiore, ma questi prodotti rimangono comunque un’alternativa più economica per gli acquirenti.

olio-olive-olivaa

Un recente studio condotto da IRI ha evidenziato che il prezzo dell’Olio di Oliva acquistato dai consumatori nei supermercati europei ha registrato mediamente un rincaro pari al 19.8% durante il 2015.

Le cause principali di questi aumenti di prezzo sono l’epidemia degli Ulivi che ha colpito la Puglia da ormai due anni e che sta causando il disseccamento di oltre un milione di piante e la scarsità del raccolto in Spagna, principale produttore in Europa, che è cominciata già dal 2014 con impatti significativi sulla produzione.

I produttori e i distributori che commercializzano offerta a marchio, durante lo scorso anno, hanno applicato rincari sui prodotti per coprire gli incrementi della materia prima cui dovevano sopperire. Il risultato è stato che gli acquirenti hanno speso 231 milioni di Euro in più per l’acquisto di Olio di Oliva, facendo così registrare un trend delle vendite a valore pari al +9.5% (per un totale di 2,7 milioni di Euro).

L’aumento dei prezzi è stato più consistente in Spagna, Italia e Grecia, paesi in cui l’Olio è uno degli ingredienti fondamentali della cucina locale. In particolare, rispetto all’anno precedente, durante il 2015 si è registrato un incremento di prezzo del +27,2% in Spagna, del 21% in Italia e del 12,2% in Grecia.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

Come c’era da aspettarsi con i rincari, che hanno registrato tassi maggiori verso la fine dello scorso anno, i consumatori hanno ridotto gli acquisti.

Le analisi di IRI indicano un calo delle vendite di Olio di Oliva in tutti i paesi ad eccezione dell’Italia, dove gli andamenti sono rimasti quasi piatti. Al contrario in Grecia si registra un ”tonfo” pari al -18% ed in Spagna pari al -16,2% rispetto all’anno precedente.

E’ interessante inoltre evidenziare che anche le altre tipologie di prodotto sono in calo nei paesi considerati nell’analisi IRI, cosa che sta ad indicare che gli shopper non fanno switch verso altre varianti di Olio anche a fronte di prezzi cedenti (-0,9%).

Le vendite di Olio di Oliva in Europa nel 2015:

Olive-Oil-prices-rise_FINAL-2

Fonte: IRI

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

I rincari registrati dalle marche del distributore sono generalmente superiori

In tutti i paesi, ad eccezione della Gran Bretagna, il rialzo di prezzo delle marche del distributore è stato maggiore rispetto al totale categoria, fattore comune quando aumentano i costi delle materie prime. Tuttavia, il rincaro dei prezzi della Marca Commerciale ha avuto solo un lieve impatto sui consumi di Olio di Oliva (-0,5 punti rispetto all’anno precedente). Ci sono comunque grosse differenze da paese a paese.

In Spagna, per esempio, dove la marca del distributore ha una tradizione molto forte, il rialzo dei prezzi dell’Olio di Oliva è stato molto simile tra marca industriale e private label (rispettivamente 26,6% e 28,6%). Al contempo la marca del distributore è cresciuta in termini di quote a volume di 3,1 punti, segnando un aumento delle vendite del 13.3% e raggiungendo i 529 milioni di euro.

La Gran Bretagna evidenzia trend analoghi alla Spagna in termini di evoluzione delle quote a valore della marca commerciale, con un aumento di 5,3 punti rispetto al 2014 (da notare che si tratta della crescita più alta registrata nei sette paesi coinvolti nell’analisi). Questo fenomeno è stato causato con ogni probabilità dal forte rialzo dei prezzi dell’Olio di marca (+6,1%) mentre le marche commerciali hanno segnato una diminuzione del 1,8%.

In Francia, invece, si è assistito al fenomeno opposto. Dal momento che l’industria di marca è impegnata in una “feroce guerra” giocata sui prezzi, il rincaro dell’ dell’Olio di Oliva ha impattato solo le marche dei distributori con il conseguente calo della quota a volume (-7,2 punti rispetto all’anno precedente).

Annuario Bevitalia Acque Minerali, Bibite e Succhi Beverfood Acquista Ora o scarica gratis in pdf
Annuario Bevitalia Acque Minerali, Bibite e Succhi Beverfood Acquista Ora o scarica gratis in pdf

Le vendite dell’Olio di Oliva a Marchio del Distributore in Europa nel 2015:

Olive-Oil-prices-rise_FINAL-3

Fonte: IRI

A causa del rialzo considerevole dei prezzi dell’Olio di Oliva di Marca i consumatori in Gran Bretagna preferiscono acquistare i prodotti dei distributori che risultano più convenienti.
“La produzione di Olio di Oliva è legata all’andamento metereologico della stagione, ma l’epidemia che ha colpito gli ulivi in Italia è un fattore completamente nuovo che ha avuto un qualche impatto sull’intero mercato Europeo. Addirittura si sono verificati episodi di furti nelle coltivazioni spagnole in quanto dall’Italia è emersa l’esigenza di aumentare l’approvvigionamento di materia prima da Spagna e Grecia”. – ha commentato Marco Raimondi, Business Insights Director di IRI. -“L’olio d’oliva, che è un prodotto di prima necessità nei paesi dell’Europa meridionale, sembra essere diventato un prodotto ‘premium’ per gli heavy user europei.”. Continua Raimondi.

Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

NOTE METODOLOGICHE:

L’analisi IRI utilizza dati provenienti dai seguenti paesi e canali:
Italia – Ipermercati, Supermercati, Superette. Totale Italia
Germania- Ipermercati, Supermercati; Hard Discount, Cash & Carry. Totale Germania.
Gran Bretagna- Ipermercati, Supermercati, Convenience Stores, Indipendent Grocers. Totale Gran Bretagna.
Francia – Ipermercati, Supermercati, Hard Discount, Click & Collect. Totale Francia.

INFOFLASH/IRI

IRI è leader mondiale nella gestione di big data, soluzioni analitiche predittive e generazione di insight con l’obiettivo di supportare la crescita delle aziende del largo consumo, retail e media. Facendo leva sul più grande patrimonio di informazioni su acquisti, investimenti sul punto vendita, media, shopper loyalty e comportamento dei consumatori, il tutto integrato in piattaforme tecnologiche on demand, IRI guida oltre 5.000 Clienti nel mondo nella ricerca continua di eccellenza, nello sviluppo della quota di mercato, nello stabilire un legame con i propri consumatori, con l’unico obiettivo di far crescere il loro business. Visita il sito www.iriworldwide.com per saperne di più.

Per informazioni: Francesca Fumagalli Ceri Tel: 02 52579.412 Email: Francesca.FumagalliCeri@iriworldwide.com

olive_oil_infographic_feb16

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Maggior Cresciuto Prezzo Costo Olio D’oliva Olio Oliva Europa Iri Infoscan Consumatori

Tags/Argomenti: ,

ARTICOLI COLLEGATI:

In Francia nasce l’Olio d’oliva biologico con caffè Lavazza di Lionel Giraud

01/07/2018 - Dopo settimane di ricerche e test, è nato il primo matrimonio tra il gusto fruttato dell'olio d'oliva unito alla potenza del caffè Lavazza. 100% naturale e bio certifi...

Succhi e bevande frutta nella distribuzione moderna: recupero volumi e valori nel 2017

20/03/2018 - Le rilevazioni di InfoScan Census® mettono in evidenza per l’esercizio 2017 un buon andamento dei mercati delle bevande nei canali iper+super+LSP, grazie anche alla buona...

Focus Bio: un mercato che vale già 90 mld di dollari a livello globale

12/03/2018 - In Italia le vendite di prodotti biologici crescono soprattutto nei discount e nei supermercati di prossimità, segno che sono ormai diventati prodotti di massa. E cresce ...

Simei 2019 a Fiera Milano: non solo vino, ma anche olio, birre e spirits

08/03/2018 - Ernesto Abbona, presidente di Unione Italiana Vini ha presentato oggi la 28esima edizione di SIMEI, il salone leader a livello internazionale nel comparto delle tecnologi...

Dall’Etna e Pantelleria, i nuovi olii Donnafugata

01/02/2018 - Due extra-vergine monocultivar da Nocellarea Etnea e Biancolilla; oltre il vino, la sfida di appassionare i cultori dell’olio di qualità. [beverbanners tipo=dbVino...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

4 × 3 =