Redazione Beverfood.com
| Categoria Notizie Distillati, Liquori, Vino | 3747 letture

Nel 2016 il consumo totale di bevande alcoliche negli USA è sceso di 3,8 Mn di casse da 9l.

Litri Alcoliche Distillati Totale Sceso Iwsr Bevande Spirits Mercato Alcolici Usa Liquori Cocktail Nove Consumo Sidro Casse

Cocktail Sceso Nove Iwsr Casse Alcoliche Bevande Sidro Consumo Spirits Distillati Totale Liquori Mercato Alcolici Usa Litri

L’IWSR US Beverage Alcohol Review (US BAR) fornisce un quadro completo delle tendenze del volume annuale e dei driver sottostanti nel mercato statunitense. Secondo l’ultimo report la birra, il sidro e le bevande miste diminuiscono, mentre il vino e gli alcolici aumentano la crescita.

I risultati del 2016 mostrano un mercato di bevande alcoliche in rapida evoluzione dove le marche a basso prezzo cercano di catturare l’attenzione dei consumatori. Il termine “sfocalizzazione di categoria”, che si riferisce ai consumatori che consumano prodotti in tutte le categorie, è diventato più prevalente e ha reso difficile per i produttori di bevande alcoliche contare su un cliente fedele.

Il consumo totale di bevande alcoliche negli Stati Uniti ha perso 3,5 milioni di casse da nove litri nel 2016 per concludere l’anno con 3,39 miliardi di casse di nove litri. I segmenti in declino – birra, sidro e bevande miste (FAB, bevande lunghe e cocktail pre-miscelati) – hanno registrato una perdita combinata di 14 milioni di casse di nove litri, totale che non è stato possibile compensare dall’aggiunta di 10,4 milioni di casse da nove- litri di liquori e vino. In totale, i volumi delle vendite on-premise  sono diminuiti l’anno scorso, in quanto più consumatori hanno scelto di bere a casa. Le vendite off-premise sono salite l’anno scorso, con conseguente aumento della quota complessiva del mercato.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

Gli spiriti distillati hanno chiuso l’anno con un incremento del 2,6% a 220,8 milioni di casse di nove litri e, di conseguenza, hanno gudagnato uno 0,2% di quota del totale bevande alcoliche. L’industria del vino è aumentata per il suo venticinquesimo anno consecutivo con un totale di 358,3 milioni di casse da nove litri. L’industria della birra è diminuita del -0,2% a 241,3 milioni di ettolitri (hl) nel 2016. La categoria delle bevande miste complessive è diminuita del 3,2% nel 2016 rispetto all’anno precedente, scendendo a 101,6 milioni di casse da nove litri. La categoria sidro ha aumentato negli ultimi tre anni per raggiungere un livello massimo di 2,6 milioni di hl nel 2015, per scendere tuttavia del -15,1% alla fine del 2016 con 2,2 milioni di hl.

l’IWSR prevede comunque un ritorno alla crescita per il totale delle bevande alcoliche statunitensi, con una previsione di aumento dei consumi a partire dal 2018 e raggiungendo un tasso di crescita annuo composto  dello 0,2% nel 2021.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

CATEGORIA CHIAVE

WHISKY: Bourbon è aumentato del 6,4% lo scorso anno a 15,9 milioni di casse di nove litri. Il whisky importato è cresciuto del 3,4% nel 2016. Il whisky irlandese è aumentato del 17,6%, il tasso più alto in oltre un decennio. Il whisky canadese è cresciuto del 2,4%, guidato da Crown Royal e Fireball. La Scotch ha registrato il tasso di crescita più basso tra tutte le categorie importate di whisky con un incremento dello 0,5%.

GIN: La categoria gin ha finalmente fatto progressi dopo anni di consecutività di declino, avanzando dell’1%. Ciò è stato ottenuto dalla performance nei segmenti premium e superiori, oltre alle importazioni di fascia alta.

VODKA: La categoria vodka è cresciuta del 2,3% a 74,8 milioni di casse da nove litri, guidati da marchi nazionali come Tito e New Amsterdam.

RUM: La categoria di rum ha registrato un calo del -1,2%, mentre l’interesse dei consumatori è passato al whisky e alla tequila.

TEQUILA: Le vendite di Tequila sono cresciute del 7,4% nel 2016, raggiungendo un livello di 16,3 milioni e raggiungendo una quota del 7,5% degli spiriti complessivi.

BRANDY / COGNAC: La categoria brandy nazionale (+ 4,1%) è rivitalizzata attraverso offerte di alta qualità da piccoli produttori. Il Cognac è ​​aumentato del 18,8% nel 2016, con Hennessy come il protagonista.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

VINO: Il vino è ancora aumentato dell’1,1% nel 2016 sulla base di varietà premium e superiori quali pinot noir, rosa, cabernet sauvignon, miscele rosse e sauvignon blanc. Il vino spumante ha raggiunto una delle sue migliori prestazioni nel 2016 (+ 7,2%). Sono stati i vini con un prezzo superiore a 10,00 dollari a sperimentare la maggior crescita nel 2016 (+ 7,2%).

BIRRA: L’attuale tendenza a bere meno ma meglio non si traduce in aumenti di volume per la categoria birra. La categoria birra nazionale è scesa del -1,5% in totale. Considerando a parte la birra artigianale, le vendite di birra nazionale sono scese del -2,8%. In prospettiva si prevede una diminuzione del -2,7% nella birra nazionale pari a 4,9 milioni di hl.. Il segmento importato della birra è aumentato del 6%, principalmente guidato dalle importazioni messicane.

COCKTAIL PREPARATI / BEVANDE MISTE: La categoria di bevande miste è costituita prevalentemente da FAB a base di malto (bevande alcoliche aromatizzate) che detengono una quota del 90,3% della categoria, mentre il restante 9,7% è attribuito ai cocktail pre-miscelati e alle bevande lunghe.

CIRCA L’IWSR US BEVERAGE ALCOHOL REVIEW

L’IWSR US Beverage Alcohol Review (US BAR) è stato sviluppato in risposta alla necessità di una fonte unificata negli Stati Uniti che copre l’intero universo di bevande alcoliche: spiriti, birra, vino, sidro e l’importante segmento artigianale. Disponibile come dashboard interattivo online oltre ad un report completo, US BAR comprende demografia grafica dei consumatori, dati statali, previsioni di cinque anni per categoria, spesa pubblicitaria di marca, tutti i numeri di volume e valore dei marchi di bevande alcolici, nuovi prodotti, fusioni

+ info: Graziella Jeffery at graziella@theiwsr.com or +44 (0)20 7689 6834  Brandy Rand (US companies) at brandy@theiwsr.com

+ COMMENTI (0)

Distillerie, Fabbrica della Birra, Tenute Collesi

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Distillati Sidro Casse Totale Spirits Bevande Mercato Alcolici Usa Consumo Iwsr Nove Liquori Cocktail Alcoliche Litri Sceso


ARTICOLI COLLEGATI:

Non solo mezcal: il pox è il nuovo (vecchio) distillato messicano che conquisterà il mondo

Non solo mezcal: il pox è il nuovo (vecchio) distillato messicano che conquisterà il mondo

04/11/2019 - Quando Lou Bank, esperto e divulgatore statunitense di mezcal, ha chiesto a un amico in Messico lumi sulla scarsa produzione di whiskey in un paese così ricco di grano, s...

Mozart Distillery: la sinfonia dei liquori al cioccolato

Mozart Distillery: la sinfonia dei liquori al cioccolato

27/10/2019 - Musica e cioccolato in Austria, nella patria della famosa torta al cioccolato Sacher Torte, non poteva mancare la più prestigiosa azienda produttrice di Liquori al Ciocco...

Roma Bar Show: tutto sulla prima edizione di un evento di successo

Roma Bar Show: tutto sulla prima edizione di un evento di successo

25/09/2019 - Ad Maoira! Di solito in questi casi si dice buona la prima, ma per il Roma Bar Show sarebbe riduttivo un semplice buono. Abbiamo voluto scomodare una locuzione latina, un...

Suggerimenti per il dosaggio dei cocktails

Suggerimenti per il dosaggio dei cocktails

18/08/2019 - È un ingrediente chiave per qualsiasi buona festa: il cocktail. Ma qual è il modo migliore per semplificare il servizio di bevande a una folla assetata? Per quelli di noi...

GinArte e Roberto Cavalli Vodka, gli spirits firmati Cavalli. Intervista a Christian Sanna

GinArte e Roberto Cavalli Vodka, gli spirits firmati Cavalli. Intervista a Christian Sanna

13/08/2019 - Un viaggio tra arte e distillati, questo è "GinArte". Molto più di un semplice gin, ma piuttosto una filosofia, uno stile di vita, un marchio  di qualità che non ha bisog...

“Ginepraio”, il London Dry Gin che parla toscano. Intervista a Enzo Brini

“Ginepraio”, il London Dry Gin che parla toscano. Intervista a Enzo Brini

12/08/2019 - "Ginepraio" è il London Dry Gin che parla toscano. Prelibato frutto della collaborazione tra "Levante Spirits" e "Distillerie Deta", la creazione di Enzo Brini e Fabio Ma...

“Vermouth del Mugello”, sapore di Toscana. Intervista a Lorenzo Gironi

“Vermouth del Mugello”, sapore di Toscana. Intervista a Lorenzo Gironi

11/08/2019 - Dici Toscana, dici spirits e, ormai, non puoi certo non pensare al "Vermouth del Mugello". Un progetto giovane quanto convincente, ambizioso quanto innovativo, e un prodo...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

undici − sette =