Preoccupazione per la tenuta del settore, che si trova da ormai due anni sotto un fuoco incrociato a causa della pandemia prima, dei pesanti rincari adesso e della minaccia di nuove tasse nel 2023: l’incremento della fiscalità del 28% prodotta dalla sugar tax determinerà una contrazione del mercato dell’11,6% nel 2023 rispetto al 2022 e del 17,1% rispetto ai livelli pre-pandemia. È quanto emerge dalla tavola rotonda organizzata dall’Associazione dei produttori di bevande analcoliche in occasione di CIBUS 2022.

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina