Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Ambiente, economia e futuro. La battaglia per la sostenibilità si vive nel quotidiano, che si tratti di consumatori o di grandissime imprese; e la più grande di tutte nel settore birra, AB InBev, continua a farsi portavoce del movimento, andando a mettersi ancora una volta in prima linea per un domani più rispettoso e salutare.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

La sezione UK&Irlanda di Budweiser Brewing Group ha infatti firmato un accordo con Protium, azienda attiva nel settore dell’energia rinnovabile, per lavorare sulla possibilità di implementare l’idrogeno green a emissioni zero nel birrificio Magor, nel sud del Galles, uno dei più grandi dell’intera Gran Bretagna. Si tratterebbe del primo impianto su larga scala per generare idrogeno in un birrificio, e potrebbe da solo eliminare 15.500 tonnellate di anidride carbonica all’anno, incidendo su trasporti e produzione. Sarebbe quindi un passo fondamentale verso il raggiungimento dello status di carbon neutral, ormai notoriamente uno dei principali obiettivi di Ab InBev, che possiede il marchio e il birrificio.

Il più grande produttore di birra al mondo, che ha in portfolio nomi come Corona, Stella Artios, Leffe, ha infatti dichiarato di star lavorando per arrivare a ottenere il 100% della propria energia da fonti rinnovabili entro il 2025. Stando a un comunicato del colosso, “l’idrogeno è un’opportunità eccezionale, è l’elemento più leggero e abbondante dell’universo. È soprattutto un conduttore di energia, uno strumento fondamentale per la transizione verso un’economia globale priva di carbonio”. Quando l’idrogeno è prodotto partendo da fonti rinnovabili come luce solare o vento, non comporta emissione di gas serra, e per questo viene definito idrogeno green. 

Budweiser Brewing Group dispone già di impianti eolici e fotovoltaici all’interno del proprio sito produttivo, che verranno quindi utilizzati per generare idrogeno dal Centro di Produzione Protium, che si situerà a poche centinaia di metri di distanza dal birrificio. Il Centro contemplerà batteria, stoccaggio e una stazione di rifornimento, e si prevede potrà operare dal 2027: si risparmieranno 15.500 tonnellate di anidride carbonica all’anno, pari alla rimozione di 3.300 automobili dalle strade britanniche o alla cancellazione di 12.000 voli a lunga tratta all’anno.

Il progetto dovrebbe essere commercialmente operativo dal 2024 (quindi generare effetti contrattuali tra le due parti in causa), e sarà di fatto il primo nel suo genere a basarsi completamente sull’economia dell’idrogeno a lungo termine. La sostenibilità ambientale non è certo una novità per AB InBev e nello specifico per Budweiser: già dallo scorso anno, l’azienda utilizza il 100% di orzo britannico, che abbatte la filiera, riduce l’impatto ambientale dei trasporti e sostiene l’agricoltura locale. Anche la plastica è stata eliminata, risparmiando 850 tonnellate di rifiuti negli ultimi dodici mesi.

fonte: beveragedaily.com

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Io sono Coralba BLUE. Sono armoniosa ed equilibrata, un’emozione al primo sorso!

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina