Redazione Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 1349 letture

L’addio a Beppe “Citrico” Rinaldi: la Langa non sarà più la stessa

Citrico Stessa Langa Barolo Rinaldi Beppe Langhe Beppe Rinaldi

Rinaldi Beppe Citrico Barolo Stessa Langhe Beppe Rinaldi Langa


Ha destato molto cordoglio la notizia della scomparsa di Beppe Rinaldi detto “Citrico”, uno degli interpreti più autentici della Langa che se n’è andato a settant’anni. La notizia della morte dalla tarda sera di domenica 2 settembre ha fatto presto il giro del web, per uno che di computer e di modernità non era certo un fan. Un protagonista indiscusso del mondo del vino langarolo, portabandiera della filosofia del fare vino in maniera tradizionale.

Conosciuto con il soprannome di “Citrico”, per i suoi giudizi taglienti e per l’abitudine a essere sempre sincero e mai accomodante, uno stile ereditato dal padre Battista Rinaldi, già sindaco di Barolo negli anni in cui riuscì a far diventare di proprietà comunale il castello Falletti. Un personaggio che lascia un grande vuoto nel mondo del vino, lui che si definiva anarchico e difensore di un modo di interpretare il Barolo fedele alla tradizione della botte grande, in grado di produrre vini mitici ma al tempo stesso bottiglie non sempre immediatissime, vini ostinati e contrari.

Non abbiamo la pretesa di tratteggiare un profilo del Rinaldi pensiero, da attenti osservatori possiamo constatare come negli ultimi tempi aveva preso a cuore la causa delle sue amatissime Langhe, contro un modello vino-territorio in grado si di produrre vini conosciuti in tutto il mondo, ma che stavano secondo Rinaldi portando le logiche di profitto e speculazione ad avere la meglio sul rispetto del territorio, con al centro della questione anche il paesaggio ormai troppo vitato, il turismo eno-gastronomico e il concetto di Cru. In tutto questo in uno scenario in cui le vigne ormai quotano 2 milioni di euro a ettaro, un giovane non sarà forse più in grado oggi di poter acquistare della terra partendo da zero. Il testimone e l’eredità di Beppe Rinaldi passano nelle mani della moglie Annalisa e delle figlie Marta e Carlotta, di fatto da alcuni anni in cantina, per continuare a regalare dei grandi vini che faranno continuare a vivere lo spirito di Citrico.

Sogedim trasporti a temperatura controllata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Citrico Rinaldi Beppe Rinaldi Beppe Stessa Langa Langhe Barolo

Tags/Argomenti: , , ,

ARTICOLI COLLEGATI:

Grandi Langhe 2019: annate, uomini e novità

04/02/2019 - La chiamano la provincia Granda, e non è un caso che l’evento clou del vino in zona si chiami Grandi Langhe. La prima reunion albese dell’anno, con la scelta di anticipar...

Come nasce la Scuola di Viticoltura e di Enologia “Umberto I” di Alba? Ripercorriamo la storia…

14/01/2019 - Accade che a  cavallo tra il 1700 e il 1800 in Europa si parlasse di “nouvelle agricolture” figlia di un trend positivo di produzione unito alla conservabilità dei prodot...

Royal Nebbiolo Grape, una masterclass per fotografare le differenze tra Lessona, Barbaresco e Barolo

27/11/2018 - Quello che più colpisce del Nebbiolo è la sua capacità di annidarsi con il suolo in cui nasce mantenendo le sue caratteristiche strutturali intatte, fedeli alla sue radic...

A Le Cantine del Gavi per un gusto senza tempo con Barolo, Barbaresco e Brunello

22/11/2018 - Sono tre le “B” presentate, ad arte, a Le Cantine del Gavi venerdì 16 novembre 2018 durante una cena-degustazione che ha sfidato la memoria dei molti partecipanti rimasti...

Nespresso partecipa a La Vendemmia di Roma

15/10/2018 - Nespresso ritorna per la seconda edizione de La Vendemmia di Roma, l’iniziativa che celebra l’unione vincente tra le boutique del lusso e i vini più prestigiosi. &...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

sette + 12 =