Fatima
| Categoria Notizie Vino | 1933 letture

L’analisi Competitive Data sui bilanci delle aziende del settore Vini e Spumanti

Analisi Spumanti Bilanci Data Spumante Vini Competitive Mercato Vino Italia Mercato Vini Competitive Data

Mercato Vini Spumanti Spumante Vini Data Competitive Data Bilanci Mercato Vino Italia Analisi Competitive

Competitive Data ha completato come ogni anno l’analisi dei bilanci delle prime 290 società di capitali appartenenti al settore Vini e Spumanti, per il triennio 2014-2016.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

RICAVI  IN CRESCITA

I ricavi complessivi registrano un aumento del +4,4%, attestandosi a 8.868 milioni di euro, con le regioni del Nord Est che ottengono il valore più alto di crescita, pari al +6,4%, seguite dalle regioni del Sud e delle Isole con un incremento del 4,4%, e dalle regioni del Centro con +0,7%, chiudono le regioni del Nord Ovest con una lievissima flessione, -0,1%. A livello regionale è da evidenziare la crescita della regione Sardegna, +17,1%, e la flessione della regione Emilia Romagna, -4,6%.

Se guardiamo all’EBITDA non mancano le sorprese, con le regioni di Sud e Isole che questa volta fanno registrare la performance migliore, +10,3%, seguite dalle regioni del Nord Est, +7,9%, mentre volgono in negativo le regioni del Centro, -1,5%, e del Nord Ovest, -3,2%.

Raggruppando le aziende per classi di fatturato otteniamo la crescita maggiore (+5,8%) nel cluster delle aziende con fatturato superiore ai 40 milioni di euro, seguite dalle aziende con fatturato compreso tra 10 e 40 milioni di euro, +4,9%, chiudono in flessione, -15,1%, le aziende con fatturato inferiore ai 10 milioni di euro.

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

CRESCONO GLI UTILI E LE AZIENDE IN UTILE

 

Per quando riguarda gli utili, il dato cumulato del 2016 è di 339.003.000 euro, con un aumento del 5,8% rispetto al valore del 2015 di 320.408.000 euro.

L’utile medio per regione vede la regione Toscana segnare il valore più alto con 3.323.110 euro mentre la regione Lazio registra una flessione media pari a  9.350 euro.

L’incidenza media degli utili sui ricavi è del 3,8% nel 2016, stabile rispetto al 2015, mantenendosi su valori più elevati rispetto al 2014 (2,8%). Sono in leggero aumento le aziende che chiudono l’esercizio in utile, 222 nel 2016 contro le 220 del 2015.

 

GLI INDICI DI REDDITIVITA’

Aggregando i bilanci delle società che realizzano nel settore una quota superiore al 50% dei ricavi si ottiene il bilancio somma settoriale, dal quale vengono calcolati i valori medi di riferimento con cui confrontare le performance aziendali.

 

Ai massimi del triennio la redditività degli azionisti

Il ROE medio nel 2016 è stato del 10,5%, in  crescita rispetto al valore del 2015 (9,0%), e del 2014 (8,3%).

L’indice, che è dato dal rapporto tra Utile e Patrimonio netto, rappresenta la redditività per i soci.

 

In lieve flessione il ROI

Il ROI evidenzia la capacità di generare reddito operativo, cioè il risultato ottenuto senza considerare gli oneri finanziari, il reddito della gestione straordinaria e le imposte, utilizzando al meglio, e in modo efficiente, gli investimenti.

Il ROI medio è stato del 7,6% nel 2016, in lieve flessione rispetto al 8,0% del 2015.

 

In lieve flessione  i margini sulle vendite

Il ROS è il margine operativo sulle vendite. La media del 2016 è stata del 6,0%. Questo significa che per ogni euro di ricavi, tolti tutti i costi operativi, quello che rimane è 6,0 centesimi. Il valore è leggermente inferiore a quello del 2015, 6,1%, ma su valori più elevati rispetto al 2014, 5,8%.

Segue lo stesso andamento l’EBITDA medio rispetto al fatturato, o margine operativo lordo, passato dal 9,1% del 2015 al 8,7% del 2016.

 

RISCHIO FINANZIARIO STABILE MA ANCORA SU VALORI ELEVATI

Il rapporto di indebitamento, o leverage, rappresenta indirettamente la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di terzi utilizzate per finanziare gli impieghi ed è pari al rapporto fra totale capitale investito e il patrimonio netto, misurando il cosiddetto “effetto leva”. Nel 2016 il rapporto di indebitamento evidenzia un valore di 2,8 sostanzialmente stabile rispetto al 2015, ed ancora in un’area di squilibrio finanziario.

L’incidenza media degli oneri finanziari sul fatturato è stata dello 0,8%, in miglioramento rispetto al 1,1% del 2015.

 

Il report completo e personalizzabile è disponibile:

www.competitivestore.it/vini-e-spumanti

 

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Mercato Vino Italia Competitive Data Bilanci Spumante Spumanti Analisi Data Competitive Vini Mercato Vini


ARTICOLI COLLEGATI:

Osservatorio del Vino: in crescita del 5% L’EXPORT DEI VINI ITALIANI da gennaio a novembre. Boom spumanti a + 15%

Osservatorio del Vino: in crescita del 5% L’EXPORT DEI VINI ITALIANI da gennaio a novembre. Boom spumanti a + 15%

23/02/2016 - “Il 2015 si prospetta un anno da record per l’export del vino italiano che, da gennaio a novembre, vale 4,9 miliardi di euro, il 5% in più rispetto allo stesso periodo de...

Ca’ del Bosco: 10 anni Cuvée Prestige à la volée in arte e beneficenza

Ca’ del Bosco: 10 anni Cuvée Prestige à la volée in arte e beneficenza

02/11/2017 - Se c'è un'azienda che con un vino ha caratterizzato l'ultimo decennio nel mondo delle bollicine italiane sicuramente un posto in prima fila lo merita Ca' del Bosco con il...

FERRARI conquista il titolo di “Sparkling Wine Producer of the Year”  2015

FERRARI conquista il titolo di “Sparkling Wine Producer of the Year” 2015

08/09/2015 - Le Cantine Ferrari si aggiudicano il titolo di “Sparkling Wine Producer of the Year” nel concorso internazionale The Champagne and Sparkling Wine World Championships 2015...

Il GRUPPO TOGNI consolida il primato italiano lanciando la nuova linea di spumanti LE CUVÉE

Il GRUPPO TOGNI consolida il primato italiano lanciando la nuova linea di spumanti LE CUVÉE

23/11/2015 - Il Gruppo Togni si prepara al Natale e lo fa presentando una nuova linea dei suoi spumanti Rocca dei Forti, con cui detiene il primato italiano delle bollicine più vendut...

Florio, leader del Marsala, propone ora uno spumante dolce aromatico

Florio, leader del Marsala, propone ora uno spumante dolce aromatico

20/06/2012 - Il vino non si abbina più solo al cibo, ma soprattutto a momenti che segnano la nostra vita. Florio incarna questa tendenza grazie alla sua gamma di prodotti eclettici e ...

WINE2WINE: in aumento il fatturato delle cantine sul mercato italiano nei primi 5 mesi 2015

WINE2WINE: in aumento il fatturato delle cantine sul mercato italiano nei primi 5 mesi 2015

24/07/2015 - Non ci sono solo i mercati esteri a dare soddisfazione alle cantine italiane. Seppur con luci ed ombre, anche il mercato nazionale sembra offrire delle opportunità ai pro...

Vinitaly-Nomisma Wine Monitor: l’Asia Orientale è l’area che cresce di più nel decennio (+23%)

Vinitaly-Nomisma Wine Monitor: l’Asia Orientale è l’area che cresce di più nel decennio (+23%)

03/04/2019 - Export complessivo mondo: l’Italia chiude in positivo il 2018 (+3,3%, 6,149 mld di euro), ma comanda la Francia (9,334 mld di euro). L’Asia Orientale è l’area geopolitica...

SPUMANTI ITALIA 2013: consumi interni al palo, ma boom dell’ export

SPUMANTI ITALIA 2013: consumi interni al palo, ma boom dell’ export

10/03/2014 - Bollicine e spumanti Italiani sulla cresta dell’onda. La produzione annua è stata di 434 milioni di bottiglie con un valore all’origine di 735 €/mil. La crescita dei volu...

EXPORT VINI ITALIA 2013: Superati i 5 miliardi di export. Boom degli spumanti

EXPORT VINI ITALIA 2013: Superati i 5 miliardi di export. Boom degli spumanti

17/03/2014 - Secondo le analisi ISMEA il 2013 è stato un altro anno record per le cantine italiane, che hanno messo a segno un +7% degli introiti provenienti dalle vendite oltre front...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

tre × tre =