Pinterest LinkedIn

AssoBirra, l’Associazione più rappresentativa del comparto birrario in Italia, esprime preoccupazione per il voto che questa sera la plenaria del Parlamento Europeo pronuncerà sulla relazione approvata dalla Commissione BECA sul Piano Europeo Anticancro.

 

Birritalia Beverfood.com annuario Birre Italia

 

Questo piano si configura come un elemento importantissimo per la tutela dei cittadini europei rispetto a patologie tanto gravi e devastanti. E’ finalizzato a introdurre una serie di azioni per ridurre sensibilmente l’incidenza di patologie oncologiche in Europa, ma ha anche messo in allarme tutto il settore agroalimentare italiano, incluso quello della birra, poiché pone le basi per l’implementazione di misure particolarmente penalizzanti – come etichettature con avvertenze sanitarie e il divieto di sponsorizzazioni di eventi sportivi – secondo AssoBirra esageratamente punitive e senza alcuna distinzione tra consumo moderato e consumo eccessivo, e quindi dannoso. Il rischio per gli operatori è infatti quello di subire una demonizzazione ingiustificata del prodotto birra, che finirebbe categorizzato come dannoso, con una impostazione che potrebbe penalizzare la filiera, incoerente con le modalità di consumo e la cultura della birra in Italia.

Alfredo Pratolongo, Presidente di AssoBirra

“La birra in Italia è un prodotto che, nella grandissima parte dei casi, viene consumato in quantità moderate e, soprattutto, l’80% della birra viene bevuta durante i pasti, quindi in un contesto conviviale e coerente con la cultura del bere moderato, che caratterizza le abitudini responsabili di noi Italiani. – afferma Alfredo Pratolongo, Presidente di AssoBirra – “Nonostante il trend di crescita dei consumi di birra in Italia, il nostro Paese ha un consumo pro capite pari a circa la metà della media europea, che vede Paesi del Centro Europa con consumi anche 4 volte superiori ai nostri, in ragione di un approccio al bere moderato e responsabile dei nostri concittadini. Le misure indifferenziate che non distinguono fra consumo responsabile ed eccessivo danneggerebbero solo imprese e consumatori, senza per altro essere efficaci nel limitare gli abusi della popolazione adulta e nel combattere il consumo dei minori. Auspichiamo che il Parlamento Europeo, dove diversi europarlamentari italiani hanno depositato emendamenti a supporto della nostra posizione, faccia proprie le ragionevoli mitigazioni proposte che in nessun modo minano la ratio condivisibile della relazione.”

Nel caso del divieto alle sponsorizzazioni per il settore sportivo, quest’ultimo potrebbe subire pesantissime ricadute economiche. Le sponsorizzazioni rendono lo sport più accessibile e sono un vantaggio per tutti: spettatori, atleti, società sportive. Quando si parla di sponsorizzazioni agli eventi sportivi non parliamo soltanto dei grandi eventi, ma soprattutto di quelle migliaia di realtà locali che vivono grazie agli sponsor che arrivano dalle piccole cantine o da piccoli birrifici che operano in piccoli comuni. Le aziende, nel solo settore birrario, investono in Europa oltre 900 milioni di euro all’anno per 8.000 comunità locali, sostenendo decine di migliaia di realtà sportive.

“La birra, fra le bevande alcoliche, è anche quella a più bassa gradazione e offre anche alternative analcoliche dal gusto eccellente, frutto dell’innovazione di prodotto sviluppata dal comparto; anche questi elementi hanno contribuito a rendere il settore storicamente vicino al mondo dello sport a tutti i livelli. Ma soprattutto il mondo della birra è da anni impegnato in campagne finalizzate a comunicare al grande pubblico messaggi mirati a un consumo responsabile dell’alcool. Come comparto abbiamo intrapreso queste azioni per scelta e responsabilità e non per obbligo di legge.

Se passerà la proibizione di sponsorizzazioni a eventi sportivi, lo sport e la comunità saranno le realtà maggiormente danneggiate da questa impostazione così radicale”, conclude il Presidente Pratolongo. AssoBirra auspica che il Parlamento Europeo trovi un punto di equilibrio nel voto di questa sera e che le forze politiche nazionali e il Governo si attivino da subito per difendere, nel rispetto del diritto alla salute, i rischi di penalizzazione cui si andrebbero a esporre interi comparti dell’agroalimentare italiano in caso di conferma dell’impostazione della Relazione dell’Europarlamento.

Guidaonline Birre & Birre 2022 con oltre 1700 marchi di birra. Scarica Ora il pdf gratuito!!!

 

ASSOBIRRA

AssoBirra dal 1907 riunisce le maggiori aziende che producono e commercializzano birra e malto in Italia che complessivamente coprono più del 90% della produzione di birra nazionale, rappresentano il 71% di birra immessa al consumo nel nostro Paese, dando lavoro direttamente e con l’indotto a circa 144.000 persone. Rappresenta la casa della birra italiana all’interno di Confindustria e riunisce oltre 40 associati tra grandi, medi e piccoli birrifici, insieme con le 2 malterie. AssoBirra svolge per il settore birrario compiti di rappresentanza istituzionale, promozionale e di sviluppo. AssoBirra è anche l’organismo incaricato di valorizzare l’immagine della birra e a questo scopo, oltre a promuovere studi e ricerche su tutti gli aspetti legati al mondo birrario, promuove anche campagne di relazioni pubbliche finalizzate alla crescita della cultura della birra e alla sensibilizzazione ad un consumo responsabile.

Per ulteriori informazioni: www.assobirra.it. – assobirra-pr@connexia.com

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Santi Crinaia - Dal 1843 Passione Valpolicella

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina