Pinterest LinkedIn

La Cina rimane un mercato del vino con un grande potenziale, nonostante le recenti diminuzioni dei volumi di vino importati. Con una popolazione urbana a reddito medio-alto di circa 112 milioni, poco meno della metà (52 milioni) beve vino importato almeno due volte l’anno. Tuttavia, sembra che il mercato stia maturando e, come descrive il rapporto China Portraits 2019 di Wine Intelligenc, stiamo iniziando a vedere comportamenti e atteggiamenti più allineati a un mercato del vino sviluppato.

 

In che modo il mercato del vino cinese sta diventando più “maturo”? Per prima cosa, lo stock di bevitori di vino importati regolari (mensilmente) si è bloccato, per ora, a circa 33 milioni di individui. Per contestualizzare, l’equivalente nella popolazione britannica è di 27,5 milioni e negli Stati Uniti è di 84 milioni. Quel futuro, sognato da alcuni imprenditori, in cui un miliardo di cinesi acquisteranno ciascuno un cassa di vino all’anno (che, se mai dovesse accadere, rappresenterebbe circa il 40% della produzione mondiale di vino) sembra improbabile – almeno per ora.

Ciò che c’è di probabile è una crescente raffinatezza tra alcuni consumatori di vino, un’abitudine quotidiana con questa bevanda e altri gruppi che ancora si sentono nel vino o scoprono che la bevanda non si adatta ai loro gusti o stile di vita. Queste tendenze sono tutte analizzate nel rapporto China Portraits 2019, che fornisce una segmentazione di questi consumatori in base al loro rapporto con la categoria e al modo in cui questi gruppi sono cambiati dall’ultimo rapporto del 2017.

Ad esempio, coloro che bevono vino principalmente per scopi medicinali (“Health Sippers”)- rappresentano ora il segmento di consumatori più piccolo sul mercato. Poi ci sono i “Mainstream Casuals”: coloro che hanno adottato una cultura del bere vino, bevendo per piacere scoprendo la loro passione.

Un altro segno di un mercato che sta maturando è il consumatore più informato e coinvolto. In precedenza, c’era una parte dei consumatori che chiamavamo “tradizionalisti alla ricerca del prestigio” – consumatori benestanti che bevevano principalmente vino rosso ed equiparavano il prezzo elevato alla qualità. Parte di quei consumatori si è ora evoluta in ” Engaged Explorers “, un segmento recentemente identificato nel 2019, che spende ugualmente ma esplora più frequentemente e spesso al di là delle tradizionali categorie di vini. Si potrebbe dire che sono veri appassionati di vino che coglierebbero ogni opportunità per arricchire la propria esperienza enologica.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

L’altro gruppo di “tradizionalisti in cerca di prestigio” si è evoluto in “cercatori di status”, l’ennesimo nuovo segmento di consumatori identificato quest’anno. Gli “Status Seekers” sono coloro che bevono vino per mostrare il proprio status sociale e non si preoccupano di spendere di più per una bottiglia di vino; sebbene, non siano necessariamente desiderosi di essere più coinvolti nella categoria. Questi “cercatori di status” sono più avventurosi dei loro predecessori e bevono vino di nicchia più alla moda.

Rispetto a questi segmenti nuovi ed in evoluzione, i “Newbies sociali” rappresentano ancora il più grande gruppo di consumatori, proprio come nel 2017. Sono i bevitori più giovani, in genere all’inizio della loro carriera, che devono ancora sviluppare il loro interesse per vino. Stanno ancora sperimentando le diverse categorie, ma hanno meno probabilità di bere vino rispetto a prima per ragioni di salute. Gli “occasionali frugali” rimangono anche bevitori a bassa frequenza che sono tipicamente motivati ​​da “il prezzo è giusto” e sono meno motivati ​​dalla categoria del vino.

Maggiori dettagli su ciascun segmento di consumatori sono disponibili nel rapporto China Portraits 2019, che fornisce un contesto generale del mercato del vino cinese oltre alle caratteristiche e ai cambiamenti all’interno di ciascun segmento. China Portraits 2019 è la quinta edizione pubblicata dei nostri China Portraits (la prima è stata pubblicata nel 2011). L’indagine è disponibile anche per Regno Unito, Stati Uniti, Australia e Canada .

 

+INFO: www.wineintelligence.com/chinese-wine-consumers-step-up/

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

4 + 19 =