Giacomo Iacobellis
| Categoria Notizie Distillati, Liquori, Food | 632 letture

“Basque Moonshiners” approda in Italia: al Dome di Firenze J. L. Navarro racconta i distillati craft

Basque Moonshiners Vodka Whisky Firenze Moonshiners Italia Dome Distillati Mixology Craft Basmoon Vodka Spirits Gin Basque Jose Luis Navarro Navarro

Jose Luis Navarro Basque Basque Moonshiners Italia Firenze Spirits Moonshiners Distillati Basmoon Vodka Navarro Vodka Dome Gin Whisky Craft Mixology

© Riproduzione riservata


Firenze e i Paesi Baschi non sono mai stati così vicini. Martedì prossimo il locale fiorentino “Dome” avrà infatti l’onore di ospitare Jose Luís Navarro, fondatore e proprietario della celebre microdistilleria spagnola “Basque Moonshiners”, tra i principali protagonisti  europei in quanto a distillati craft.

Un classico pairing food&beverage, che abbinerà piatti sfiziosi ai prodotti di punta della distilleria nata nel 2014 a Fontecha, nella provincia di Álava, con un obiettivo a dir poco ambizioso. “Dopo il grande successo delle craft beer abbiamo deciso di andare ancora più in là e trasportare il concetto di ‘artigianale’ nel mondo dei distillati. Alla base del progetto c’è un legame indissolubile col territorio e le materie prime che questo ci offre ogni giorno. Non è un caso che tra le nostre creazioni più richieste sul mercato ci sia proprio la nostra premiatissima Basmoon Vodka alla patata”, ci racconta in esclusiva Navarro a pochi giorni dal tanto atteso evento all’ombra del Duomo.

Testa alta e occhi luminosi, con la passione di chi ha visto il proprio sogno realizzarsi brillantemente dopo tanti sacrifici. E con grande riconoscenza nei confronti del nostro popolo. Già, perché insieme ai suoi due amici e oggi soci, Carlos Ortiz de Zárate e Eduardo Martínez de Murguia, Navarro iniziò a sperimentare distillati con la ricetta di un antico soldato italiano emigrato in Spagna per combattere la Guerra civile nel 1936, il piemontese Antonello Favro. “Fu proprio lui a insegnare al nonno del nostro Maestro distillatore Carlos a produrre vodka, fu proprio lui il primo Basque Moonshiners. Noi non abbiamo fatto altro che riprendere quelle vecchie ricette, oltre allo storico alambicco utilizzato dai nostri avi per produrre liquori casalinghi, portando avanti la tradizione di famiglia”. Un nome non certo casuale, quello scelto quindi per l’azienda: basco per il già citato marchio territoriale e “moonshiners” come i vecchi distillatori di whisky di frodo.

Con la sua produzione e distribuzione di vodka, gin, whisky e spirits vari, oggi “Basque Moonshiners” fornisce prodotti craft, originali e ricercati, a clienti tra gli altri spagnoli, portoghesi, italiani, inglesi, tedeschi, polacchi, finlandesi, ma anche americani e panamensi, solo per dare un’idea della dimensione internazionale raggiunta da quella che appena qualche anno fa nacque come una semplice attività ludica a fini privati. Un percorso lungo e avvincente, ricco di ostacoli e soddisfazioni, che Navarro illustrerà passo dopo passo durante la bella serata organizzata al “Dome”. Insieme, ovviamente, a ricche degustazioni. Con un occhio particolare alla Ginebra. “I nostri gin sono forse il fiore all’occhiello della distilleria. Si tratta di gin in stile London Dry con ginepro maturo della zona, ma anche scorza d’arancia o di limone, cacao in polvere, pepe, zenzero e tanti altri ingredienti segreti”.

Come mancare, insomma? Dall’Italia alla Spagna, dalla Spagna all’Italia. I “Basque Moonshiners”, in qualche modo, tornano dove tutto è iniziato. Tanto tempo fa. E al “Dome”, martedì prossimo, se ne sentiranno (e assaggeranno) sicuramente delle belle.

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Gin Whisky Jose Luis Navarro Basmoon Vodka Firenze Distillati Craft Spirits Vodka Basque Moonshiners Navarro Italia Basque Moonshiners Dome Mixology

ABI Professional Associazione Barmen Italiani

ARTICOLI COLLEGATI:

Il “think pink” conquista il mondo del bere

18/02/2019 - Secondo buona parte della dottrina, il termine cocktail è una fusione tra le parole inglesi cock, gallo, e tail, coda. A indicare la particolare varietà di colorazioni ch...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – Il “Ritual” di Cristian Russo

18/02/2019 - Nuova puntata della serie di interviste di Beverfood.com dedicata al prossimo Concorso Nazionale di A.B.I. Professional (Associazione Barmen Italiani). Tra i venti finali...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – La seconda volta di Giuseppe Stumbo

16/02/2019 - Prosegue la rubrica di Beverfood.com dedicata ai venti concorrenti del prossimo Concorso Nazionale di A.B.I Professional (Associazione Barmen Italiani). Oggi torniamo in ...

Samaroli, tra passato e futuro il più Italiano dei Whisky si racconta al Rasputin

15/02/2019 - Quando a Firenze apri Rasputin, il primo vero e proprio SpeakEasy della città, il successo fu immediato. In fondo, non c’è niente di più attraente di un segreto, nulla di...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – “Rendez-vous” con Federico Pempori

14/02/2019 - Nuovo capitolo della rubrica di Beverfood.com dedicata ai venti concorrenti del prossimo Concorso Nazionale di A.B.I. Professional, in programma tra il 31 marzo e il 3 ap...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

6 + undici =