Zarmalana
| Categoria Notizie Vino | 2735 letture

BELLAVISTA: uno sguardo dall’alto sulla Franciacorta

Festival Franciacorta D'estate Sguardo Franciacorta Bellavista

Sguardo Bellavista Festival Franciacorta D'estate Franciacorta

© Riproduzione riservata

Nomen omen dicevano i latini, il nome è un destino. Ci avviciniamo alla visita alla cantina Bellavista all’interno del Festival Franciacorta d’Estate carichi di aspettative. Si tratta di una delle realtà più importanti della Franciacorta, un profilo quali-quantitativo significativo che negli anni ha fatto crescere questa zona portandola a essere uno dei territori vinicoli più importanti d’Italia.

IMG_9486---Copia

La stradina che da Erbusco sale sino all’accesso di Bellavista ci fa capire l’origine di questo nome. Da qui su in alto si gode di una vista magnifica su tutta la zona, una posizione dominante che si traduce anche in una guida per l’itera filiera. Vittorio Moretti, deus ex machina di Bellavista, da aprile è alla guida del Consorzio Franciacorta come Presidente. Negli anni ’70 decise di costruire una cantina adiacente alla sua abitazione per una produzione di etichette destinate al consumo con gli amici. Ma è stato subito amore con il mondo del vino, negli anni Bellavista è diventata una realtà leader del territorio, oggi le redini della cantina sono in mano alla figlia Francesca Moretti, che insieme all’enologo Mattia Vezzola porta avanti la tradizione di una delle etichette più celebri della Franciacorta.

IMG_9461---Copia-(2)

 

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel

 

BOTTI E VINO

Ogni singolo dettaglio in Bellavista è curato. Nella zona di vinificazione c’è molto acciaio, qui i vini fanno parte della prima fermentazione, ma vengono utilizzate anche le botti per la fase di fermentazione che quindi si suddivide tra acciaio e legno. Solitamente i vini base fermentano per il 35% in botti e per il restante 65% in acciaio. Questo per creare il gusto unico e inconfondibile di Bellavista, mediante un approccio tradizionale e naturale, il vino riposa nelle barrique per stabilizzarsi durante la fase di micro-macerazione, non vengono assorbiti i tannini ed i profumi tipici del legno se non in modo molto delicato. Il risultato ottimale lo troviamo nelle bottiglie di Bellavista, unite alle lenta rifermentazione sui lieviti in bottiglia con un reumage fatto a mano, produzione di vini dalle caratteristiche e dalle proprietà veramente particolari. Il fascino delle 1700 botti francesi, selezionate appositamente da Bellavista in Francia con una tonnellerie di fiducia, legni nuovi che vengono utilizzati sino a un massimo di 6 e 7 anni. Botti che restano piene per 9 mesi all’anno, con un controllo ogni due settimane per verificare che i livelli di igienizzazione non producano dei difetti alla produzione di Bellavista.

botte-e-vini

 

VINO DELL’AMICIZIA

Dal 2008 a Bellavista non producono più vini fermi, la produzione si è concentrata sulle bollicine, anche perché il Gruppo Terra Moretti può presentare alla propria clientela prodotti delle altre cantine, come Contadi Castaldi sempre in Franciacorta, Petra e la Badiola in Toscana. Ma una micro-produzione viene destinata anche a Bellavista per il rosso, si tratta del “Vino dell’amicizia”, dedicato da Vittorio Moretti al suo amico il grande giornalista sportivo Gianni Brera, appassionato soprattutto di vini rossi. Così nasce “Zuan”, vino proveniente dal vigneto della Santissima Annunziata, dato in concessione dai monaci alla cantina Bellavista. Un Merlot in purezza, 100 magnum prodotte solo per occasioni selezionatissime.

IMG_9470---Copia---Copia

 

ANNATE SELEZIONATE

Francesca Moretti insieme all’enologo Mattia Vezzola è alla guida dell’azienda. Tra grandi formati, il bambino di nove litri come lo chiamano qui, con test sull’utilizzo di vetri provenienti da Murano e cuvée selezionate, non mancano gli esperimenti, tra tradizione e innovazione. Di qualche anno fa un cambio anche a livello di comunicazione sul prodotto, con Bellavista che dopo anni ha ridisegnato la grafica di tutte le etichette sulle bottiglie. “Si notano meglio sullo scaffale con questi colori”- il commento attento di un osservatore. Ma forse il regalo più bello che Vittorio Moretti ha voluto fare a tutti i wine lovers, è il vino che porta il suo nome. Viene prodotto solamente in annate selezionate, solamente cinque volte negli ultimi vent’anni, segnale di quanto sia importante il profilo qualitativo in casa Bellavista. L’ultima annata sul mercato il 2008. Blend di Chardonnay 58% e Pinot Nero 42%. Un vino che può reggere anche i vent’anni di invecchiamento, così consigliano da Bellavista che continua a essere una delle realtà che hanno fatto grande la Franciacorta.

IMG_9481
+INFO: http://www.bellavistawine.it/

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

DonQ Rum distribuito da Ghilardi Selezioni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Sguardo Franciacorta Festival Franciacorta D'estate Bellavista


ARTICOLI COLLEGATI:

Vinitaly 2019: al debutto il nuovo e atteso Franciacorta Berlucchi ’61 Nature Blanc de Blancs 2012

05/04/2019 - La Guido Berlucchi, azienda di riferimento della Franciacorta e del Metodo Classico Italiano di qualità, svela alla 53° edizione di Vinitaly le sue novità per il 2019. La...

Bellavista: Ode all’Italia per il nuovo restyling

28/03/2019 - Così un'azienda storica si regala un nuovo respiro. Terra Moretti cambia pelle a Bellavista, proponendo un'ode all'Italia che vive attraverso bottiglie e immagini come ma...

Le note della Franciacorta: Ronco Calino si rinnova

15/03/2019 - Nella Franciacorta moderna, la superficie destinata a vite supera i duemila ettari, rendendo la DOCG una delle potenze assolute nel mondo dello spumante. Se la direzione ...

Protagonista dei brindisi di San Valentino sarà Quor, il nuovo Franciacorta nato in casa La Montina

22/01/2019 - Degustato dopo un tour della cantina, oppure durante una cena gourmet negli eleganti saloni di Villa Baiana, questo sarà il vino che allieterà le coppie in visita alle Te...

Silvano Brescianini di Barone Pizzini è il nuovo presidente del Consorzio Franciacorta

19/12/2018 - Novità in Franciacorta a ridosso delle festività, uno dei periodi più caldi dell’anno per le bollicine bresciane. Silvano Brescianini è il nuovo presidente del Consorzio ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

4 + 10 =