Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie/privacy policy. Se non sei d'accordo sei libero di lasciare Beverfood.com. Premi "ho compreso" per nascondere il messaggio.

Bevande fortificate progettate per offrire benefici specifici: le difficoltà tecnologiche


Il 12.mo sondaggio annuale sull’alimentazione e la salute dell’International Food Information Council Foundation’s di Washington, DC, ha rilevato che il 96% degli intervistati cerca benefici per la salute derivanti dai propri acquisti di alimenti e bevande.

Questo risultato è in linea con le tendenze, che hanno guidato la crescita nel segmento delle bevande fortificate, cioè le bevande arricchite di micronutrienti essenziali come vitamine, sali minerali, ecc., in grado di colmare lacune nutrizionali e più in generale apportare un beneficio per la propria salute. Tuttavia, poiché queste tendenze continuano a proliferare, i consumatori ora stanno cercando prodotti non solo sani in generale, ma in grado di supportare anche i propri obiettivi nutrizionali personali. In altri termini, diversi gruppi di consumatori sono sempre più orientati verso prodotti che offrono benefici nutrizionali specifici.

La fortificazione di cibi e bevande risale ai primi anni ’30, quando i trasformatori di latte iniziarono ad aggiungere vitamina D al latte fluido per prevenire il rachitismo. Da allora, i produttori hanno rinforzato alimenti e bevande con vitamine, minerali e altri nutrienti come mezzo per fornire un beneficio per la salute prevenendo la carenza di nutrienti. Tutti gli alimenti fortificati, quindi, sono alimenti funzionali. Ma non tutti gli alimenti funzionali sono alimenti fortificati. Ad esempio, una bevanda notturna, contenente ingredienti per favorire il rilassamento e la sonnolenza, non riempie le lacune nutrizionali, ma fornisce solo una funzione.

Ma la creazione di bevande fortificate può essere difficile, dicono gli esperti. L’aggiunta di micronutrienti a bevande o prodotti liquidi può presentare una serie di sfide tecnologiche e una buona conoscenza della chimica del prodotto è necessaria per prevenire le interazioni degli ingredienti. Molte vitamine sono intrinsecamente instabili e la loro stabilità è influenzata da una serie di fattori come l’ossigeno, il calore, la luce ultravioletta e la presenza di altre sostanze. Anche l’uso di sali minerali per fornire i minerali nutrizionali e gli oligoelementi richiede una cura considerevole e una conoscenza approfondita delle loro proprietà chimiche e fisiche per anticipare le loro interazioni potenzialmente negative. È essenziale che le bevande fortificate siano sottoposte a studi di stabilità realistici durante lo sviluppo del prodotto al fine di garantire la conformità del contenuto dichiarato di vitamine e minerali alla fine della durata di conservazione. Gli esperti evidenziano, infine, che vitamine e minerali possono modificare il sapore, il colore e le qualità nutrizionali di una formulazione.

 

Per un’ampia panoramica sui trend e le problematiche dei cibi e bevande fortificate si rimanda a: www.bevindustry.com/articles/90755-fortification-driven-by-target-consumers-health-and-wellness-trendsa cura di Amanda Del Buono di Beverage Industry

Iscriviti alla Newsletter



VIDEO DA BEVERFOOD.COM CHANNEL

©1999-2019 Beverfood.com Edizioni Srl

Homepage
Informazioni Societarie/Contatti
Pubblicità sui mezzi Beverfood.com
Lavora Con Noi
Privacy