Mariapia De Nicola
| Categoria Notizie Vino | 569 letture

Bianchello del Metauro DOC e la storia di Fiorini: tre generazioni di cura e amore per il territorio

Territorio Paolo Fiorini Azienda Agraria Fiorini Amore Metauro Fiorini Vini Biologici Generazioni Vitigni Autoctoni Storia Bianchello

Metauro Azienda Agraria Fiorini Amore Bianchello Paolo Fiorini Storia Fiorini Vini Biologici Territorio Generazioni Vitigni Autoctoni

È il 1930 quando Luigi Fiorini pianta il primo vigneto, iniziando a praticare una filosofia vocata al territorio e al rispetto della terra. Oggi, dopo tre generazioni, l’Azienda Agraria Fiorini, a conduzione biologica dal 2013, racconta ancora tutto questo. I suoi vini parlano di amore, un amore che si traduce nell’attaccamento e nella cura per i frutti della terra, primo tra tutti per il biancame, vitigno da cui si produce il Bianchello del Metauro DOC.

 

 

A questo vitigno autoctono a bacca bianca, coltivato nell’alveo del fiume Metauro, sono dedicati quasi 30 dei 45 ettari di vigneto dell’azienda. Caratteristico della zona più settentrionale delle Marche, territorio dalle dolci colline che degradano verso la costa adriatica. Il Bianchello del Metauro è una DOC italiana riconosciuta nel 1969 ma dalla storia millenaria. Delle sue origini ne parla già Tacito. Secondo lo storico latino, infatti, il bianchello ebbe un ruolo fondamentale nella Battaglia del Metauro del 207 a.C., vinta dalle truppe romane, che riuscirono a sconfiggere l’esercito cartaginese di Asdrubale inebriato proprio dal troppo bianchello bevuto la sera prima dello scontro.

 

 

Il Bianchello del Metauro DOC rivela un sapore originario di un “piccolo” ma grande vitigno antico, che racchiude una tradizione vinicola che dura da più di un secolo e che continua, oggi, a guardare avanti, come quella della cantina Fiorini.

 

Un colore giallo paglierino e brillante, un profumo che richiama i prati fioriti e i fiori di tiglio, un gusto armonico e delicato. Queste le caratteristiche organolettiche che “accomunano” le quattro tipologie di Bianchello del Metauro previste dal disciplinare: bollicina, classico, superiore, passito. E che, grazie al rispetto dell’uva e della sua integrità, rendono uniche, ciascuna per le proprie particolarità, le quattro etichette Fiorini a base Bianchello del Metauro:

 

  • S. Ilario: Bianchello del Metauro DOC; vitigno 100% biancame; maturazione 3 mesi in acciaio.
  • Tenute Campioli: Bianchello del Metauro Superiore DOC; vitigno 100% biancame; maturazione 5 mesi in vasche di cemento.
  • Andy: Bianchello del Metauro Superiore DOC; vitigno 100% biancame; produzione limitata; 30% fermentazione ed affinamento in tonneaux, 70% in cemento, 9 mesi sul sedimento nobile con batonage; vino non filtrato.
  • Monsavium: vino bianco Passito; bianchello 100% da uve selezionate e raccolte solo da personale di lunga esperienza; l’appassimento prevede che le uve siano appese sotto il tetto delle fruttaia e appassiscano naturalmente fino a dicembre/gennaio.

 

 

«Tutto è partito con mio nonno Luigi, è da lui che è partita la vocazione per la terra e il rispetto dei suoi frutti, continuata poi con mio padre Valentino e mia madre Silvana, una delle prime “donne del vino”» racconta Carla Fiorini, ENOLOGA alla guida dell’azienda insieme al marito Paolo. «Oggi io e mio marito portiamo avanti questa filosofia, lo facciamo anche nella produzione del Bianchello del Metauro: conserviamo l’antica passione per il vino ma guardiamo al futuro, sempre nel rispetto della nostra terra».

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Il Bianchello d’Autore

Il Bianchello del Metauro rappresenta una delle eccellenze enologiche delle Marche, un vino autentico e dai grandi sapori in cui Fiorini crede, perché, più di altri vini, racchiude in sé, da tre generazioni, un rispetto per la terra e per i suoi prodotti del territorio. Guidata da Carla e da suo marito Paolo, oggi la cantina Fiorini si lega ad altre otto “grandi famiglie di vignaioli” della Valle del Metauro (Pesaro-Urbino, Marche) nel progetto “Bianchello d’Autore”, per dare nuova notorietà alla DOC e sviluppare iniziative che ne promuovano l’eccellenza.

Con il sostegno di IMT (Istituto Marchigiano di Tutela Vini), i produttori d’Autore, quest’anno, celebreranno insieme l’anniversario dei cinquant’anni della DOC con una serie di presentazioni, eventi e degustazioni in tutta Italia.

 

info@fioriniwines.it
www.fioriniwines.it

+info: Giulia Raimondi | Ufficio Stampa Omnia Comunicazione
giulia.raimondi@omniacomunicazione.it

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Amore Vitigni Autoctoni Territorio Vini Biologici Metauro Storia Bianchello Generazioni Azienda Agraria Fiorini Paolo Fiorini Fiorini


ARTICOLI COLLEGATI:

MiVino: la Mostra-mercato dei vini biologici e naturali fa Base a Milano

MiVino: la Mostra-mercato dei vini biologici e naturali fa Base a Milano

20/05/2019 - C’è grande attenzione al fenomeno dei vini biologici e naturali, ecco perché l’edizione di MiVino in programma sabato 25 e domenica 26 maggio 2019 al Base di Milano  si a...

D’Araprì: 40 anni di bollicine champenoise made in Puglia a ritmo di jazz e bombino

D’Araprì: 40 anni di bollicine champenoise made in Puglia a ritmo di jazz e bombino

05/05/2019 - Il 1979 è un millesimo speciale. Chi scrive ha visto la luce in quell’annata, la stessa da cui parte l’avventura straordinaria di D’Araprì. L’unico vero esempio di metodo...

Cambio di guardia al Consorzio Tutela Lessini Durello: Paolo Fiorini è il nuovo presidente

Cambio di guardia al Consorzio Tutela Lessini Durello: Paolo Fiorini è il nuovo presidente

12/03/2019 - Il Consorzio Tutela Lessini Durello si rinnova. A formare il consiglio d’amministrazione 2019/2021 volti nuovi ed esperti. Al vertice, eletto all’unanimità, Paolo Fiorini...

Il recupero del vitigno Erbamat in Franciacorta

Il recupero del vitigno Erbamat in Franciacorta

25/09/2017 - A partire dal 1700, la preservazione e l’incremento della variabilità genetica della vite cominciò a venire meno a favore della propagazione di vitigni ad alte rese per f...

Berlucchi vendemmia l’Erbamat: sarà l’uva del futuro in Franciacorta?

Berlucchi vendemmia l’Erbamat: sarà l’uva del futuro in Franciacorta?

21/09/2017 - Da Berlucchi è in corso la prima vendemmia dell’uva bianca autoctona Erbamat. I raccoglitori sono al lavoro nel vigneto Castello, un ettaro di vigna biologica sulle balze...

Dalle Nostre Mani: l’amicizia nel vino a Vivit 2017

Dalle Nostre Mani: l’amicizia nel vino a Vivit 2017

19/04/2017 - Una storia di amicizia nata in un garage. Come nelle start up tecnologiche, anche qui abbiamo due ragazzi con un sogno nel mondo del vino. Lapo Tardelli ci racconta quest...

Le donne del vino: degustazione al Vinitaly dedicata ai vitigni autoctoni

Le donne del vino: degustazione al Vinitaly dedicata ai vitigni autoctoni

13/03/2017 - Il Vinitaly 2017 delle Donne del Vino sarà dedicato ai vitigni autoctoni: una scelta coraggiosa che punta sulla difesa dei vitigni italiani e particolarmente su quelli pi...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

diciotto + 13 =