0
Pinterest LinkedIn

Coop si conferma il primo distributore italiano con il 18,7% di quota (super + iper), un fatturato di 12,5 miliardi e il mantenimento dei livelli occupazionali (54.000 i dipendenti) come attestano i Bilanci 2015 delle imprese cooperative.

Coop_supermercato

Sono i dati presentati da Marco Pedroni (vedi foto in alto) , riconfermato al suo secondo mandato alla guida di Coop Italia, all’Assemblea Annuale di Bilancio 2015. Un Bilancio di sostanziale tenuta dove si evidenziano anche dei segnali positivi (è il caso ad esempio del miglioramento della redditività aggregata di Coop che passa dai 3,6 milioni del 2014 ai 144 milioni del 2015), ma in un contesto economico ancora complesso dove si infittiscono le insidie generate da un lato da un moltiplicarsi della concorrenza (non solo tradizionale) e dall’altro dalla metamorfosi in atto dei consumatori italiani, sempre più liquidi e infedeli, alla caccia di opportunità di convenienza. Anche i primi sei mesi del 2016 fanno registrare stagnazione dei consumi e difficoltà dell’intero comparto della grande distribuzione che si riversano sull’andamento negativo delle vendite. E richiedono di non mollare la presa sul tema dell’efficienza e del differenziale dei costi contrattuali del lavoro tra i diversi operatori (la partita del rinnovo del CCNL cooperativo è ancora aperta). Il mantenimento della buona occupazione, anche al Sud dove molti distributori hanno abbandonato, è frutto di importanti sacrifici.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

Malgrado le difficoltà la strategia rimane quella tracciata e anzi viene rafforzato il presidio sulla convenienza da perseguire anche a scapito della riduzione dei margini delle merci in linea con la missione cooperativa. E’ stato annunciato inoltre il nuovo corso del Prodotto a Marchio Coop riformulato nelle sue linee (e in fase di lancio a partire dal prossimo settembre); il Prodotto a Marchio è per Coop un’esperienza di successo che ha continuato a generare impatti positivi nelcorso del 2015 incidendo sulle vendite per oltre il 26% a valore (quota stabile rispetto al 2014) e per il 33% a quantità.

Come un giudizio positivo è espresso sull’alleanza internazionale con Leclerc, Delhaize e Rewe; Coopernic sul versante della relazione con i grandi fornitori sta generando significativi risparmi; inoltre sempre in quella sede è stata positivamente avviata l’attività di negoziazione e acquisto comune di prodotti Private Label dei diversi partner.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Sul versante sociale continua a crescere la base che ha superato gli 8 milioni e mezzo di soci e si confermano le principali iniziative sia con il mondo della scuola (i percorsi di educazione al consumo consapevole nel 2015 hanno coinvolto circa 268.000 studenti e oltre 15.000 insegnanti), che sul versante lotta allo spreco (donate 5.143 tonnellate di merce per un valore complessivo pari a 24 milioni di euro). Il 2015 ovvero l’anno di Expo ha visto convogliare in quell’ambito anche queste iniziative con gli oltre 11.000 ragazzi impegnati nelle attività dell’aula del futuro a fronte degli oltre 1,7 milioni di visitatori del Future Food District e l’accordo con Caritas e il Refettorio ambrosiano per la donazione delle eccedenze del supermercato del futuro pari a 18 tonnellate di merce. Nel corso dell’assemblea per l’approvazione del bilancio è stata anche deliberata la fusione in Coop Italia di CCNA, il Consorzio della logistica Non Food di Coop, ponendo così le basi di una migliore efficienza ed efficacia di Coop sul Non Food”.

 

 

+info: Silvia Mastagni responsabile ufficio stampa Coop
silvia.mastagni@ancc.coop.it
www.e-coop.it/

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

quindici + tredici =