Pinterest LinkedIn

Da un gruppo di ricercatori di fama internazionale è nata l’idea di una revisione scientificamente documentata sugli effetti del consumo di moderate quantità di birra sulla salute umana e sull’eventuale rischio di malattie ad esso collegato.

birra-malto-e-luppolo
Dopo un attento lavoro e un serrato confronto, gli esperti hanno infine raggiunto un pieno consenso condiviso. Il risultato è un documento da poco pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nutrition, Metabolism & Cardiovascular Diseases. Le conclusioni possono essere riassunte come segue:

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

MINORE RISCHIO CARDIOVASCOLARE

L’evidenza scientifica disponibile in letteratura permette di concludere che un consumo moderato (fino a 1 drink al giorno nelle donne, fino a 2 negli uomini), di birra riduce il rischio di malattie cardiovascolari. Lo stesso effetto era già stato osservato con il vino, a valori comparabili di alcol. Studi epidemiologici suggeriscono inoltre che il consumo moderato di birra o vino può offrire una maggiore protezione cardiovascolare rispetto ai superalcolici.

MINOR RISCHIO DI MALATTIE NEURODEGENERATIVE

Studi osservazionali suggeriscono che un moderato consumo di bevande alcoliche è associato a un ridotto rischio di sviluppare malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer, anche se i dati specifici relativi alla birra non sono ancora conclusivi.

Scarica gratis la Guidaonline Birre & Birre 2019 Beverfood.com con schede di tutte oltre 2000 marche di birra

NESSUN RISCHIO SPECIFICO DI CANCRO

Non ci sono prove che bere birra sia diverso dal consumare altri tipi di bevande alcoliche in relazione al rischio, pur modesto, di alcuni tipi di cancro.

MINORE MORTALITÀ PER TUTTE LE CAUSE

Per quanto riguarda la mortalità generale, l’analisi dei dati disponibili rivela costantemente una relazione “dose risposta” a forma di J (J-curve) tra consumo di bevande alcoliche (tra cui la birra) e l’insieme di tutte le cause di mortalità, mostrando un ruolo protettivo del bere in moderazione.

Scarica gratis l'Annuario Microbirrifici
Annuario Microbirrifici

EFFETTO BENEFICO E NESSUN DANNO

I dati riportati nel Documento di Consenso provano che non esiste alcun danno dei principali organi e tessuti associato al consumo moderato di birra, che ha invece un significativo e consistente effetto benefico-preventivo contro le malattie cardiovascolari e probabilmente contro la mortalità per ogni causa. Gli esperti che lo hanno redatto concordano quindi che non vi è alcun motivo di consigliare agli adulti sani che già regolarmente consumano una quantità moderata di birra di abbandonare questa abitudine per motivi di salute.

Sottolineano anche, però, che il consumo di bevande alcoliche, e quindi anche di birra, in qualsiasi quantità, non può e non deve essere raccomandato ad adolescenti, donne in gravidanza, persone a rischio di sviluppare dipendenza all’alcol, pazienti con cardiomiopatia o aritmie cardiache, depressione, malattie epatiche o pancreatiche, o a chiunque sia impegnato in azioni che richiedano concentrazione, abilità o coordinamento.

 

+info: www.birrainforma.it/birra-e-salute-raggiunto-un-consenso-internazionale

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

2 Commenti

  1. Il link dell’articolp scuentifico riporta a un “not page found”

Scrivi un commento

2 + 12 =