Domenico Sordi
| Categoria Notizie Vino | 2004 letture

dal bosco alla forchetta, passando per Krug Grande Cuvée

Dal Bosco Alla Forchetta Cuvée Bosco Funghi Krug Food Pairing Krug Grande Cuvée Eventi Enologici Forchetta Krug X Mushroom Chef Champagne Passando

Krug Chef Funghi Dal Bosco Alla Forchetta Krug Grande Cuvée Champagne Passando Forchetta Cuvée Bosco Food Pairing Krug X Mushroom Eventi Enologici

A cura di

© Riproduzione riservata

“Dodo ci sei il 6 luglio per la presentazione del libro Krug x Mushroom a Milano al Mandarin Hotel?” Una telefonata dell’editore, all’apparenza come tante altre. Sono bastati pochi secondi per realizzare e dare la mia disponibilità alla serata. Perché se è vero che amo lo champagne, immediatamente col pensiero ho fatto un viaggio proustiano a ritroso di diversi anni.

Ho ricordato come Krug Grande Cuvée sia stato presente nella mia vita sin da bambino, da quando un caro amico a ogni Natale regalava due bottiglie alla mia famiglia. L’ansia di mia madre, preoccupata che la sua cucina emiliano-lombarda non fosse adatta a uno champagne del blasone di Krug. Le rassicurazioni di mio padre, con pazienza spiegava che non c’era pietanza che la magia dell’abbinamento di questa Grande Cuvée non potesse impreziosire. Una bottiglia veniva aperta a Natale, l’altra a Capodanno, anno dopo anno divenne una tradizione. Ammetto ancora oggi di essere legato alla vecchia etichetta color nocciola, così elegante e unica.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

KRUG X MUSHROOM

Piccolo incipt per raccontare come una calda serata milanese di luglio si è trasformata in una degustazione memorabile di Krug Grande Cuvée 163, per la presentazione del terzo libro Krug sugli abbinamenti “Dal bosco alla forchetta”. Serata delle grandi occasioni, presenze d’eccezione come lo Chef de Caves di Krug Eric Lebel, l’assaggio dei piatti di Antonio Guida, Chef Executive del Ristorante Seta del Mandarin Oriental Hotel. L’emozione di non perdermi neanche un minuto, mi fa varcare la soglia del Mandarin in largo anticipo. Mi sono quindi potuto godere la splendida location del giardino, una vera oasi di pace nel centro di Milano, considerato che siamo in Via Andegani, a due passi da Via Manzoni. Una sorpresa l’allestimento con dei chiari riferimenti boschivi, funghi giganti, tovaglie di muschio e delle sculture a forma di forchette dell’artista Giovanni Scafuro. Krug x Mushroom, come si intuisce questa volta protagonista delle ricette è il fungo, dopo che le passate edizioni  sono state dedicate alla patata e all’ uovo. Il libro è un susseguirsi di ricette di 18 grandi chef di tutto il mondo che hanno pensato i loro piatti basandosi sull’abbinamento con la Grande Cuvée Krug 163. Ho quindi subito realizzato che i piatti dello chef Antonio Guida sarebbero stati tutti a base di funghi, altra cosa che da buon emiliano con origini montanare, adoro. E così piano piano venivano servite queste pietanze straordinarie il cui abbinamento è apparso da subito centrato. Piatto di funghi crudi e cotti, polvere di fungo trombetta dei morti e salsa di uva passa o le orecchie di giuda con scampo alla curcuma. Prima che il giardino si riempisse ho voluto abbandonare qualche minuto le amabili conversazioni con gli altri ospiti per concentrarmi sulla degustazione.

 

NOTE DI DEGUSTAZIONE

In sottofondo la musica del duo Jacky 0 + Mumi, due giovani musicisti che con nuove forme di percussioni e ritmi elettronici hanno saputo creare un’atmosfera particolare. Il colore della Grande Cuvée è un bel giallo dorato, perlage finissimo, elegante e persistente. I sentori sono inizialmente di note di crosta di pane, nocciola, torrone, poi frutta autunnale matura come le mele, mandorle, miele, brioche tostata. Al palato una straordinaria freschezza che ci regala sapori minerali, agrumati e a fine sorso frutti maturi ed essiccati. Un vino assolutamente persistente, strutturato, complesso. Inimitabile. Capace di ospitare ed equilibrare sapori forti.  Eric Lebel, da dieci anni Chef de Caves di Krug, ci ha spiegato con entusiasmo come lui ha interpretato la Grande Cuvée 163, un assemblaggio di 183 vini provenienti da dodici annate diverse, di cui la più vecchia del 1990 e la più giovane del 2007. Tra le righe ci ha voluto dire che la Grande Cuvée  è lo champagne più importante di Krug.

Krug Grande Cuvée 163

È noto che rispetto al passato, i grandi vini di riserva sono aumentati ed è evidente di come questo champagne sia oggi diverso da qualche anno fa. Ma la filosofia è sempre la medesima, profonda attenzione al carattere e alla individualità del singolo appezzamento di vigneto andando oltre il concetto di millesimato. Madrina dell’evento l’attrice, modella e presentatrice Elenoire Casalegno che si è fatta immortalare con tre bottiglie di Grande Cuvée. Che dire…la freschezza, la bellezza e l’eleganza della Cuvée! La scelta di presentare un ingrediente come il fungo così tradizionalmente legato alla stagione autunnale, a luglio, rappresenta il volere della Maison di stupire i suoi ospiti nel tipico stile maverick e unexpected ben radicato nel dna di Krug dai tempi del suo fondatore Joseph Krug. “Una Krug Experience magica e inaspettata da vivere tra allestimenti boschivi e suoni eterei e avvolgenti” come ha spiegato Silvia Rossetto, brand manager Krug.

 

“Dal bosco alla forchetta” presenta gli chef delle Krug Ambassade Cassidee Dabney (Tennessee, USA), Konstantin Filippou (Konstantin Filippou, Austria), Hiroyuki Kanda (Kanda, Giappone), Michael Tusk (California, USA), Kihak Lim (L’Espoir du Hibou, Corea), Christian Le Squer (Le Cinq, Francia), Umberto Bombana (8½ Otto e Mezzo Bombana, Hong Kong), Sergio Sierra (El Portal, Spagna), Vicky Cheng (Vea, Hong Kong), Vikram Vij (Vij’s, Canada), Yosuke Suga (Sugalabo, Giappone), Robin Zavou (Mandarin Grill, Hong Kong), Glynn Purnell (Purnell’s, UK), Chikara Yamada (Yamada Chikara, Giappone), Christopher Kostow (California, USA), James Won (Enfin by James Won, Malesia), Antonio Guida (Seta, Italia), Arnaud Lallement (L’Assiette Champenoise, Francia).

 

LA MAISON KRUG

La Maison fu fondata nel 1843 da Joseph Krug, un idealista dallo spirito anticonvenzionale, con una filosofia di vita che non ammetteva compromessi. La profonda attenzione al carattere del vigneto, il rispetto per l’individualità di ciascun appezzamento e dei suoi vini, oltre alla creazione di un’ampia enoteca di vini di riserva di molte annate diverse, permisero a Joseph Krug di realizzare il suo sogno. Con un approccio del tutto originale alla produzione dello Champagne, decise di andare oltre la nozione stessa di millesimato per creare ogni anno la massima espressione dello Champagne. Fondò una Maison in cui tutti gli Champagne hanno lo stesso livello di distinzione e ognuno illustra una particolare espressione della natura. Sei generazioni della famiglia Krug hanno perpetuato il suo sogno, arricchendo la vision e il savoir-faire del suo fondatore.
Ufficio Stampa Krug | Roberta Antonioli Studio PR
Corso Magenta, 85 | 20123 Milano | T +39 02 89354827| www.rantonioli.it
Roberta Antonioli roberta@rantonioli.it | Jane Cardani jane@rantonioli.it

 

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Dal Bosco Alla Forchetta Forchetta Passando Cuvée Chef Eventi Enologici Krug Grande Cuvée Krug Krug X Mushroom Bosco Food Pairing Funghi Champagne


ARTICOLI COLLEGATI:

“Sagrantino sotto le stelle” si illumina nella notte magica di San Lorenzo

“Sagrantino sotto le stelle” si illumina nella notte magica di San Lorenzo

19/07/2019 - "Sagrantino sotto le stelle" per la Notte di San Lorenzo. Sabato 10 agosto iniziativa promossa dal Consorzio Tutela Vini Montefalco e dal Comune di Montefalco in occasion...

Vendemmia Torino 2019: un’occasione per promuovere le eccellenze di tutto il Piemonte

Vendemmia Torino 2019: un’occasione per promuovere le eccellenze di tutto il Piemonte

17/07/2019 - In questi giorni sembra di tornare nel medioevo o nel cinquecento: le vigne urbane non sono mai state così popolari, a la page. È nata un’associazione, internazionale, ch...

L’Italia sul tetto del mondo degli Sparkling, Ferrari Sparkling Wine Producer of the Year

L’Italia sul tetto del mondo degli Sparkling, Ferrari Sparkling Wine Producer of the Year

14/07/2019 - Una sorta di mondiale delle bollicine il contest Champagne & Sparkling Wine World Championships 2019, che assegna all’Italia il maggior numero di medaglie e si piazza...

Champagne Deutz e D&C presentano Hommage à William Deutz 2012 Meurtet

Champagne Deutz e D&C presentano Hommage à William Deutz 2012 Meurtet

02/07/2019 - La Maison Deutz è orgogliosa di presentare anche in Italia il suo “Hommage” a William Deutz: un Millesimato 2012 prodotto in una edizione limitata di sole 800 bottiglie. ...

La solidità di Andrea Alfieri al Grand Royal di Courmayeur

La solidità di Andrea Alfieri al Grand Royal di Courmayeur

27/06/2019 - Nel più chiacchierato albergo della vallée non si può certo dire che mancano le proposte gourmet. Adatte a tutte le tasche e per tutti i tipi di target anche quelle propo...

Collet, lo champagne al fianco del miglior ristorante del mondo

Collet, lo champagne al fianco del miglior ristorante del mondo

26/06/2019 - Dietro ogni successo di rilievo, per qualsiasi realtà, si celano elementi che sostengono, promuovono e accompagnano i protagonisti. Siano essi staff, idee, partner. È il ...

Declinazioni colorate per l’estate di Paolo Griffa 

Declinazioni colorate per l’estate di Paolo Griffa 

24/06/2019 - È passato poco più di anno dall’arrivo del talentuoso Paolo Griffa, classe 1991, al Grand Hotel Royal di Courmayeur e, dall’ultima nostra visita, notiamo un’evoluzione d’...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

2 + 12 =