0
Pinterest LinkedIn


Se è vero, come è stato detto più volte, che i tre quarti del business italiano della birra è in mano a quattro gruppi internazionali
Heineken Italia 35%,
Peroni Sab Miller 25%,
Carlsberg Italia 9%,
InBev Italia 7%,
è altrettanto vero che il futuro del mercato dipenderà dalla capacità dei produttori birrai di innovare l’offerta.

Il problema è riuscire a fare tipi di birra che possano più di altri incontrare il favore dei nuovi consumatori, proprio ora che la congiuntura di settore segna il passo. Nel 2005 infatti, per il secondo anno consecutivo, la produzione accusa un calo di circa il 3%, l’import cresce dell’ 8,8%, l’export crolla del 15% e i consumi restano imballati sui 17 milioni di ettolitri. Una situazione piuttosto critica a cui è necessario trovare una via di uscita. Che non è certo dietro l’angolo. Le imprese ne sono consapevoli, per questo le più avvedute non rinunciano a cercare nuove soluzioni di sviluppo. Il che non può più avvenire con due, tre referenze ma con una gamma sempre più ampia e varia di prodotti che vanno dalle birre più tradizionali a quelle sempre più speciali.

Arrivando ad avere in portafoglio decine di proposte, comprese le birre analcoliche. Che, dopo il flop degli anni ’90, sono tornate in auge sull’onda dell’affermarsi di stili di vita più attenti ai temi della salute. In Spagna, Paese che ha una domanda pro capite (82 litri) che sfiora tre volte quella dell’Italia (29), il peso della birra analcolica in dieci anni è salito al 9% del mercato totale. In Francia la stessa incidenza viaggia tra il 5 e il 6 per cento. In Germania, Paese più tradizionalista, è sotto l’ 1 per cento. La stessa incidenza dell’Italia, dove però negli ultimi anni le imprese si sono rivelate assai più attente al fenomeno delle birre analcoliche.

Non solo le aziende aprono a questi prodotti, ma li sostengono pubblicitariamente. Sono di questi giorni le campagne di due gruppi che, tra una partita di calcio mondiale e l’altra, promuovono le loro birre mettendone in evidenza il contenuto innovativo. Una proposta è quella firmata dal gruppo Heineken Italia che ha lanciato ” Moretti Zero “, la «prima birra italiana a 0 gradi alcolici».

L’altra è la ” Drive Beer ” prodotta dal gruppo lucano Tarricone che ha preso come testimonial il pilota di Formula 1 Giancarlo Fisichella. In questo caso, però, la birra contiene 2,5 gradi alcolici; quindi, non è analcolica. Di qui l’intervento del gran giurì della pubblicità e dell’Antitrust che hanno ritenuto il messaggio ingannevole, intimandone il ritiro. Ma l’azienda piuttosto che bloccare la campagna ha modificato il messaggio eliminando l’aggettivo analcolico.

Un’altra area di intervento che le imprese seguono è quella delle birre speciali . Del tipo, per intenderci, “prima cotta” della birreria Pedavena di Belluno (ora della Birra Castello), che dopo avere rischiato la chiusura, è riuscita a tornare sul mercato un mese fa con un prodotto .

C’è poi il fenomeno delle microbirrerie (locali che si autoproducono la birra che vendono alla propria clientela), che da una manciata d’anni sta letteralmente imperversando in tutta la penisola. Ormai, di queste “officine” in Italia se ne contano 150-170 e si prevede di arrivare a 200 entro il prossimo anno. Un successo che non sfugge alle grandi industrie del settore. Anzi “è un fenomeno — spiega il presidente di Assobirra, Piero Perron — che seguiamo con attenzione e con molti di loro abbiamo avviato un dialogo costruttivo che ci permette di capire gli orientamenti del mercato”>>>>>.

Fonte: Il sole 24 ore 05 Lug 2006 ripreso da -> www.greenplanet.net

Il significato delle parole
-> BIRRE ARTIGIANALI – MICROBIRRERIE & BREW PUB (glossario beverfood)
-> BIRRE ANALCOLICHE (glossario beverfood)
-> BIRRE LIGHT (glossario beverfood)
-> BIRRE SPECIALITA’ (glossario beverfood)

Sulla birra e gli italiani vedere anche la bevernews sulla -> RICERCA MAKNO/ASSOBIRRA 2006

Presentazione dell’annuario birre-> ABIR

Per scaricare il modulo d’ordine clicca -> QUI

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

dodici + 16 =