Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

In pochi mesi, il cittadino medio si è visto investito da distanziamento sociale, una nuova vita casalinga che ha portato ulteriori sfide nel bilanciarsi tra famiglia e lavoro, e un generico stato di insicurezza a causa della situazione economica incerta. Una nuova normalità, come si legge un po’ ovunque, eppure alcune cose non cambiano mai: secondo una ricerca di Packaged Facts, i consumatori statunitensi hanno rinunciato agli energy drink, preferendo l’immortale caffè per carburare ogni giorno.

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

Mentre le vendite delle bibite energetiche calano, quelle del caffè impennano significativamente. La fonte è una ricerca condotta da Packaged Facts, leader nel campo delle analisi di mercato del food and beverage: il risultato è senz’altro dovuto all’impossibilità di accedere ai luoghi in cui i primi vengono esposti (il caffè è disponibile anche in una normale drogheria). “Soprattutto all’inizio della chiusura”, spiega il rapporto, “i consumatori si sono rivolti a catene all’ingrosso e di conseguenza i rivenditori al dettaglio, dove gli energy drink sono più spesso disponibili hanno sofferto da subito”.

Il caffè è invece acquistabile pressoché ovunque, anche online, dove il rapporto segnala vendite piuttosto rilevanti e in aumento rispetto ad altri beni. L’appetibilità del caffè da acquistare online risiede nella sua lunga shelf life, in pratica la data di scadenza parecchio in avanti nel tempo, e le mosse strategiche di brand importanti che hanno immediatamente fornito agli acquirenti dei pacchetti e delle proposte speciali che aderissero alle nuove necessità. MistoBox ad esempio, permette di creare una serie di consegne personalizzate con aromi diversi; BeanBox offre una selezione di torrefazioni locali; Trade propone solo torrefazioni artigianali e Canary Cold Brew ha inserito in gamma delle lattine di ready to drink. Nel complesso, Packaged Facts sottolinea come nel 2020 aumenteranno dell’8.9% rispetto all’anno precedente, passando da 14.7 a 15.8 miliardi in valore.

Per quanto l’aumento di vendite degli energy drink sia solo del 3.6%, Packaged Facts prevede che la categoria potrà vivere una seconda giovinezza con l’allentarsi delle restrizioni della pandemia; un grosso fattore sarà l’utilizzo di ingredienti naturali, dato che elementi organici che stimolino memoria e concentrazione sono alla base delle richieste dei consumatori di energy drink. Una nuova generazione di bevande energetiche a base naturale sta infatti iniziando a prendere il sopravvento nel mercato: il brand Mamma Chia, ad esempio, che propone prodotti a base di chia e caffeina pulita derivata da yerba mate e caffè verde. Packaged Facts indica inoltre la categoria ibrida tra caffè e energy drink come quella con più potenziale inespresso, per incontrare il desiderio dei consumatori di bere qualcosa di funzionale, unico e gustoso.

fonte: beveragedaily.com

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

tre × tre =