Erika Mantovan
| Categoria Notizie Vino | 508 letture

Cascina Faletta: la materializzazione della storia tra vino e agriturismo

Agriturismo Casale Monferrato Cascina Faletta Barbera Faletta Produzione Vini Pinot Nero Cascina Storia Materializzazione Chardonnay Vino

Faletta Storia Chardonnay Barbera Cascina Faletta Casale Monferrato Produzione Vini Materializzazione Agriturismo Cascina Vino Pinot Nero

© Riproduzione riservata


L’arte è l’accadere della verità”, diceva Heidegger. Esiste un luogo, magico, circondato da vigne in cui si racconta e trova, nelle cantine, il tempo passato. Quella di Cascina Faletta è una “radice parlante”, un’elegante tenuta nell’odierno cuore pulsante del Piemonte, Casale Monferrato.

 

 

E sono tanti e ripidi i sentieri che circondano questa antica dimora che all’ora del tramonto diventa un luogo in cui trovare se stessi per il silenzio e lo scorrere, lento, del tempo. I colori poi intensi e semplici degli arredi interni ed esterni ti proiettano in un “deserto magico” silenzioso e prezioso per la sua storia. È l’incredibile potere del vissuto. Oggi si può  assaporare una bella selezione di vini i cui nomi rimandano ad una ricerca dell’accaduto.

Il Pinot Nero “Tre fucili” per esempio è la rappresentazione del modello 91 Carcano, ancora carico di munizioni calibro 6,5, avvolto nella carta dell’Uomo Qualunque, testata del Movimento fondato da Guglielmo Giannini, trovato al momento della ristrutturazione. Durante l’esperienza a Cascina Faletta si sorride all’ascolto degli aneddoti e ci si rincuora con piacere quando si vede  Margherita  Rosso che con un semplice saluto irrompe nelle sale ed illumina come il primo raggio di sole del giorno gli occhi di mamma Elena Novarino e papa Giovanni.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Una coppia che dal 2009 prosegue con tenacia e passione il progetto vinicolo dei loro nonni, i primi ad iniziare qui negli anni ’20. Un percorso seducente e pregnante da vivere anche calpestando le larghe mattonelle nell’ampio salone che introduce nella parte gourmet della tenuta. Perché oltre a camere e vino c’è il ristornate, aperto nel 2013 che si fa apprezzare per l’incredibile trasversalità e dinamismo da respirare fuori e dentro la cucina lanciata da Andrea Ribaldone.

Ma oggi è Paolo Viviani, insieme ad un ristretto e fedele staff, a curare la sala e la trasformazione delle materie prime, impeccabili, scelte per amuse-bouche ricchi e leggerei come il biscotto di parmigiano e il baccalà mantecato con patate croccanti. E se non basta c’è il crudo di ricciola nel pacchero con burrata, maionese di pomodoro ed estratto di olive seguito da una burrosa quaglia con foglie di papavero a “giustificare il viaggio”. Piatti ovviamente inseriti in una playlist in perfetta sintonia con i vini messi a punto dall’enologo piemontese Luca Caramellino. Non ci si può dunque sottrarre a questa cascina per il suo straordinario essere culla di mistero. Costruita nel 1881, data riportata nell’originale porta d’ingresso, è stata infatti dimora della Marchesa Virginia (a cui è dedicato uno Spumante) premiata nel 1957 con 500 mila lire per la sua eccellente produzione di vini.

 

 

Per aprire le danze seriamente dopo le frizzanti bollicine si trova un “Primo Bianco” a base Chardonnay del 2015 nato in una porzione di terra sabbiosa e scheletrica che introduce alla piacevolezza del Monferrato. Ci sono note di fiori bianchi, agrumi e mandorla in un sorso ampio e serico. Un “all life”. Si continua poi con la Barbera 2015 Braja che viaggia su note ruspanti ed accese di ciliegia e menta. Si guarda ammirati alla sua pulizia ed ampiezza con il succo delicato che prende posizione anche grazie al 50% degli acini introdotti e non pigiati durante la fermentazione. Un incontro pieno, intenso e pacato avvolto in una nuvola fresca e solida.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

E per chiudere il Pinot Nero Tre fucili 2015 è una versione che non si dimentica per il suo profumo preciso e costellato di quarzo, bacche blu e note boisé più dolci. Balsamico e cremoso ti trasporta con ritmo incalzante e mai invasivo unito ad una punta più salina nel finale a rilanciare la beva. E ora c’è una voglia di ritornare per ascoltare l’evoluzione dei gusti. Ecco, è il riuscito obiettivo di Cascina Faletta.

+info: faletta.it

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Cascina Pinot Nero Barbera Agriturismo Storia Chardonnay Materializzazione Cascina Faletta Vino Casale Monferrato Produzione Vini Faletta

ARTICOLI COLLEGATI:

Alla scoperta del vino antico, fermentato, macerato e affinato in Anfore di terracotta

19/06/2018 - Anfore in terracotta per la fermentazione, macerazione e affinamento dei vini. L'Azienda Agricola Olianas di Gergei, nel sud Sardegna, fa propria questa tecnica innovativ...

Ca’D’Gal: Moscato d’altri tempi 

12/06/2018 - È il 1864 quando a Santo Stefano Belbo Giuseppe Gallo inizia la produzione di Moscato con soli 8 ettari. La casa è chiamata e riconosciuta come quella “del Gallo”. Solo p...

“La Selezione del Sindaco”: due i vini vincitori del concorso enologico internazionale

11/06/2018 - Sono due i vini che hanno ottenuto il massimo punteggio assoluto (95/100, fregiandosi della Gran Medaglia d'Oro) al concorso enologico internazionale “La Selezione del Si...

Report OIV: cala la produzione vinicola mondiale 2017, stabili i consumi

21/05/2018 - Il direttore generale dell'OIV (Organizzazione Internazionale delle Vigna e del Vino), Jean-Marie Aurand, ha presentato il 24 aprile presso la sede dell'Organizzazione a ...

Vigne metropolitane, il vino si fa in città. Napoli tra le prime d’Europa

27/04/2018 - Immaginate una metropoli. Un reticolato di strade asfaltate che prendono ombra dai palazzi in fila, il caos cittadino fatto di auto e orari. Metteteci in mezzo, o meglio ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

1 × cinque =