Documenti Bevande Analcoliche

Pagina 2 di 6 1 2 3 4 5 6
| Categoria Documenti | 8270 letture

Acqua Sant’Anna Fonti di Vinadio è sicuramente una delle aziende più effervescenti nel settore delle acque minerali e bevande analcoliche in Italia. Il gruppo piemontese ha messo a segno negli ultimi anni una crescita strabiliante e sorprendente, diventando leader per l’acqua minerale nella moderna distribuzione e conquistando subito posizioni di rilievo anche nel settore del tè freddo. Abbiamo intervistato LUCA CHERI, direttore commerciale dell’azienda, che ci ha spiegato le ragioni di questo successo e le strategie di sviluppo per il futuro.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 14285 letture

Le aziende che producono e/o distribuiscono succhi e bevande alla frutta in Italia sono una sessantina ma la produzione nazionale è alimentata da pochi grandi produttori: Conserve Italia, Parmalat, Zuegg, La Doria, Fruttagel, ….. Il 16-17% dei volumi di vendite fa, invece, riferimento a importazioni dall’estero, soprattutto l’Austria. Ma nel settore hanno cominciato ad operare anche alcuni produttori tradizionali di acque minerali e bibite ma anche diversi nuovi operatori provenienti dal settore delle verdure e frutta freschi che hanno lanciato nuovi frullati e spremute.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 12414 letture

Nel settore delle bibite rinfrescanti operano all’incirca un centinaio di operatori tra produttori diretti e importatori di bibite dall’estero. Il settore tuttavia mostra un’elevata concentrazione tra le aziende del settore. Le prime 4 posizioni (Coca-Cola, Sanpellegrino, San Benedetto, Spumador) nell’assieme assorbono i tre quarti del totale mercato a volume, mentre le prime 8 posizioni (le precedenti più Pepsico, Ferrero, Campari e Red Bull) assorbono il 90% del totale mercato. Altri competitori di minor dimensione esprimono posizioni di rilievo in specifici segmenti settoriali o territoriali

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 6996 letture

Contrariamente a quanto accade nel settore delle bibite, quello delle acque confezionate è un settore ancora molto frastagliato dal punto di vista produttivo con numerose aziende che operano a livello nazionale o addirittura a carattere locale. Le prime grandi multinazionali ad impegnarsi in questo settore produttivo sono state Nestlè e Danone che entrarono nel settore delle acque minerali verso la fine degli anni ’60, acquistando rispettivamente le fonti francesi Vittel ed Evian. Nel seguito queste due grandi compagnie europee attuarono una strategia di sviluppo internazionale, acquisendo numerose aziende e marchi di acque in tutti i continenti, pervenendo ben presto ad una posizione di leadership planetaria.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 10535 letture

Nel mondo del beverage il settore delle bibite analcoliche è quello in cui è più spinta la competizione globale e in cui si registrano i più elevati livelli di concentrazione. Due grandi gruppi, le compagnie americane Coca-Cola e Pepsico, dominano la scena internazionale, posizionandosi quasi sempre nelle prime due posizioni in quasi tutti i più importanti mercati nazionali, con una quota complessiva che generalmente supera il 50% del mercato. Tuttavia il settore è ricco di numerose realtà aziendali che hanno saputo ritagliarsi un proprio ruolo, o a livello specialistico di prodotto o a livello territoriale.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 7877 letture

Nel 2012 si sono consumati nel mondo poco più di 238 miliardi di litri di bibite analcoliche pre-confezionate (dati Global Drinks) con un incremento dell’1,7% rispetto al 2011. Le bibite, rispetto alle acque confezionate, soddisfano un bisogno più edonistico di bere analcolico, grazie alla presenza di zuccheri (o edulcoranti) e altre sostanze in grado di dare alla bevanda specifiche connotazioni gustative. Il consumo pro-capite complessivo delle bibite analcoliche si è ora portato a 34 litri/anno, naturalmente con valori molto diversi tra i vari Paesi sia in relazione alla diversa situazione economica, ma anche in funzione di diverse abitudini di consumo.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 4667 letture

Oggi a Milano, si sono incontrati alcuni dei massimi esperti del panorama socio-economico nazionale per fare il punto sugli effetti della recessione e sulle previsoni di ripresa, non solo a livello italiano, ma anche mondiale ed europeo. All’incontro hanno preso parte Francesco Daveri, Economista, Emilio Reyneri, Sociologo del Lavoro, Stefano Agostini , Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Sanpellegrino, e Alessandro Marangoni, Amministratore Delegato di Althesys*. Nel quadro fornito – dove il contesto economico si riflette sul piano sociale, con un calo del benessere e un livello crescente di disoccupazione – emerge prepotentemente la necessità di ridisegnare i modelli economici, puntando sempre più su politiche orientate alla crescita e al contempo alla sostenibilità sociale.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 5178 letture

Nell’ambito del settore soft drinks le bevande naturali a base di frutta rappresentano la categoria più nobile, in quanto la presenza significativa di frutta dovrebbe dare al prodotto una migliore connotazione nutrizionale e salutistica. Si tenga conto che una parte dei consumi di succhi avviene con prodotto non confezionato (quindi al di fuori del circuito dell’industria di imbottigliamento); il riferimento è alle spremute di frutta fatte direttamente dai consumatori a casa propria o dai barman nei locali di mescita partendo dalla frutta fresca; queste volumi, in quanto non riferiti a prodotto industriale-imbottigliato non vengono conteggiati nel valore del mercato industriale. In ogni caso bisogna inquadrare il consumo delle bevande fruttuose nel più ampio contesto dei consumi di frutta che possono avvenire per l’appunto in forma liquida (succhi, nettari e fruit drinks) o in forma solida (frutta fresca).

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 9480 letture

La situazione critica dell’economia ha inciso sull’andamento dei consumi di bibite rinfrescanti nell’ultimo triennio sul mercato italiano: il calo dei volumi ha interessato, anche se in misura diversa, tutti i canali di vendita. L’accentuarsi della crisi economica penalizza evidentemente i consumi di questi prodotti che sono vissuti dagli italiani con una connotazione più voluttuaria rispetto alle altre bevande di base (acque minerali). A fine 2012 i consumi complessivi di bibite rinfrescanti (gassate + lisce) potevano essere valutati complessivamente intorno ai 3.660 milioni di litri con un calo medio del 3,7% rispetto all’anno precedente.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 4270 letture

Zuegg è uno dei più importanti gruppi italiani nel settore della trasformazione della frutta con produzione di semilavorati frutta per l’industria, succhi e bevande di frutta e confetture. Oltre che in Italia, il gruppo, di origine alto atesina, ma ora con sede a Verona, è attivo anche con stabilimenti in altri Paesi europei: Germania, Francia e Russia. e con due filiali commerciali in Austria e Svizzera. L’azienda, da sempre appartenuta alla famiglia Zuegg, è ora presieduta e diretta da Oswald Zuegg.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 9752 letture

 

Nel mondo del beverage il settore delle bibite analcoliche è quello in cui è più spinta la competizione globale e in cui si registrano i più elevati livelli di concentrazione. Due grandi gruppi, le compagnie americane Coca-Cola e Pepsico, dominano la scena internazionale, posizionandosi quasi sempre nelle prime due posizioni in quasi tutti i più importanti mercati nazionali, con una quota complessiva che generalmente supera il 50% del mercato. Tuttavia il settore è ricco di numerose realtà aziendali che hanno saputo ritagliarsi un proprio ruolo, o a livello specialistico di prodotto, o a livello territoriale, con alcune realtà che hanno conquistato posizioni di grande rilievo a livello nazionale o anche continentale.

  Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 5813 letture

Le aziende che producono e/o distribuiscono succhi e bevande alla frutta in Italia sono una sessantina, anche se la produzione nazionale è alimentata da pochi grandi produttori: Conserve Italia, Parmalat, Zuegg, La Doria, Fruttagel, ….. Il 16-17% dei volumi di vendite fa, invece, riferimento a importazioni dall’estero, soprattutto l’Austria. Ma nel settore hanno cominciato ad operare anche alcuni produttori tradizionali di acque minerali e bibite e diversi nuovi operatori provenienti dal settore delle verdure e frutta freschi che hanno lanciato nuovi frullati e spremute. L’offerta si disperde quindi su numerosi operatori, in un mercato che, anche a causa della crisi economica, sta vivendo una congiuntura negativa. Si tenga infine conto che in questo mercato le private label delle GDO hanno un peso molto elevato: oltre il 30% a volume nei canali del retail moderno.

  Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 4083 letture

La sete mondiale di latte cresce nel vero senso della parola, soprattutto grazie ad alcuni mercati nei quali il latte viene consumato principalmente come bevanda. E cresce di conseguenza l’interesse dell’industria casearia per le tecnologie di processo, riempimento e confezionamento per bevande e alimenti liquidi presentate alla prossima edizione di drinktec, dal 16 al 20 settembre 2013, dove si troverà tutta la gamma di idee e materie prima per bevande innovative. Il salone è ormai da tempo un appuntamento fisso anche per l’industria casearia di tutto il mondo.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 5935 letture

A drinktec 2013, il più grande salone internazionale per l’industria delle bevande e del liquid food, in programma dal 16 al 20 settembre 2013 nel Centro Fieristico di Monaco di Baviera, verranno presentati gli sviluppi più recenti del mercato delle bibite e le tecnologie più avanzate per la produzione e il confezionamento altamente automatizzati.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti , , | 3815 letture

Secondo la definizione della VDMA, l’associazione dei costruttori tedeschi di macchine e impianti, l’intralogistica riguarda l’organizzazione, il controllo e l’esecuzione dei flussi di materiali e informazioni e della movimentazione di merci all’interno di un’azienda. In questo ambito, l’industria delle bevande, dei prodotti a base di latte e degli alimenti liquidi ha ancora ampi margini di miglioramento. Soluzioni e servizi per sfruttare appieno questo potenziale saranno in vetrina a drinktec 2013, il salone internazionale delle tecnologie per le bevande e gli alimenti liquidi, dal 16 al 20 settembre 2013 nel Centro Fieristico di Monaco di Baviera.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 5399 letture

Tratto da “IN A BOTTLE” il primo waterzine

http://www.sanpellegrino-corporate.it/in-a-bottle.aspx

PREMESSA: L’industria delle bevande ed acque minerali in Italia rappresenta uno dei settori produttivi più effervescenti, con un’offerta prodotti molto ampia e articolata, continue novità, campagne di comunicazione mirate ed una grande competitività sia a livello produttivo che a livello di canali e punti di vendita. Abbiamo incontrato il dott. Pasquale Muraca, fondatore e presidente della società Beverfood.com Edizioni, per fare il punto sugli aspetti dimensionali, economici e strutturali del settore bevande, con particolare focus sulle acque minerali.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 4003 letture

Editoriale a cura di Ettore Fortuna,
Presidente Mineracqua
Pubblicato su annuario Bevitalia 2012-13
Beverfood.com Edizioni Srl

www.mineracqua.it

Il primo elemento che contribuisce al successo della nostra industria, è dovuto alla qualità intrinseca delle nostre acque minerali e delle nostre fonti (numerose e presenti in tutte le regioni italiane), alle diverse facies idrogeochimiche di provenienza, alla loro differenziazione in termini di caratteristiche, proprietà, effetti salutari. La purezza originaria rappresenta il pilastro fondamentale per un’acqua minerale che, proprio per questa sua caratteristica, mantiene nel tempo le proprie condizioni di qualità a differenza di altri acquiferi che lentamente ma inesorabilmente peggiorano le proprie condizioni di qualità.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 6963 letture
Informativa di base tratta dai documenti aziendali distribuiti alla stampa in occasione della conferenza stampa per l’illustrazione dei risultati del gruppo nel febbraio 2013

PREMESSA:
Ferrarelle SpA è un’azienda italiana che opera nell’imbottigliamento e distribuzione di acque minerali a livello nazionale ed internazionale. Attualmente quarto gruppo del settore con oltre l’8% delle quote di mercato a volume, l’azienda è tornata ad essere di proprietà italiana nel gennaio 2005 quando la LGR Holding SpA ha acquistato la società Italaquae dal Gruppo Danone, diventando così proprietaria del marchio Ferrarelle insieme a Santagata, Natía, Boario e distributrice in esclusiva per l’Italia del brand Evian. Nel 2012 l’azienda ha acquistato anche il marchio Vitasnella, per la categoria acqua e bevande, di cui era già licenziataria sempre dal 2005.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 2954 letture
PREMESSA: La tecnologia incontra il marketing e a drinktec c’è la Innovation Flow Lounge: imballaggi e confezioni sono più dei semplici materiali di cui sono composti: sono veicoli per trasmettere messaggi ed emozioni ai clienti finali. La confezione ideale deve attirare l’attenzione e fornire informazioni, comunicando i messaggi del brand. Poiché la confezione è spesso decisiva per le vendite di una bevanda, l’interazione fra tecnici e marketing è molto importante. L’obiettivo dichiarato di drinktec 2013 è proprio favorire questa interazione.

Leggi tutto…

| Categoria Documenti | 2698 letture
Aspartame, acesulfame, saccarina ed alcuni polialcoli (o polioli) quali l’isomaltulosio, il maltitolo, l’isomaltitolo, il sorbitolo e lo xilitolo sono largamente usati nell’industria alimentare come dolcificanti. Le prime tre molecole non forniscono di fatto calorie e sono attive a dosaggi bassi o molto bassi per il loro elevato potere edulcorante; esse sono pertanto definite “dolcificanti acalorici o intensamente attivi”; i polioli, al contrario, hanno un potere dolcificante analogo o inferiore a quello del saccarosio; necessitano quindi di elevate concentrazioni nell’alimento da dolcificare. Le principali caratteristiche dei dolcificanti di uso alimentare sono riassunte nella tabella che segue; va sottolineato che la dose giornaliera accettabile (DGA) è calcolata in base a criteri estremamente restrittivi, essendo in genere 100 volte inferiore al dosaggio massimo che non induce alcun effetto significativo nell’animale da esperimento (e, quando i dati siano disponibili, nell’uomo). È quindi pari ad 1/100 della massima dose certamente non tossica.
Documento pubblicato da Nutrition Foundation of Italia
http://www.nutrition-foundation.it/news.php?act=visual&nid=001059&pos=756

Leggi tutto…

Pagina 2 di 6 1 2 3 4 5 6