0
Pinterest LinkedIn

Creatività, stile e l’inconfondibile red passion Campari sono stati i protagonisti della finale della Campari Barman Competition, andata in scena giovedì 9 gennaio presso l’Headquarter di Gruppo Campari. Prima classificata la milanese Chiara Beretta, unica donna approdata in finale. La competizione ha preso il via a settembre con una fase iniziale di iscrizione on line, seguita da quattro tappe di selezione sul territorio, che hanno interessato le città di Milano, Roma, Bari e Catania. Sono stati 500 i barman ad iscriversi alla competizione, provenienti da tutta Italia.

Grossisti importatori distributori bevande alimentari Banchedati Database excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Tabella Campi records Industria Alimentare e Ingrosso

L’evento finale, presentato dall’eclettico Alessandro Cattelan, si è articolato in due fasi: una prima prova denominata “Head to Head” e una sfida di “Improvvisazione”. Durante l’Head to Head i finalisti hanno gareggiato uno contro l’altro con eliminazione diretta preparando il cocktail di loro creazione, mentre la sfida di Improvvisazione li ha visti impegnati nella rivisitazione del Negroni, cocktail classico indicato al momento dalla giuria. I tre barman hanno avuto a disposizione 8 minuti per pensare alla loro rivisitazione, scegliere gli ingredienti da utilizzare tra quelli disponibili, fare la spesa nel market dedicato ed esibirsi sul palco.

A sfidarsi sul palco la milanese Chiara Beretta, che ha presentato il suo cocktail rivisitato, Priscilla, e due bartender romani: Paolo Sanna che realizzato un Negrone è ed Emanuele Michelangeli che ha reinterpretato il grande classico ideando il Gentil Negroni. La creatività e la determinazione di Chiara le hanno consentito di aggiudicarsi il titolo di “Campari Barman of the year 2014”. In palio per lei un master di specializzazione presso la Campari Academy e la possibilità di diventare Campari Ambassador in eventi esclusivi. Un’articolata giuria, composta da una giuria di comunicazione, una giuria di degustazione e una giuria tecnica, ha analizzato con attenzione i cocktail realizzati. Madrina d’eccezione Martina Colombari. Con l’eleganza e la raffinatezza che la contraddistinguono, Martina Colombari, ha dato il suo contributo nel punteggio relativo a stile, presentazione e personalità dei barman.

Insieme a Martina Colombari , il barman italiano Salvatore Calabrese direttamente dal prestigioso e glamour Playboy Club di Londra. Salvatore Calabrese, soprannominato “The Maestro” è un vero guru della mixology mondiale e una delle personalità più influenti del mondo del bartending.

 

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

tredici − uno =