Pinterest LinkedIn

Due importanti traguardi per il CAMI Consorzio Affumicatori Maestri Italiani a pochi mesi dalla nascita, con passi di crescita importanti per la tutela e l’informazione dei consumatori. Lo scorso 15 maggio si è svolto un incontro costruttivo presso la Camera dei Deputati, tra i rappresentanti del Consorzio Affumicatori Maestri Italiani (CAMI) e quelli delle istituzioni. Per il CAMI erano presenti oltre al presidente del Consorzio Gianpaolo Ghilardotti  (Foodlab), e al vicepresidente Riccardo Massetti (SQS Network sas), gli altri tre soci fondatori Antonio Mancuso (Sicily Food), delegato a curare i rapporti istituzionali in Italia e in Europa, Davide Brebbia (Starlaks) e Luigi Paolo Mondini (Agroittica).

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

 

Emerso il fondamentale operato di CAMI fin dai primi mesi di attività per guidare i consumatori nell’acquisto di un prodotto autentico, tracciabile e di alta qualità che porta con sé l’eccellenza. Con controlli costanti e trasparenti, il Consorzio assicura che il salmone Made in Italy mantenga le sue caratteristiche distintive e la sua identità unica, ora certificata a beneficio di ogni consumatore. Il Ministero delle Imprese del Made in Italy, tramite il Dott. Giacomo Vigna della Direzione generale del Mimit, a nome del ministro Adolfo Urso, ha rivolto un plauso ai fondatori del Consorzio che hanno investito nella valorizzazione del salmone lavorato, per promuovere e difendere gli alti standard produttivi di un comparto in crescita a livello nazionale e internazionale. L’arte dell’affumicatura nel nostro Paese viene eseguita con grande maestria, utilizzando legni pregiati e tecniche tradizionali così da portare sulle tavole un altro prodotto sano, dal sapore unico e raffinato. Si è parlato della possibilità d’inserimento degli affumicatori del CAMI nel tavolo dell’Agroindustria, concordando un piano di lavoro da avviare al più presto.

CAMI a Bruxelles, ha visto una missione a fianco all’associazione europea ESSA per la protezione delle norme di igiene alimentare per i prodotti di origine animale Soddisfazione per il risultato ottenuto è stata espressa dall’On. Calogero Pisano, promotore dell’evento, e dai rappresentanti del CAMI presenti all’incontro, a cominciare dal presidente Gianpaolo Ghilardotti e da Antonio Mancuso, delegato ai rapporti istituzionali in Italia e in Europa e primo sostenitore dell’iniziativa che ha commentato. “CAMI si è attivata, a fianco dell’associazione europea ESSA, al fine di ottenere che a Bruxelles, in Commissione ENVI prima e in Parlamento, venisse rigettato il tentativo, promosso dai deputati polacchi, di bloccare la proposta sulle norme di igiene alimentare per i prodotti di origine animale. L’atto delegato, in vigore dal 9 maggio scorso, permetterà di garantire ulteriormente la sicurezza dei consumatori, la trasparenza e la concorrenza leale, regolamentando i tempi e le temperature di congelamento del salmone affumicato. Il nuovo regolamento, impedirà ai produttori polacchi di indicare la dicitura prodotto fresco anziché decongelato sulle confezioni vendute sul mercato italiano”.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

20 + due =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina