Pinterest LinkedIn

Il consumo quotidiano di caffè, con o senza caffeina e preparato secondo il gusto personale, eserciterebbe un effetto protettivo nei confronti della mortalità per tutte le cause. È questa la conclusione dell’analisi condotta dal National Cancer Institute statunitense sui dati relativi a 10 anni di osservazione su un campione di popolazione monitorato dalla UK Biobank, costituito da oltre mezzo milione di uomini e donne britannici, dell’età media di 57 anni all’arruolamento.

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

 

All’inizio dello studio sono state raccolte informazioni sui livelli di assunzione di caffè e su età, etnia, BMI, attività fisica, livello di istruzione, consumo di alcolici, eventuale abitudine al fumo presente o pregressa. L’analisi statistica di questa notevole mole di dati conferma i benefici associati al consumo di caffè, con una riduzione del rischio di mortalità per tutte le cause dell’8% in relazione all’assunzione quotidiana di almeno una tazza, rispetto al non consumo.

La protezione aumenterebbe in parallelo con le tazze di caffè consumate quotidianamente, fino a un picco del 16% per 6-7 tazze, che si stabilizza se i consumi superano questo livello. L’analisi aggiunge dettagli inediti al già confermato ruolo positivo per la salute del consumo abituale di caffè.

 

Databank torrefatori torrefazioni caffè Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

I benefici appaiono complessivamente indipendenti dal tipo di caffè scelto, con caffeina o meno, e dal tipo di preparazione (istantaneo, ottenuto per filtrazione, preparato con moka o espresso), anche se va precisato che il contenuto di polifenoli del caffè istantaneo è inferiore rispetto agli altri. L’assenza di associazione tra presenza di caffeina e sviluppo dell’effetto protettivo induce ad ipotizzare che esso sia dovuto principalmente alla ricca componente polifenolica del caffè, e spiega probabilmente l’assenza di interferenza, sul beneficio osservato, delle alterazioni geneticamente determinate del metabolismo della caffeina;  la protezione risulta invece più marcata nelle persone con problemi di salute e nei fumatori, attuali o pregressi.In conclusione, i ricercatori dichiarano che questi dati, nonostante siano soltanto osservazionali, provengono da un campione sufficientemente ampio e ben controllato, tale da permettere di sostenere il consumo quotidiano di caffè (fino a 6-7 tazze al giorno) nell’ambito di un’alimentazione corretta ed orientata al mantenimento del benessere.

a cura di Loftfield E, Cornelis MC, Caporaso N, Yu K, Sinha R, Freedman N. JAMA Intern Med. 2018 Jul 2. [Epub ahead of print]

Fonte: www.nutrition-foundation.it/notizie/il-consumo-di-caffe–con-o-senza-caffeina–comunque-preparato–si-conferma-protettivo-nei-confronti-del-rischio-di-mortalita-prematura.aspx

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

uno × 5 =