beverfood
| Categoria Notizie Vino | 4663 letture

Cresce l’industria del vino in Cina, diventata ora la settima nazione produttrice nel mondo

Mercati Vino Simei Uiv Industria Vino Cina Settima Nazione

Uiv Vino Simei Mercati Vino Cina Industria Nazione Settima


Aprire un capitolo sul vino cinese potrebbe sembrare quasi una provocazione, ma negli ultimi anni l’industria vinicola in Cina ha fatto notevoli passi in avanti sia da un punto di vista organizzativo che qualitativo. Di fronte a una crescita costante del consumo di vino nel Paese, aziende di fama internazionale e grandi gruppi cinesi hanno cominciato a investire ingenti capitali in territori particolarmente vocati alla coltivazione della vite, avvalendosi della consulenza di famosi enologi e acquistando i migliori macchinari presenti sul mercato. Berry Bros. & Rudd, i più antichi commercianti di vino e liquori del Regno Unito, molto attivi sui mercati asiatici, sostengono che entro i prossimi quattro decenni i vini cinesi saranno in grado di rivaleggiare con i migliori Bordeaux.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Dati statistici relativi alla produzione del vino in Cina sono però particolarmente difficili da reperire e gestire, poiché le regole su ciò che può essere etichettato come vino d’uva sono ancora abbastanza flessibili. Il termine vino, per di più, non ha una corrispondenza semantica così precisa come in Occidente: in Cina è sempre importante, soprattutto in alcune zone, specificare che si vuole bere vino d’uva (Pútáojiǔ) altrimenti c’è il rischio che vi servano Huangjiu (vino di riso) o Gouqijiu (vino di frutta). Si pensi che solo a partire dal 1994 si è cominciato a mettere ordine con una legislazione che ha, in parte, regolato la materia: fino a quel momento, infatti, era possibile chiamare vino una bevanda alcolica che contenesse meno del 50% di uva. Un piccolo grande passo che ha portato, da un lato, alla riduzione della quantità annua di vino prodotto, ma dall’altro, ha favorito la crescita di vini con un maggiore standard qualitativo.

 Nonostante la difficile reperibilità dei dati, un lavoro di ricostruzione del panorama attuale del vino cinese è stato possibile grazie al gentile supporto ricevuto da Sun Zhijun, celebre studioso e wine writer dello Shandong e dalla China Alcoholic Drinks Association. Nel 2012 risultano attive in Cina circa 600 aziende vinicole, di cui il 40% a proprietà statale. Degli oltre 500 mila ettari di vigneti sparsi nella maggior parte delle province cinesi, la parte di uva destinata alla vinificazione è pari al 20-25%. Secondo gli ultimi dati disponibili forniti dalla China Alcoholic Drinks Association, nel 2011 la produzione di vino ha raggiunto 11,5 milioni di ettolitri, con un aumento del 13% rispetto all’anno precedente. Ciò significa che la Cina è attualmente il settimo produttore mondiale dietro Francia, Italia, Spagna, Stati Uniti, Cile e Australia.La gran parte della produzione è concentrata nelle province orientali e in quelle settentrionali: in particolar modo, le province dello Shandong, Jilin ed Henan raccolgono oltre il 70% della produzione vinicola cinese. Ed è anche qui che troviamo le principali aziende vinicole cinesi che da sole hanno in mano più del 50% del mercato nazionale: Great Wall (sede nell’Hebei ma vigneti nello Shandong), Changyu (Shandong) e Dynasty (Tianjin).

 Per quanto riguarda le tipologie di vino, se fino a poco più di dieci anni fa i vini dolci avevano la leadership del mercato, al contrario dei vini secchi che erano ancora poco diffusi, oggi il rapporto si è rovesciato e la produzione di vini rossi e bianchi secchi è aumentata esponenzialmente, con una prevalenza dei rossi. Più dell’85% dell’uva destinata alla vinificazione proviene dai cosiddetti vitigni internazionali, con una presenza nettamente maggioritaria di Cabernet Sauvignon, seguito da Cabernet Franc, Merlot, Syrah, Chardonnay e Riesling. Alcuni vitigni autoctoni sono ancora coltivati soprattutto nelle zone di Qingxu e Shacheng. Non è una novità che la maggior parte delle cantine vinicole cinesi ricerchi la quantità a discapito della qualità. Tuttavia, cominciano ad esserci piacevoli eccezioni come dimostrano concorsi vinicoli nelle varie aree del globo, dove vini cinesi si aggiudicano premi e riconoscimenti come quelli prodotti nella zona delle Helan Mountains che hanno ripetutamente battuto vini australiani, californiani e francesi in degustazioni alla cieca. Oltre il 90% del vino prodotto dalle aziende cinesi è distribuito sul mercato interno, mentre la parte restante viene esportata all’estero, in particolare verso il mercato americano e australiano.

 Fonte: Newsletter SIMEI – luglio 2013 (Articolo pubblicato su Il Corriere Vinicolo n. 25/26 del1 luglio 2013, organo di informazione di Unione Italiana Vini – www.uiv.it)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Vino Simei Uiv Mercati Vino Cina Industria Settima Nazione


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

Unione Italiana Vini pubblica l’undicesima edizione del “Codice denominazioni di origine dei vini”

04/10/2018 - Dopo quattro anni dalla precedente pubblicazione, Unione Italiana Vini ha dato alle stampe l’undicesima edizione del “Codice denominazioni d'origine dei vini”. Il Volume,...

I trend nel mercato del vino: Sopexa presenta il suo Wine Trade Monitor 2018

01/10/2018 - Sopexa, l'agenzia internazionale di marketing e comunicazione specializzata in cibo, bevande e stile di vita, ha pubblicato i risultati del Wine Trade Monitor 2018, uno s...

Osservatorio del vino: per il 2018 l’Italia si conferma primo produttore al mondo

05/09/2018 - “Una buona vendemmia che permetterà al settore vitivinicolo italiano di riprendersi dopo un anno difficile. La produzione è stimata in 49 milioni di ettolitri, con un inc...

Coldiretti: Export vino italiano +6% a valore nel primo quadrimestre 2018

25/08/2018 - Con l’inizio della vendemmia l’Italia festeggia il record storico delle esportazioni di vino Made in Italy che fanno registrare un aumento del 5,9% rispetto allo scorso a...

Birre artigianali: crescita in calo nei Paesi maturi e sviluppo nei Paesi emergenti

29/06/2018 - Secondo Euromonitor, la tendenza del movimento birrario artigianale si evolve man mano che diventa più profondamente radicata nel panorama della birra globale. La crescit...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quattro + nove =