beverfood
| Categoria Notizie Bevande Analcoliche | 4618 letture

LA STAMPA DENUNCIA : COCA-COLA SI BEVE VENEZIA. -LE PRECISAZIONI DI CACCIARI. -LE PROTESTE DEI GROSSITI BEVANDE E DELLA LEGA

Denuncia Coca Cola Venezia Precisazioni Cacciari Proteste Grossiti Bevande Lega

Bevande Coca Lega Proteste Precisazioni Venezia Cola Cacciari Grossiti Denuncia

La Stampa di Torino del 23 febbraio scorso ha denunciato il comune di Venezia per aver concesso a Coca-Cola la possibilità di “invadere la città con distributori automatici di lattine, tramezzini, snack e panini”. Il sindaco di Venezia ha risposto seccato che “le ‘anime belle’ che protestano contro una simile strategia, dovrebbero perlomeno avere il buon gusto di indicare qualche alternativa o, meglio ancora, provvedere di tasca propria agli inderogabili bisogni della città”. Nel frattempo sono montate le proteste da parte della Lega e da parte di Italgrob.

L’articolo della Stampa

LA STAMPA DENUNCIA : COCA-COLA SI BEVE VENEZIA. -LE PRECISAZIONI DI CACCIARI. -LE PROTESTE DEI GROSSITI BEVANDE E DELLA LEGA “L’ultima guerra è quella della Coca-Cola. In cambio di 2 milioni e 100 mila euro in cinque anni il colosso delle bevande si prepara a invadere la città con distributori automatici di lattine, tramezzini, snack e panini…. I termini dell’accordo, sul quale manca solo la firma delle parti e al quale …. la Soprintendenza sembra intenzionata a non opporsi, sono stati: 2,1 milioni andranno nelle casse del Comune, 400 mila alla Oltrex, la società veneziana che gestisce la sponsorizzazione. All’interno dell’accordo ci sono alcune curiosità. La Coca-Cola, per la cifra pattuita, si porta a casa anche la possibilità di allestire due cene di gala aziendali all’anno, una nelle Sale Apollinee della Fenice, l’altra al piano nobile di Ca’ Vendramin Calergi, sede del Casinò. Inoltre la società americana avrà a disposizione venti posti sul palco della Regata Storica e sul galleggiante del Redentore, per i suoi ospiti. Il ramo italiano dell’azienda, infine, figurerà ufficialmente tra gli Amici di Venezia. Divisi su 5 anni due milioni e centomila euro non sono una cifra spettacolare, soprattutto considerando la contropartita in termini d’immagine e le reazioni che si stanno scatenando. La contropartita sarà quella di una città disseminata di distributori di bevande e snack”

La risposta del Sindaco Massimo Cacciari

LA STAMPA DENUNCIA : COCA-COLA SI BEVE VENEZIA. -LE PRECISAZIONI DI CACCIARI. -LE PROTESTE DEI GROSSITI BEVANDE E DELLA LEGA Nel corso della stessa giornata il comune di Venezia ha emesso un comunicato di risposta, precisando che l’accordo con Coca-Cola rientra in una strategia finanziaria -oggi indispensabile- per la salvaguardia del patrimonio monumentale-artistico della città, ed è esattamente in linea con quanto auspicato dal Ministero dei Beni culturali. Ogni operazione è approvata dalla Soprintendenza ai Beni architettonici; i fondi ottenuti vengono usati con la massima trasparenza ai fini di tutela e salvaguardia della città. Il comunicato precisa altresì che l’idea che tali finalità possano essere garantite soltanto da gratuito mecenatismo è semplicemente irrealistica o dettata da pura malafede. A sua volta Maurizio Calligaro, capo di gabinetto del sindaco, assicura che non ci sarà alcuna deturpazione della città. È un accordo di marketing territoriale come fanno tante altre città del mondo, assicurando che la Coca-Cola non sporcherà l’immagine di Venezia con scritte pubblicitarie

La posizione di denuncia della Lega

LA STAMPA DENUNCIA : COCA-COLA SI BEVE VENEZIA. -LE PRECISAZIONI DI CACCIARI. -LE PROTESTE DEI GROSSITI BEVANDE E DELLA LEGA Nel frattempo sul “Padano” è apparso un duro articolo in cui si denuncia “un’altra invasione extracomunitaria che viene a dare il suo contributo di imbastardimento della Padania: la capitale della Serenissima, gioiello di storia, arte e cultura, in fatto di bere verrà associata non al Prosecco ma al liquido marroncino sgargarozzato dai vaccari d’oltreoceano. Il sindaco Cacciari ha in tasca un accordo che consentirà alla Coca-Cola di piazzare una sessantina (per cominciare) di distributori automatici di lattine e merendine in ogni dove, c’è chi dice persino nell’area di piazza San Marco dove, con ordinanza comunale, è stato decretato il divieto di spuntino … La Serenissima, così, rischia di diventare sempre più un gran baraccone, una sorta di Disneyland annaffiata dalla Coca-Cola.” A sua volta il capogruppo della Lega in Consiglio Comunale a Venezia, Alberto Mazzonetto, ha lanciato su Facebook l’invito a boicottare i distributori di Coca-Cola. “Siamo contro la logica della svendita della città alle multinazionali – afferma l’esponente del Carroccio. Nei pontili Actv andrebbero collocati i servizi igienici e non i distributori di bibite”.

La protesta di Italgrob

LA STAMPA DENUNCIA : COCA-COLA SI BEVE VENEZIA. -LE PRECISAZIONI DI CACCIARI. -LE PROTESTE DEI GROSSITI BEVANDE E DELLA LEGA Infine, l’Italgrob, Federazione Italiana Grossisti e Distributori di Bevande, ha emesso un comunicato sdegnato contro “l’ultimo atto di quello che appare ormai come un vero e proprio progetto di progressiva monopolizzazione del mercato italiano da parte di Coca-Cola”. Il comunicato precisa che “ancora una volta le scelte del colosso americano appaiono chiaramente finalizzate ad un unico obiettivo, vale a dire l’indebolimento della concorrenza, a scapito delle realtà più piccole, e soprattutto la creazione di barriere commerciali significative, per tutti gli attori del mercato delle bevande in Italia. Nel caso di Venezia in particolare appare inoltre evidente il danno ambientale ancora prima di quello commerciale. Dello stesso parere anche Lorenzo Verardo della San Marco Dival di Venezia, in rappresentanza dei distributori di bevande della città, che sottolinea come già in passato l’Amministrazione veneziana avesse siglato accordi con “sponsor” per la raccolta di fondi “ma non si è mai trattato di intese che prevedessero anche la vendita di prodotti sul territorio, per di più a scapito degli esercenti che da sempre pagano regolarmente le tasse al Comune”.

Il comune di Venezia ha prontamente reagito anche a questo comunicato dichiarando di volere adire alle vie legali contro Italgrob per “palesi falsità delle affermazioni contenute nel suo comunicato”

Al di là degli aspetti etici, estetici, economici e politici, potrebbe comunque sorgere qualche problema legato alla normativa sulla concorrenza. La decisione del comune di Venezia parrebbe infatti conferire a Coca-Cola il monopolio del vending di bevande e snack nella città di Venezia a danno degli altri operatori della distribuzione automatica e degli altri produttori di bevande e snack. Come si pronuncerà in merito l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, cui presumibilmente si rivolgeranno i competitor di Coca-Cola?

Per una più completa e ampia documentazione sulla vicenda si rimanda a:
https://www.beverfood.com/v2/smartsection+item.itemid+125+k+dossier-coca-cola-a-venezia.htm

Annuario Bevitalia Acque Minerali, Bibite e Succhi Beverfood 2008/09

Se volete ricevere con regolarità la segnalazione di tutte le nostre news sul settore del beverage, iscrivetevi gratuitamente alla nostra bevernews. –> ISCRIZIONE

CONSULTA LA NUOVA SEZIONE DOCUMENTAZIONE: —-> bevande analcoliche

LE ALTRE BEVERNEWS DELLA SEZIONE: —-> bevande analcoliche

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Grossiti Precisazioni Cola Lega Bevande Proteste Cacciari Coca Venezia Denuncia

Tags/Argomenti:


Annuario Bevitalia Acque Minerali Bibite e Succhi Soft Drinks Acquista

ARTICOLI COLLEGATI:

101Caffè a Venezia: partner di Pro Biennale, a cura di Vittorio Sgarbi

29/04/2019 - A partire da domenica 5 Maggio 2019, Pro Biennale incontra Venezia, prestigioso appuntamento organizzato da Spoleto Arte e dal suo ideatore e presidente Salvo Nugnes, a c...

Nardini consolida il suo legame con l’arte con la Casa dei Tre Oci

18/03/2019 - Nardini, la prima distilleria d’Italia con oltre due secoli di tradizione e innovazione nell’arte distillatoria, sostiene nuovamente la scena artistica e culturale di Ven...

Ballo del doge: tre anime di un sogno e tre cocktail per l’evento clou del Carnevale di Venezia

24/02/2019 - Tra le cose da fare almeno una volta nella vita nella lista non può mancare il Carnevale di Venezia. E se volete rendere unica e indimenticabile questa esperienza, Il Bal...

Nespresso presenta due limited edition: Cafè Istanbul e Cafè Venezia

21/01/2019 - Nespresso lancia “Cafè Istanbul” e “Caffè Venezia”, due nuove Limited Edition ispirate all’atmosfera vivace ed affascinante delle prime botteghe del caffè: un vero e prop...

Goppion seleziona caffè da tutto il mondo e li racconta con le sue miscele

06/11/2017 - Goppion ha partecipato a Host 2017, dove abbiamo incontrato Paola Goppion, responsabile marketing e comunicazione dell’azienda di famiglia. Paola ci ha raccontato la stor...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

3 × 5 =