Mariapia De Nicola
| Categoria Documenti | 3901 letture

Bevendo California: alla scoperta delle birre artigianali Lagunitas

Birre Ipa Birre California… Dibevit Birra Artigianale Birre Usa - Americane Artigianali Bevendo Pale Ale Lagunitas

Artigianali Birre Usa - Americane Bevendo Lagunitas Dibevit California… Birra Artigianale Birre Pale Ale Birre Ipa


Grazie a Dibevit Import, arrivano in Italia le birre di Lagunitas, una delle “firme” che hanno fatto la rivoluzione birraria negli States. E che ora si appresta a farla anche dalle nostre parti. Senza compromessi, come è nel loro stile…

 

 

Petaluma è una cittadina di circa 60mila abitanti a meno di un’ora di strada da San Francisco. Si trova nel cuore della Sonoma Valley, una zona molto conosciuta per la sua tradizionale vocazione vitivinicola ma che, negli ultimi decenni, è diventata pure una delle “terre sante” della birra. Da queste parti si registra infatti una fortissima concentrazione birraria e la cosa in sé non stupisce nemmeno più di tanto, considerato che la California è lo stato con il maggior numero di birrifici di tutti gli Stati Uniti. Quello che stupisce è proprio la concentrazione di grandi firme, nomi ormai entrati nel database di tutti gli appassionati, autentiche mecche birrarie visitate ogni anno da decine di migliaia di persone, le cui birre stanno letteralmente riscrivendo la storia della birra.

 

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

 

Tutto molto affascinante insomma. Se non fosse per il fatto che, fino a qualche anno fa, per poter bere le suddette birre ci si doveva sobbarcare una trasferta californiana. Non che sia un dramma è chiaro, solo la parola evoca spiagge e surf, figli dei fiori e cinema, il punto d’arrivo della Route 66 e del viaggio di Kerouac. In poche parole, la California è la sintesi della “land of hope and dreams” che canta Bruce Springsteen. E “sogni e speranze” devono aver animato molti dei numerosi birrai che in California Lagunitas Brewing Company Petaluma, California hanno contribuito in maniera determinante alla renaissance birraria a stelle e strisce. Uno di questi si chiama Tony Magee.

 

Nel 1993 ha aperto un piccolo birrificio nella cittadina di Lagunitas ma, nemmeno un anno dopo, eccolo spostarsi in quel di Petaluma. Al tempo celebre solo per essere stata il set di American Graffiti (la pellicola celebrativa degli Anni Cinquanta che portò alle luci della ribalta il futuro padre di Guerre Stellari, George Lucas) e la località più prossima alla casa di Tom Waits, geniale quanto amante della solitudine songwriter.

 

Ergo, continuate pure a sognare la California, ma da oggi potrete sfogliare i cataloghi di viaggio sorseggiando già nel vostro pub sottocasa una Lagunitas Ipa perché Dibevit ha avuto la brillante idea di accaparrarsi l’importazione e relativa distribuzione delle “creature” di Tony Magee e soci. Nella trasferta il birrificio si portò dietro nome e impianto. Il primo gli restò attaccato, il secondo ebbe vita breve. Già perché Lagunitas Brewing Company si mise subito in luce per essere una delle aziende birrarie con la crescita più rapida.

 

 

Il segreto? Un mix perfetto di birre senza compromessi e un pizzico di irriverenza verso lo status quo. Il ricorso ai “nuovi” luppoli aromatici americani, il dryhopping usato con intelligenza ma senza timori, rese ben presto la loro Lagunitas Ipa una delle birre più vendute in California. E in un mercato sicuramente molto ricettivo quale quello dello “stato dorato”, ma dove la competizione tra craft brewers è a dir poco serrata, mettere stabilmente una propria birra tra le top five non è esattamente da tutti.

 

Dalla California il successo si è poi allargato a quasi tutti gli States e oggi, grazie a un accordo con Heineken, Lagunitas è pronta al grande balzo verso l’Europa che sta dimostrando di avere una gran sete di birre americane. Secondo infatti una recente ricerca della Brewers Association, l’associazione di categoria americana, il tasso di crescita nell’ultimo anno e nella sola Europa occidentale è stato di ben il 33%. Più del doppio rispetto alle percentuali dell’area Asia-Australia e del Canada. Dibevit non si è fermata alla sola Ipa, ma ha aggiunto altri due gioielli firmati Lagunitas: la Sucks e la A Little Sumpin’ Sumpin’. Ma andiamo con ordine…

 

LAGUNITAS IPA: la birra India Pale Ale

 

Sin dalla sua fondazione – avvenuta nel 1993 – il birrificio californiano Lagunitas si è sempre contraddistinto per un mix perfetto di birre senza compromessi e un pizzico di irriverenza verso lo status quo. Utilizzando come da tradizione solo acqua, luppolo, lievito e malto d’orzo, con spirito provocatorio e per certi versi rivoluzionario, è riuscito ad entrare stabilmente nella top five dei birrifici americani. Il ricorso ai nuovi luppoli aromatici americani e il dry hopping usato con intelligenza ma senza timori resero ben presto la Lagunitas IPA una delle birre più vendute in tutti gli States.

 

Questa IPA, dal bel colore dorato brillante e schiuma fitta nonchè abbastanza persistente, lascia immediatamente il segno per il suo bouquet intenso che danza tra note balsamiche di pino e di resina e agrumate di pompelmo. Con tono ironico e provocatorio si dice che sia realizzata con 43 varietà diverse di luppolo e 65 tipi di malti, Lagunitas IPA si presenta come una birra equilibrata, bilanciata e di facile approccio, con un finale molto pulito e non eccessivamente lungo.

 

Ottima con formaggi morbidi di latte vaccino ben stagionati, come il Blue Cheese e il Bleu de Moncenis. Classici antipasti, dalle pizzette alle focacce. Da provare anche accostata con piatti della cucina giapponese e indiana.

  • Tipologia birra: IPA
  • Gradazione alcolica: Alc. 6,2%
  • Tipo di fermentazione: Alta
  • Grado Plato: 14,4
  • IBU: 51,5
  • EBC: 18,8
  • Colore: Arancione acceso
  • Schiuma: Compatta e persistente
  • Aroma: Evidenti note balsamiche di pino e di resina e agrumate di pompelmo.
  • Gusto: Gusto connotato da un mix pulito di agrumi rinfrescanti, caramello dolce e un gradevole amaro.
  • Amaro: Accentuato
  • Corpo: Strutturato
  • Temperatura di servizio: 7-10° C
  • Shelf life: 12 mesi

BOTTIGLIA 35,5 cl

  • Dimensione: 19,7 x 6,49 x 6,49 cm
  • Peso: 0,54 kg
  • Ean: 0723830000100
  • Cartone N. bottiglie: 24
  • Dimensione: 40 x 27 x 20 cm
  • Peso: 13,52 kg
  • Ean: 0723830800106
  • Pallet Confezioni per pallet: 72
  • Strati: 8
  • Confezioni per strato: 9
  • Dimensioni: 120 x 81 x 162 cm
  • Peso: 765,2 kg

FUSTO 29,34 lt

  • Tipo di attacco: Baionetta
  • Grado di saturazione: 5.1 g/L di CO2
  • Pallet Confezioni per pallet: 11
  • Strati: 1
  • Confezioni per strato: 11
  • Dimensioni: 71,1 x 29,2 x 29,2 cm
  • Peso: 609,63 kg
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

California… Lagunitas Bevendo Pale Ale Birre Ipa Birre Usa - Americane Birra Artigianale Artigianali Dibevit Birre


BeerAttraction Rimini Fiera 17-20 febbraio 2018 dedicata alle birra Artigianali e specialità alimentari e birraie

ARTICOLI COLLEGATI:

le donne della birra si raccontano a Beer Attraction

15/01/2018 - Anche l'edizione di Beer Attraction 2018 (a Rimini dal 17 al 20 febbraio), la più importante fiera del settore birrario nel nostro Paese, vedrà la partecipazione de Le Do...

Beviale Family: nuova collaborazione con Doemens e VLB Berlin

15/01/2018 - Nuova collaborazione tra NürnbergMesse Group, Doemens Akademie con sede a Gräfelfing (vicino a Monaco) e VLB (Istituto di ricerca e insegnamento per Brewing) di Berlino. ...

Doppio Malto inaugura il secondo Brew Restaurant in provincia di Como

11/01/2018 - L’evoluzione della premiata birra artigianale Doppio Malto ha portato all’apertura del nono Brew Restaurant, per un birrificio con il ristorante dentro diffuso in tutta I...

I nomi dei candidati a Birraio dell’Anno – teatro ObiHall Firenze – 19-21 gennaio

09/01/2018 - Ecco i nomi dei candidati per premio Birraio dell'Anno nona edizione organizzato da Fermento Birra che sarà in scena al teatro ObiHall di Firenze, da venerdì 19 a domenic...

Birra Antoniana ai Tadi è la miglior birra italiana del 2017!

08/01/2018 - Si è conclusa la terza edizione del Best Italian Beer, il concorso ideato da Federbirra e patrocinato dal ministero delle Politiche Agricole. Ad aggiudicarsi la Spiga D’O...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

19 − sette =