beverfood
| Categoria Documenti | 5389 letture

CONFIDA Distribuzione Automatica: consuntivo mercato Vending Italia 2012

logo-confida

Distribuzione Consuntivo Vending Mercato Confida Automatica Italia

La distribuzione automatica, il vending, è un settore moderno e innovativo, che sempre più suscita l’interesse dei consumatori, ma che è ancora fortemente legato alla tradizione del caffè espresso e alla pausa ristoro nei luoghi di lavoro: questo è ciò che emerge dai più recenti studi che hanno analizzato il comparto. Siamo all’alba di una nuova era: la distribuzione automatica dai luoghi chiusi delle fabbriche e degli ospedali, sempre di più si offre al consumatore nei più svariati contesti, diventando di fatto uno strumento di vendita a disposizione di mercati fino ad oggi lontani (elettronica di consumo, abbigliamento, cosmetica, ecc). Pur con uno sguardo al futuro, il vending, eccellenza del Made in Italy, inarrivabile nella qualità e nel design dalla concorrenza estera, è solidamente legato al suo ruolo caratteristico, quello di protagonista indiscusso della pausa caffè. Oltre 30.000 addetti e più di 1.000 imprese. Un’eccellenza del Made in Italy al servizio di oltre 20 milioni di italiani. Un settore sano e trasparente, con un’incidenza delle imposte sui ricavi superiore al 2%, più del doppio della media delle imprese del commercio e oltre il 50% della media nazionale. Un settore che resiste alla crisi, anche se il 2012 per la prima volta chiude con il segno meno.

gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS
gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS

La crisi occupazionale degli ultimi anni e una minore propensione agli acquisti nei consumi fuori casa solo in parte hanno toccato il vending. Anzi, tra il 2009 e il 2012, secondo uno studio condotto da Demoskopea per conto di CONFIDA, gli italiani che scelgono i distributori automatici sono aumentati di circa 1 milione, raggiungendo la soglia di 23 milioni di utilizzatori, di cui oltre 10 milioni abituali. Dall’aggiornamento dello studio di settore curato da Accenture per conto di CONFIDA da ormai diversi anni, il parco macchine installato nel 2012 è di circa 2.400.000 distributori automatici di cui oltre 1.600.000 riguarda le piccole macchine per ufficio funzionanti a capsule e cialde, mentre la restante parte è riferita ai grandi distributori automatici di bevande calde, fredde e prodotti solidi preconfezionati.

 NUMERO DISTRIBUTORI AUTOMATICI INSTALLATI IN ITALIA

tabella90

Oltre 6 miliardi i prodotti erogati in un anno, ma due da soli coprono oltre l’80% delle erogazioni: il caffè espresso (circa 4,5 miliardi) e l’acqua (circa 700 milioni di bottiglie da 0,5 litri). Centinaia le referenze di bevande, succhi e snack offerti dal settore, nella quasi totalità prodotti di marca o di tradizione del territorio, che però coprono meno del 20% del fatturato. Un servizio quindi che nonostante la grande leva dei due prodotti trainanti, investe in assortimento e logistica per offrire la più completa pausa agli utenti.

tabella91

Nonostante la predominanza dei consumi nei luoghi di lavoro, in netta crescita l’offerta nei luoghi commerciali (centri commerciali e negozi), nei luoghi di attesa e in quelli di svago. Sempre più per ragioni di scelta e non più per necessità. Tra tutte, dominante la “voglia di un caffè” (nel 48% dei casi la motivazione che spinge al consumo al distributore automatico) seguita, a grande distanza, dalla “voglia di saziare velocemente fame e sete” (23%). Un’offerta sempre più di qualità ha determinato uno spostamento dei prezzi al consumo, nell’ultimo anno, che ha consentito al comparto delle imprese di gestione di distributori automatici di chiudere con un calo di fatturato pari allo 0,78% a fronte di una diminuzione delle consumazioni che è risultata del -2,74%. “Il 2012 si chiude in sostanziale tenuta, anche se il quadro è complesso da definire. Da un lato l’aumento di consumatori che sempre di più scelgono la distribuzione automatica per le proprie esigenze di consumo, dall’altro la crisi occupazionale, che sottrae utenza dai luoghi tradizionali dove opera il vending. Da un lato la trasmigrazione dei consumi verso il nostro canale per effetto di un favorevole equilibrio qualità / prezzo, dall’altro la crisi degli acquisti che diminuisce la capacità di spesa. Certo è – dice Lucio Pinetti, Presidente di CONFIDA – che i numeri del vending chiaramente esprimono il positivo ruolo del nostro comparto, specialmente in questi anni difficili. Vale la pena ricordare che nonostante i pesanti aumenti dei costi che negli ultimi anni hanno subito le nostre imprese, i prezzi al consumo di poco si sono spostati dai tempi in cui il caffè alla macchinetta si pagava in lire.” Difficile il momento per il comparto manufatturiero della filiera, in particolare per i produttori di distributori automatici, sistemi di pagamento e accessori, che invece non riescono a uscire dalla stagnazione. “E’ necessaria una decisa ripresa degli investimenti, anche nel nostro settore. I distributori automatici di oggi sono uno straordinario esempio di tecnologia e innovazione, in grado di operare con i più moderni sistemi di pagamento ed offrire una moltitudine di servizi complementari, prima tra tutte la connessione alla rete. Ma la qualità ha un prezzo e non possiamo pretendere che al regime di prezzi attuale si possano coprire i maggiori costi dell’integrazione e dell’innovazione.” Continua Pinetti.

FATTURATO ANNUO DEL SETTORE (€)

tabella92

La distribuzione automatica, un settore trasparente.

 Da un’indagine condotta da CONFIDA realizzata utilizzando “Leanus”, un innovativo software di elaborazione e analisi di bilanci sviluppato da un team di esperti e MBA dell’università Bocconi di Milano e confrontando i dati con quelli ottenuti dallo studio di Accenture, si evidenzia una piena coerenza tra le rilevazioni delle ricerche di mercato e le dichiarazioni di fatturati e prezzi che emergono dai bilanci. Significativo il dato relativo all’incidenza delle imposte sui ricavi a carico delle imprese della distribuzione automatica: nel 2011 in media il 2,2%, rispetto alla media delle imprese del commercio (1%) e alla media nazionale (1,6%).

 Questi dati attestano l’efficacia per il comparto degli studi di settore fiscali, un prezioso orientamento per il corretto comportamento e un controllo mirato in materia tributaria. Sul piano della trasparenza fiscale è un dato oggettivo il debito strutturale dello Stato nei confronti del Settore della Distribuzione Automatica causato dall’attuale limite dei crediti Iva compensabili, ampiamente superati. Si stima che ad oggi giacciano nelle casse dello Stato, in attesa di essere rimborsati alle imprese del Vending, circa 100 milioni di Euro, la cui indisponibilità per le imprese non incide solo nell’equilibrio tributario ma ha ripercussioni dirette anche sulle dinamiche economiche delle aziende (solo per fare due esempi: crisi di liquidità e rallentamento degli investimenti). “Un Settore trasparente e con i conti in regola – afferma Lucio Pinetti – che, non solo, contribuisce più di molti altri comparti economici al pagamento delle imposte ma che vede proprio lo Stato tra i suoi più grandi debitori.”.

 IL FUTURO DELLA DISTRIBUZIONE AUTOMATICA
Molte le aspettative rispetto all’evoluzione dei distributori automatici. I consumatori sono più attenti rispetto a ciò che acquistano e vogliono essere sempre più informati. In questa direzione si prevede un ampio spazio per i distributori di nuova generazione con display interattivi e touch screen, nei quali poter indicare molte più informazioni rispetto a quelle oggi disponibili relativamente ai prodotti offerti, quali le caratteristiche nutrizionali (importanti per il 74,6% dei consumatori intervistati da Demoskopea), la marca della miscela di caffè (81,1%) e modalità e tempistiche della manutenzione delle attrezzature, come la data di inserimento del prodotto (84,2%). Sicuro l’impiego dei distributori automatici come attività complementare nel mondo della distribuzione, organizzata e tradizionale, di prodotti alimentari e non, dai distributori di creme solari e infradito in spiaggia a quelli di pesto alla genovese artigianale nei porticcioli liguri, solo per fare degli esempi concreti e già presenti sul mercato. “Il mondo delle idee appartiene al Vending. Se esiste un prodotto, esiste sicuramente un distributore automatico per poterlo vendere”. Conclude Lucio Pinetti.

 

Vending-2013-definitiva

CONFIDA – Associazione Italiana Distribuzione Automatica
Via Giovanni Marradi, 1 20123 Milano
Tel. 02 33106427 Fax 02 33105705
confida@confida.com

Ufficio Stampa:
Federica Bertoglio
Tel 327 8540685
federica.bertoglio@venditalia.com

+ COMMENTI (2)

Casta la Grappa per Alchimie

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Vending Mercato Confida Distribuzione Automatica Italia Consuntivo

Tags/Argomenti: ,


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

ARTICOLI COLLEGATI:

Venditalia a TuttoFood con una nuova veste grafica

03/05/2019 - Venditalia, la più importante manifestazione internazionale della Distribuzione Automatica, dopo il successo del 2018 che ha visto la presenza di oltre 300 espositori pro...

A Milano Food City la qualità e la tecnologia del vending

02/05/2019 - Sono 25,3 i milioni (un italiano su due) gli italiani che scelgono il distributore automatico per la colazione (fonte Censis). Il caffè è il prodotto più acquistato al di...

Natural Vending di ZUMEX®, le nuove macchine intelligenti per il consumo di spremuta ‘on the go’

30/04/2019 - Poco tempo e uno stile di vita frenetico. I consumatori scelgono sempre più di mangiare fuori orario e fuori casa, per questo gli snack crescono e rappresentano quasi il ...

Gruppo Barry Callebaut: Caprimo lancia la nuova bevanda da dessert al gusto di macarons francesi

16/04/2019 - Caprimo riconferma il suo ruolo di innovatore nelle bevande premium per il canale del vending. La sua new entry, ispirata al gusto della pasticceria francese, sta riscont...

Il coffee break è speciale con Caffè Roko

18/02/2019 - La pausa caffè al lavoro è un appuntamento irrinunciabile: alzi la mano chi non si stacca dalla propria postazione almeno due/tre volte nelle otto ore lavorative, tra il ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

18 − dodici =