beverfood
| Categoria Documenti | 5007 letture

Consumi ed esportazioni della PASTA ITALIANA

Coldiretti Pasta Consumi Esportazioni Italiana

Consumi Pasta Coldiretti Italiana Esportazioni

 La pasta italiana è diventata nel mondo il piatto della crisi con le esportazioni che crescono del 27 per cento in quantità e fanno registrare nel 2013 addirittura il record storico all’estero dove non sono mai stati consumati cosi tanti spaghetti, penne, tagliatelle, tortellini e rigatoni Made in Italy. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui settori che resistono alla crisi e trainano la ripresa dell’economia nazionale, sulla base dei dati Istat relativi al mese di gennaio 2013.

Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

I due terzi della pasta esportata – sottolinea la Coldiretti – sono finiti sulle tavole dei consumatori dell’Unione Europea dove si è registrato un incremento medio del 16 per cento, con valori che variano dal +22 per cento in Germania al + 19 per cento in Inghilterra, ma gli aumenti sono sensibili anche nel paese più in difficoltà dell’Eurozona come la Grecia (+21 per cento).

 Un vero e proprio boom però – continua la Coldiretti – si registra sul mercato statunitense, dove gli arrivi sono cresciuti del 61 per cento, e su quello canadese, con un incremento del 47 per cento. Ma, se si guarda all’intero continente, America Latina compresa, si arriva ad un +78 per cento. Export a gonfie vele anche in Asia, con un aumento complessivo del 38 per cento. Se il Giappone resta il principale acquirente (+36 per cento), la pasta Made in Italy spopola anche in Cina, dove alcuni vorrebbero siano stati inventati gli spaghetti, anche qui con un +36 per cento, e in India (+86 per cento), due mercati dalle enormi potenzialità. Ma penne e spaghetti – precisa la Coldiretti – piacciono sempre più pure in Africa, dove le esportazioni sono aumentate del 140 per cento ed in Russia dove sono piu’ che raddoppiate (+127 per cento).

 L’aumento del consumo di pasta all’estero è trainato dai valori positivi che trasmette l’italianità dei prodotti, dai contenuti salutistici che vengono attribuiti ai piatti base della dieta mediterranea, dall’elevato valore nutritivo rispetto al costo ma anche dalla capacità di innovazione delle imprese con l’arrivo delle paste garantite dalla presenza del 100 per 100 di grano italiano, di più elevata qualità e sicurezza, che sta conquistando i mercati esteri. Non è un caso che nella maggiore catena di farmacie americane, la Walgreens, con 8000 punti vendita in tutti gli Stati federali, sia addirittura arrivata la pasta biologica a marchio Delish, prodotta dall’italianissima pasta Ghigi.

Databank grossisti Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Cash & Carry Ingrosso Bevande Gruppi

pasta tipi

 La pasta – sottolinea la Coldiretti – è presente tutti i giorni sulle tavole di dieci milioni di italiani che ne hanno consumato circa 1,5 milioni di tonnellate nel 2012 per un controvalore di 2,8 miliardi di euro. Anche se l’Italia mantiene il primato mondiale del consumo con un quantitativo stimato in 28 chili all’anno per persona, al secondo posto – continua la Coldiretti – si posiziona il Venezuela con 12,7 chili, seguito dalla Tunisia che con 11,7 chili è il primo paese africano, dalla Svizzera con 10,1 chili e dagli Stati Uniti che con 9 chili a testa all’anno sono il forte crescita.

 Nonostante la riduzione generale dei consumi alimentari a livello nazionale, la crisi – sottolinea la Coldiretti – non ha intaccato la passione degli italiani per la pasta con gli acquisti in quantità che sono rimasti sostanzialmente stabili nel corso del primo trimestre anche se registra un vero boom per quella ottenuta con grano 100 per 100 italiano per la qualità del prodotto ma anche per effetto della crisi che spinge i consumatori a privilegiare scelte di acquisto sostenibili che contribuiscono al rilancio dell’economia locale.

 L’italianità della pasta è infatti considerata il vero valore aggiunto del prodotto, secondo un sondaggio online condotto dal sito www.coldiretti.it dal quale si evidenzia che, nella scelta della pasta, il 56 per cento considera infatti fondamentale l’italianità, il 26 per cento il formato, l’11 per cento il prezzo più basso e solo il 7 per cento la marca famosa. Lo dimostra la storia dell’antico pastificio Ghigi che dopo il fallimento del dicembre 2007 è stato rilevato da un cordata di consorzi agrari e nell’ambito del progetto Filiera Agricola Italiana (FAI) della Coldiretti ha puntato sulla “green economy” con l’utilizzo del grano italiano al 100 per 100 realizzando un piccolo miracolo con i dipendenti che sono piu’ che raddoppiati nel nuovo stabilimento realizzato su una superficie di 65 mila metri quadrati di cui 14 mila coperti con un investimento di 29 milioni di euro.

 “La distintività, il legame con il territorio, la nostra tradizione, e in generale l’italianità delle produzioni, rappresentano una leva competitiva straordinaria per affermare i nostri prodotti sui mercati e far tornare a crescere l’economia”, ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che “l’Italia costruirà il proprio futuro tornando a fare l’Italia, ovvero valorizzando al meglio quello che ha già di unico e di esclusivo, a cominciare dal cibo”.

 L’Italia – conclude la Coldiretti – è leader anche nella produzione con 2,9 milioni di tonnellate superiore a quella degli Stati Uniti (1,2 milioni di tonnellate), del Brasile (circa 1 milione di tonnellate) e della Russia (545 mila tonnellate). In altre parole, un piatto di pasta su quattro consumato nel mondo è fatto in Italia.

 +info: http://www.coldiretti.it/News/Pagine/336—–11-Maggio-2013.aspx

 

 

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Coldiretti Italiana Consumi Pasta Esportazioni

Tags/Argomenti: ,

ARTICOLI COLLEGATI:

In attesa della Brexit, l’Italia segna il record nell’export di food & beverage in UK

08/04/2019 - La paura della Brexit fa segnare il record di sempre nelle esportazioni alimentari italiani che fanno registrare un balzo del 17,3% in Gran Bretagna dove è corsa agli acq...

Mercato italiano della birra in continua crescita, merito anche del boom di microbirrifci

24/02/2019 - E’ record per gli acquisti di birra in Italia. Nel 2018, per la prima volta, è stato raggiunto il miliardo di euro con un consumo pro capite medio di 32 litri, il più alt...

E’ l’era del food delivery. Coldiretti: è il settore più dinamico della ristorazione italiana

31/01/2019 - Sono 18,9 milioni gli italiani che nell’ultimo anno con regolarità (3,8 milioni) e occasionalmente (15,1 milioni) hanno consumato a casa cibo ordinato tramite una piattaf...

Brexit UK: in pericolo le esportazioni di prosecco

23/01/2019 - Con quasi una bottiglia esportata su due consumata dagli inglesi è il Prosecco il prodotto simbolo del Made in Italy in Gran Bretagna che rischia di essere pesantemente c...

Miscusi suona la quarta: adesso entrano i fondi

14/12/2018 - Casa, passione, tradizione: uno, più uno, più uno. Il risultato vuol dire Italia, la traduzione in un piatto significa pasta. E la realizzazione dell'addizione ha un nome...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

18 − tredici =