0
Pinterest LinkedIn

QUALITÀ

Equilibrato nei toni misurati del dialogo tra acidità e amarezza, il gusto illy ha una sua dolcezza immediatamente percettibile. Il corpo ricco ed avvolgente si manifesta al palato con una sensazione di piacevolezza tattile. Come in una sinfonia, il gusto è declinato dai solisti, che lo arricchiscono di note fiorite e fruttate, caramello, pan tostato, cioccolato, sentori di mandorla e miele, creando una sensazione finale dolce. Un unico blend, sinfonia di nove solisti L’inconfondibile gusto e aroma illy, sempre costante in ogni tazzina, in qualsiasi parte del mondo la si beva, nasce dalla sapiente combinazione delle migliori varietà di caffè Arabica, provenienti da Paesi del Sud America, dell’America Centrale, dell’India, dell’Africa e della Cina. Il blend illy esalta al meglio i suoi nove solisti, così come ognuna delle nove varietà di Arabica che compongono questa sinfonia di aromi contribuisce all’armonia e valorizza il risultato finale, apportando una nota, un carattere, un tratto distintivo. Tra le monorigine e il blend illy c’è la differenza che c’è tra una sonata per strumento solo e una sinfonia. La ricchezza della sinfonia non sta solo nel talento dei solisti, ma nell’interpretazione del direttore d’orchestra e, prima ancora, nell’orchestrazione del compositore. Perché se le differenti origini valorizzano la miscela illy, è vero anche il contrario: il blend illy usa ed esalta al meglio i suoi nove solisti.

Il miglior caffè, con le migliori tecnologie

illy si lascia guidare dalla passione e dall’ossessione per la qualità, che si manifesta così in ogni aspetto del suo lavoro, a partire dal chicco fino ad arrivare alla tazzina. Ad esempio, fin dal 1935 illy ha introdotto la pressurizzazione dei barattoli, che consente di preservare più di 1000 composti aromatici presenti in un caffè illy, permettendo di mantenerne immutata la fragranza e di conferire rotondità, dolcezza e intensità al gusto. Per garantire che solo i migliori caffè entrino a far parte del blend illy, i suoi laboratori di ricerca ne studiano ogni caratteristica con la chimica, la biologia, la tecnologia e la fisiologia, in un dipartimento di Ricerca e Innovazione riconosciuto a livello internazionale come un centro di eccellenza. Per impedire che anche un solo chicco possa alterare il gusto del suo blend, l’azienda li controlla uno ad uno, attraverso un sistema di selezione elettronica in grado di verificarli al ritmo di centinaia al secondo. Ogni lotto di prodotto è sottoposto, inoltre, a 125 controlli e a 8 degustazioni sensoriali. Per ottenere i chicchi migliori che la natura possa offrire, illycaffè li acquista direttamente dai coltivatori, senza intermediari, trasferendo loro la conoscenza, formandoli a una produzione di qualità nel rispetto dell’ambiente e riconoscendo loro un compenso adeguato alla qualità prodotta.

illy sostenibilità

SOSTENIBILITÀ

Illycaffè ha fatto dell’etica e della qualità i suoi valori fondanti. Quando, dall’inizio degli anni Ottanta, perlustrava il Brasile in lungo e in largo alla ricerca dei chicchi perfetti, insegnando ai coltivatori come ottenerli e spiegando che c’era un mercato disposto a pagarli adeguatamente, Ernesto Illy era guidato da una concezione dell’impresa che mette la dimensione etica al centro delle sue attività.Oggi l’etica e la sostenibilità sono valori che permeano il modo di essere azienda. Per questo, prima azienda al mondo, illycaffè nel 2011 ha ottenuto la certificazione “Responsible Supply Chain Process” da DNV Business Assurance, ente certificatore leader di mercato, che mette al centro del concetto di sostenibilità la qualità e la creazione di valore per tutti gli stakeholder, con particolare attenzione alle fasi di coltivazione e selezione dei chicchi di caffè verde, che l’azienda acquista direttamente da 15 Paesi e 40 zone di produzione.

Lo standard di certificazione di sostenibilità messo a punto da DNV Business Assurance – primo nel suo genere – è stato sviluppato prendendo come modello e punto di partenza la supply chain di illycaffè, confrontandola con le linee guida attuali ed emergenti in tema di sostenibilità e responsabilità d’impresa, nonché con gli standard di riferimento per le attività di certificazione e di accreditamento. Sostenibilità sociale, economica e ambientale. L’approccio unico ed esclusivo di illycaffè alla sostenibilità si regge su tre pilastri fondamentali:…selezionare e lavorare direttamente con i migliori produttori di Arabica; …trasferire loro la conoscenza, formandoli a una produzione di qualità nel rispetto dell’ambiente; …ricompensarli per la qualità prodotta, garantendo loro sempre e comunque un guadagno, in modo da rendere sostenibile la produzione. Una visione che viene da lontano: è dalla fine degli Anni ’80, infatti, che illycaffè acquista il 100% della materia prima direttamente alla fonte, senza intermediari e al di fuori dei mercati internazionali delle commodity. La supply chain di illycaffè è esclusiva e basata su standard qualitativi unici e superiori al punto da essere considerati fuori mercato, tanto che i coltivatori brasiliani scherzano dicendo che “non esistono”.

Nei Paesi produttori, illy è un motore in grado di innescare lo sviluppo di intere regioni. In Brasile – che all’inizio degli anni Novanta produceva grandi quantità di caffè, ma di scarsa qualità – nel 1991 ha dato il via a un meccanismo di incentivazione che ha portato il chicco brasiliano a un livello sensibilmente più alto, universalmente riconosciuto e apprezzato. Si tratta del Premio Ernesto Illy para Qualidade do Café Para Espresso, che ogni anno riconosce i coltivatori che hanno realizzato il raccolto migliore e che ha consentito ad alcune regioni del Paese, come il Cerrado o la zona Da Mata, di affermarsi nel panorama della qualità.

In Etiopia, caratterizzata dalla presenza di migliaia di piccolissimi produttori di caffè, illy fornisce supporto sia attraverso attività formative, sia contribuendo allo sviluppo delle comunità locali, ad esempio collaborando alla costruzione di stazioni di lavaggio per il caffè, alla realizzazione di strade, di edifici scolastici e di un dispensario medico rurale. Nel campo della ricerca, la Fondazione Ernesto Illy, illycaffè e l’Università di Addis Abeba hanno avviato un progetto di studio e selezione delle varietà originarie del caffè etiopico, con l’obiettivo di favorire la conservazione e lo sviluppo della specie originaria di caffè Arabica, anche attraverso una collezione di piante nate spontaneamente nelle foreste naturali dell’Etiopia.

illy-banner-campi-caffè

Nei Paesi produttori, l’azienda promuove tecniche agronomiche a basso impatto ambientale che prevedono l’adozione di metodologie compatibili con la conservazione dell’ambiente e la sicurezza alimentare, anche attraverso la minimizzazione dell’uso di prodotti di sintesi. Il rispetto per l’ambiente si estende al sito produttivo di Trieste che nel 2003 ha ottenuto la certificazione ISO 14001, attestante la presenza di un sistema di gestione ambientale. Nel 2004 ha aderito volontariamente all’applicazione del Regolamento EMAS, vincendo nel 2005 l’EMAS Award per l’impegno a migliorare gli aspetti ambientali della produzione.Il 100% dell’energia utilizzata dall’azienda a Trieste proviene da fonti rinnovabili. Nel 2011, nel polo logistico Distripark aziendale è stato posizionato un impianto fotovoltaico tra i più estesi del Nord Italia e, pioniera tra le aziende torrefattrici, un impianto che utilizza il recupero del calore prodotto dai camini delle tostatrici per la produzione di riscaldamento. Nel 2012 illycaffè ha siglato un accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare italiano finalizzato all’analisi, riduzione e neutralizzazione dell’impatto sul clima del settore caffè. Obiettivo del programma è la definizione di un sistema di gestione delle emissioni di carbonio che possa fungere da modello per tutte le industrie che operano nel settore del caffè.

Un’ulteriore tappa che riflette l’impegno di illycaffè è il progetto Pianeta 20 che ha l’obiettivo di rendere più sostenibile ogni fase della produzione della tazzina di caffè, attraverso quattro comportamenti essenziali: rispettare l’ambiente e le persone, non inquinare, non sprecare energie preziose, usare il più possibile risorse naturali. Queste iniziative rientrano in un programma articolato messo a punto dall’azienda, basato sugli obiettivi del pacchetto clima-energia fissati dall’UE per il 2020: ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare al 20% il consumo di fonti rinnovabili. Nel 2013 e 2014 Ethisphere Institute ha inserito illycaffè, unica italiana, nell’elenco delle aziende più etiche al mondo (“WME”, World’s Most Ethical Companies) per aver ottenuto i più alti standard dal punto di vista della corporate governance, della responsabilità sociale aziendale e della sostenibilità. L’impegno dell’azienda è stato anche riconosciuto dall’inchiesta indipendente condotta sui maggiori marchi di caffè al mondo dal consorzio internazionale ICRT (International Consumer Research & Testing), che raggruppa diverse associazioni dei consumatori, tra cui l’italiana Altroconsumo.

illycaffè è risultata l’azienda a livello mondiale che più di tutte si distingue per l’impegno di responsabilità socio-ambientale nei confronti dei Paesi coltivatori di caffè, in America Latina, Africa e Asia. Per comunicare l’approccio alla sostenibilità, nel 2014 illycaffè ha prodotto un documentario dal titolo “A Small Section of the World”, che racconta come una tazza di caffè ha trasformato la vita di molte donne che vivono nei Paesi coltivatori e come ha permesso loro di far emergere il proprio potenziale. Lesley Chilcott, produttrice di Waiting for Superman (2010) e vincitrice dell’Oscar per la coproduzione di An Inconvenient Truth (2006), è la regista di questo appassionante racconto cantato dalla voce di Alanis Morissette, una delle più premiate artiste rock di tutti i tempi. Il documentario si focalizza sulle donne di ASOMOBI (Asociacion de Mujeres Organizadas de Biolley), l’associazione delle donne produttrici di caffè che vivono sulla Cordigliera di Talamanca in Costa Rica; nel corso dei 17 anni in cui si svolge la storia, il documentario illustra come le donne siano parte fondamentale nella cultura del caffè, in ogni suo singolo processo, dall’inizio alla fine.

Value report

Per illy, il principio guida del fare impresa è la creazione di valore per tutti gli attori coinvolti lungo la filiera produttiva. Il Sustainable Value Report (valuereport.illy.com/) descrive nel dettaglio le strategie e le pratiche attraverso le quali illycaffè mette in atto la sostenibilità nelle sue diverse accezioni: economica, sociale, ambientale. Spiega come l’azienda persegua la sostenibilità economica ai vari livelli, con particolare attenzione ai Paesi produttori da cui acquista direttamente, senza intermediazioni, la quasi totalità di caffè verde che utilizza nei suoi prodotti (ad eccezione dell’Etiopia, il cui ordinamento politico non consente un contatto diretto con i coltivatori). Racconta come illycaffè supporti e crei sostenibilità a livello sociale, facendo leva sul concetto di crescita e sul trasferimento della conoscenza. Descrive le iniziative adottate, lungo tutta la catena di produzione, per minimizzare l’impatto ambientale delle sue attività.

Birra Tripel Karmeliet - 7 generation, 3 grain, 1 recipe
1 2 3 4 5

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

dodici + 20 =