Moreno
| Categoria Documenti | 1059 letture

Osservatorio Federvini Wine & Spirits: i punti chiave del settore

Osservatorio Wine Grappa Export Spirits Chiave Consumi Superalcolici Spirits Consumi Vino Export Grappa Osservatorio Del Vino Report Export Vini Federvini Punti

Spirits Consumi Vino Osservatorio Export Grappa Export Spirits Grappa Federvini Wine Export Vini Punti Consumi Superalcolici Report Osservatorio Del Vino Chiave

In occasione dell’ultima Assemblea Annuale Federvini è stato lanciato il nuovo Osservatorio Federvini Wine & Spirits, un ‘think tank’ in grado di monitorare l’evoluzione del settore, con particolare attenzione alla struttura delle aziende in un mercato sempre più complesso, senza dimenticare l’evoluzione del consumatore. In tal occasione è stato presentato un primo report informativo di cui riassumiamo di seguito le principali Highlights

 

 

MARKET ANALISYS

 

  • Sia il vino che gli spirits si caratterizzano per scambi internazionali molto intensi: nel 2018 a livello mondiale i flussi commerciali di vino hanno superato i 32 miliardi di euro con un tasso di crescita medio annuo su base decennale del +4,2%, mentre quelli di spirits hanno quasi raggiunto i 29 miliardi di euro con un CAGR del +6,0%.

 

  • Nel commercio internazionale di vino l’Italia gioca un ruolo da protagonista e rappresenta il secondo esportatore mondiale dopo la Francia grazie a 6,2 miliardi di euro di export nel 2018 ed un peso a livello mondiale del 20%, tra l’altro in crescita rispetto al 2008.

 

  • A trainare l’export italiano è la categoria degli sparkling in virtù dell’enorme successo del Prosecco su alcuni mercati chiave (primi fra tutti USA e UK): nel giro di 10 anni le esportazioni di spumanti sono più che triplicate, superando gli 1,5 miliardi di euro e arrivando a pesare per un quarto sul totale delle esportazioni vitivinicole italiane. Si riduce invece il ruolo dei vini imbottigliati (dal 78% al 69% dell’export totale) che registrano tassi di crescita decisamente meno sostenuti ma comunque positivi (+47% nell’ultimo decennio): nonostante ciò essi rimangono la principale voce dell’export di settore grazie ad un valore di 4,2 miliardi di euro.

 

  •  Grazie a tali trend il vino italiano, in particolare quello spumante, ha conquistato spazi di mercato nella gran parte dei mercati mondiali.

 

 

 

 

  • Passando agli spirits l’Italia ricopre invece un ruolo decisamente minore all’interno degli scambi internazionali, dove a dominare sono UK (6,7 miliardi di euro di export, principalmente scotch) e Francia (4,5 miliardi di euro, con un peso predominante del cognac).

 

  • Tra i top exporter di spirits l’Italia si posiziona solo in 8° ottava posizione con un valore dell’export di 970 milioni di euro nel 2018 ed una market share a livello mondiale di appena il 4%, ma in crescita su base decennale

 

  • I liquori costituiscono la principale voce dell’export italiano di spirits: 405 milioni di euro nel 2018 ed un peso sul totale dell’export di settore del 42%. Grazie a tali valori, l’Italia si colloca al secondo posto a poca distanza dalla Germania nel ranking dei principali esportatori mondiali di tale tipologia di spirits.

 

  • Grazie alla forte crescita dell’export nel corso dell’ultimo decennio (CAGR del +4,5%), i liquori Made in Italy sono riusciti a conquistare market share in numeroso mercati internazionali, primi fra tutti USA, UK e Francia.

 

  • Spostando l’analisi dagli scambi internazionali ai consumi nazionali è immediato notare come il mercato degli spirits in Italia sia ormai da anni in costante calo: CAGR 2013-18 del -1,5% per 1,2 milioni di ettolitri consumati nel 2018. Per quanto riguarda invece il vino, nello stesso anno in Italia ne sono stati consumati 22,9 milioni di ettolitri: dopo il calo degli ultimi decenni, nel 2016-17 i consumi hanno segnato una lieve ripresa per poi tornare a ridursi.

 

 

 

RICERCA SU AMARI E LIQUORI DOLCI

 

  • Il consumo di liquori dolci/amari in Italia è molto diffuso: il 59% della popolazione 18-73 anni li ha consumati in almeno un’occasione negli ultimi 12 mesi. Il consumo è maggiore tra gli uomini (62%), tra i Baby Boomers (66%) e tra chi risiede nel Centro Italia.

 

  • Quanto ai canali di consumo prevalente, non emergono differenze tra consumi domestici e fuori casa: il 51% dei consumatori italiani ha difatti bevuto amari/liquori dolci soprattutto tra le mura domestiche mentre il restante 49% away from home (il 32% al ristorante/pizzeria e il 17% in winebar). Questi ultimi spendono in media 4,5 euro per un bicchiere di amaro/liquore dolce ordinato fuori casa.

 

  •  In merito ai key buying factors, gli amari/liquori dolci da consumare in casa vengono scelti soprattutto in base alla marca (il 28% dei consumatori la indica come primo criterio di scelta) e alle proprietà digestive (18%), mentre prezzo basso, origine e presenza di ingredienti specifici sono i primi driver di scelta solo per una quota minore di user (10%).

 

  • Analizzando le abitudini di consumo emerge innanzitutto come l’82% dei consumatori beve amari/liquori dolci principalmente dopo i pasti come digestivo (89% tra i soli Baby Boomers), mentre solo una quota del 10% (che sale al 14% tra i Millennials) li consuma soprattutto all’aperitivo. Il weekend, indicato dal 67% dei consumatori (78% tra i Millennials) è il momento di consumo preferito.

 

 

 

  • A conferma del calo dei consumi sul mercato italiano, il 23% dei consumatori ha dichiarato di aver ridotto negli ultimi 2-3 anni il consumo di amari/liquori dolci fuori casa (in ristoranti, winebar, altri locali), contro un 17% di chi ha riscontrato un aumento e un 60% di chi non ha notato cambiamenti. Il saldo si conferma negativo anche nell’ambito dei consumi fra le mura domestiche: hanno affermato di aver diminuito i consumi il 20% dei consumatori mentre è del 14% la quota di chi dichiara di aver aumentato le quantità bevute. Si noti come la quota di chi ha rilevato un aumento dei consumi cresce tra i Millennials, sia in casa (23%) che soprattutto fuori casa (33%).

 

  •  Oggetto della survey è stato anche indagare i motivi del mancato consumo tra i non attuali user: oltre la metà (55%) afferma di non aver bevuto liquori dolci/amari nell’ultimo anno perché tali prodotti non incontrano il loro gusto personale. Per il 18% hanno invece una gradazione alcolica troppo alta.

 

  • Nella percezione dei consumatori italiani, gli amari/liquori dolci vengono associati innanzitutto al relax: è la prima immagine che viene in mente ad un quarto dei consumatori. Seguono, a breve distanza, divertimento/convivialità (22%), occasioni speciali (19%) e tradizione (17%).

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

  • Alla luce della maggior vocazione produttiva di tali prodotti tra i territori del Sud Italia, secondo il consumatore la regione che produce gli amari/liquori dolci di maggiore qualità è la Sicilia, indicata dal 12%, seguita dalla Campania (10%) e dalla Calabria (9%).

 

  • Ma quali sono i trend che caratterizzano in futuro il mercato italiano? Secondo il 38% dei consumatori (45% tra i Baby Boomers) saranno gli amari/liquori della tradizione italiana ad avere maggior successo nei prossimi anni, seguiti a distanza da quelli prodotti con particolari erbe/spezie (15%) e da quelli biologici (12%).

 

 

FOCUS GRAPPA

 

  • Il 31% degli italiani 18-73 anni ha consumato grappa in almeno un’occasione negli ultimi 12 mesi. La propensione al consumo di grappa è maggiore tra gli uomini, nelle regioni del Centro, tra i Baby Boomers e tra chi ha redditi elevati.

 

  • In merito ai motivi del consumo, il 28% degli user (35% tra i Millennials) l’ha bevuta perché gliel’hanno offerta, il 26% perché incontra il proprio gusto personale e il 16% (22% tra i Baby Boomers) per le sue proprietà digestive.

 

  •  Per quanto riguarda i luoghi di consumo, non si denotano differenze spiccate tra at home e away from home. Nello specifico, il 53% dei consumatori dichiara di consumare grappa prevalentemente a casa contro un 27% di chi la beve principalmente in ristoranti (31% al Nord) e il 14% di chi la consuma in primis in winebar. La preferenza verso quest’ultimo canale cresce tra i Millennials (26%) e al Sud (20%).

 

  • Quanto alla tipologia, i consumatori preferiscono la grappa aromatizzata (46%), invecchiata (60%) e prodotta da una sola varietà di uve (50%). • Veneto, Friuli Venezia-Giulia e Trentino Alto-Adige sono nella percezione dei consumatori le 3 regioni italiane che producono le grappe di maggiore qualità.

 

  •  I motivi del mancato consumo? Il 46% dei non user afferma di non aver bevuto grappa perché semplicemente non incontra il proprio gusto personale mentre per il 39% ha un grado alcolico troppo elevato.

 

 

Per una analisi più dettagliata con tutte le tavole statistiche, si rimanda al report specifico

www.federvini.it/download/indagini-e-ricerche/send/31-indagini-e-ricerche/2728-osservatorio-federvini-wine-spirits

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Export Spirits Wine Export Vini Punti Federvini Spirits Export Grappa Osservatorio Consumi Superalcolici Osservatorio Del Vino Report Consumi Vino Chiave Grappa

ARTICOLI COLLEGATI:

Distilleria Marzadro: crescita e investimenti per un bilancio 2018 positivo chiuso a 20.9 mln

18/06/2019 - Tempo di bilanci, di crescita e di investimenti importanti per Distilleria Marzadro, che ha approvato lo scorso mese di maggio un bilancio d’esercizio 2018 molto positivo...

Wine Monitor : i vini rossi toscani Dop leader nel mercato europeo

18/06/2019 - Vini rossi Dop della Toscana leader nel mercato europeo. Un valore complessivo delle esportazioni nel 2018 pari a 518,6 milioni di euro, contro i 273,7 del Veneto e i 242...

Acque minerali, Ue con 52 miliardi di litri guarda alla sostenibilità

14/06/2019 - È stato un anno di consumi sostanzialmente stabili per l’acqua minerale in Italia il 2018, come certificano dai dati recentemente rilasciati da Mineracqua. Il Paese maggi...

Gdo: il 2019 inizia bene per gli spumanti (+22%)

08/06/2019 - I primi 4 mesi del 2019 si contraddistinguono per un trend positivo nei canali della distribuzione moderna. Lo rileva la ricerca Nielsen sul comparto Liquor, Spumanti, Ch...

Bortolo Nardini spegne 240 candeline e continua ad evolvere la sua arte distillatoria

06/06/2019 - Un compleanno speciale e sicuramente raro. Non capita a tutte le aziende di raggiungere 24o anni. Più che un traguardo, un successo. Distilleria Nardini, la più antica in...

IWSR Report 2018: ridotto il consumo mondiale di alcol, prevista lieve crescita nei prossimi 5 anni

30/05/2019 - Secondo i nuovi dati della fonte di intelligence settoriale IWSR, nel 2018, i volumi di alcolici in tutto il mondo (attraverso tutti i canali) hanno raggiunto 27,6 miliar...

La crescita di Kefir e Kombucha fermenta in Europa

22/05/2019 - Tre nuovi report di Zenith Global, l'esperto mondiale del Food & Beverage, trovano a livello europeo caratteristiche e opportunità straordinariamente diverse nelle be...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

12 − 5 =