0
Pinterest LinkedIn

I prezzi del caffè hanno continuato a scivolare nel mese di agosto , nonostante una breve ripresa all’inizio di questo mese . La media mensile del prezzo indicativo composto ICO è scesa al livello più basso negli ultimi quattro anni, così come la media mensile del prezzo indicativo dei tre gruppi di Arabica . Le esportazioni totali nel luglio 2013 hanno raggiunto 9,1 milioni di sacchi, in crescita del 6,6 % dal luglio 2012, ma le esportazioni totali per i primi dieci mesi dell’anno sono cresciute solodel 3 6 % , portandosi a 94,5 milioni di sacchi . Il consumo mondiale di caffè è in incremento del 2,1 % ed è stimato per l’anno solare 2012 in circa 142 milioni di sacchi contro 139,1 milioni di sacchi nel 2011 . La maggior parte di questo aumento può essere attribuito a una forte crescita nei paesi esportatori e nei paesi emergenti ( +2,5 % e +4,7 % rispettivamente) . Il consumo nei più tradizionali Paesi consumatori ha avuto un più modesta crescita dell’1% rispetto al 2011.

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF
MOVIMENTO PREZZI
La media mensile del prezzo indicativo composto ICO è scesa del 2,1 % nel mese di agosto a 116,45 cents per libbra , il suo livello più basso dal settembre 2009. Il prezzo indicativo dei quattro gruppi è sceso rispetto a luglio , con cali significativi per i tre gruppi di Arabica;. I Dolci Colombia , gli Altri Dolci e i Naturali Brasiliani sono diminuiti del 2,9% , 2,3 % e 2,2 % , rispettivamente . Una diminuzione del 1,3 % è stata registrata dalla varità Robusta . In agosto si è anche ridotto lo scarto di prezzo tra Arabica e Robusta

I FONDAMENTALI DEL MERCATO
Questi movimenti di prezzo sono stati aggravati nelle ultime settimane dal deprezzamento del tasso di cambio di diversi paesi esportatori nei confronti del dollaro, in particolare il real brasiliano e la rupia indiana. Una moneta debole può favorire le vendite dei paesi esportatori, che, aumentando la disponibilità sul mercato, esercitano una pressione al ribasso sui prezzi. Sebbene i cambiamenti nei tassi di cambio possano aumentare il prezzo pagato ai produttori in moneta nazionale, essi aumentano anche il costo in dollari dei fattori produttivi importati. Come risultato , soprattutto considerando i significativi cali del prezzo del caffè negli ultimi due anni, si stima che gli attuali livelli di mercato sono ancora al di sotto del costo di produzione.

Tabella Prezzi caffe

PRODUZIONE E DELLE ESPORTAZIONI
La produzione totale di tutti i paesi esportatori al 2012/13 è stata rivista leggermente verso il basso per circa 144,4 milioni di sacchi, in crescita del 7,6% rispetto all’annata 2011/12 . In termini di esportazioni, le vendite totali nel luglio 2013 hanno raggiunto i 9,1 milioni di sacchi , con un calo del 6,6 % rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Tuttavia, le esportazioni totali per i primi dieci mesi dell’anno caffeicolo 2012/13 sono aumentate del 3,6 %, portandosi a 94,5 milioni di sacchi, contro i 91,2 milioni dello stesso periodo del 2011/12 .

Databank torrefatori torrefazioni caffè Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

I CONSUMI
Il consumo mondiale nell’anno solare 2012 è stimato in 142 milioni di sacchi , con un incremento del 2,1 % rispetto al 2011. Il Consumo nei tradizionali Paesi consumatori ha raggiunto i 71,4 milioni di sacchi, con un modesto aumento del 1 % rispetto all’anno precedente . Gli Stati Uniti sono il più grande paese consumatore al mondo con 22,2 milioni di sacchi nel 2012 contro i 22 milioni nel 2011. Nella UE , il consumo totale è aumentato leggermente dello 0,6 % a 41 milioni di sacchi; un significativo aumento del 9,1 % è stato registrato in Spagna, mentre Germania e Francia registrano un calo del 6,7% e 2,9 % rispettivamente . Il consumo in Italia e nel Regno Unito è rimasto relativamente stabile rispetto al 2011.
La crescita più dinamica di consumo negli ultimi anni è stata registrata nei paesi esportatori e nei mercati emergenti . Il consumo totale di caffè in mercati non tradizionali è aumentata di quasi il 50 % dal 2003 . Il Brasile è di gran lunga il più grande consumatore dei paesi esportatori , con un incremento del 3,1 % nel 2012, pari a 20,2 milioni di sacchi . Forte crescita dei consumi si registra anche in Indonesia , in crescita dal 7,5% (pari a a 3,6 milioni di sacchi) e l’India , in aumento del 4,8% (pari a a 1,9 milioni di sacchi) . Nei mercati emergenti, il consumo totale nel 2012 è stimato in 27,2 milioni di sacchi , con un incremento del 4,7 % rispetto all’anno precedente . Il più grande consumatore di questa classe è la Federazione Russa , con 3,8 milioni di sacchi nel 2012 , in crescita del 2% rispetto al 2011. Aumenti significativi sono stati registrati anche in Algeria e in Australia (+ 9 % e +15,9% , rispettivamente ) . I mercati emergenti hanno aggiunto circa 1,2 milioni di sacchi nel 2012 , contro i 1,1 milioni di sacchi per i paesi esportatori e 672.000 di sacchi per i mercati tradizionali.

Tabella consumo caffe

Birra Tripel Karmeliet - 7 generation, 3 grain, 1 recipe

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

8 + 18 =