Mariapia De Nicola
| Categoria Documenti | 7912 letture

Ricerca Censis/Conad: Italia ancora nell’incertezza. Gli italiani chiedono più merito e uguaglianza

Censis/conad Conad Italia Ricerca Merito Incertezza Censis Chiedono Uguaglianza

Censis Ricerca Uguaglianza Merito Chiedono Italia Conad Censis/conad Incertezza

Sono peggiorate economia (55%) e sicurezza (42%), ma secondo gli italiani il peggio deve ancora arrivare. È crollata la fiducia nelle élite (solo il 4% si fida dei partiti, il 3% dei parlamentari, l’1,5% dei banchieri). Ma no all’uscita dalla UE e dall’euro (66%). Bisogna ripartire da merito (52%), equità (48%) e protezione sociale (34%). Questi sono i principali risultati della ricerca «Cosa sognano gli italiani» realizzata da Censis in collaborazione con Conad.

Le cose che contano nell’immaginario collettivo degli italiani

 

Incubi più che sogni: male economia e sicurezza. Secondo il 55,4% degli italiani negli ultimi dodici mesi la situazione economica del Paese è peggiorata (per il 36,9% è rimasta uguale, solo per il 7,7% è migliorata). Per il 42,3% è peggiorato anche l’ordine pubblico, il rischio di essere vittima di reati (la situazione è rimasta uguale per il 47,6%, è migliorata per il 10,1%). Forte è il timore che il peggio debba ancora arrivare, perché l’incertezza pervasiva fa vedere tutto nero.

Nei prossimi dodici mesi la situazione economica peggiorerà ancora per il 48,4% degli italiani (resterà uguale per il 34,7%, migliorerà solo per il 16,9%), per il 40,2% peggiorerà anche la sicurezza (resterà stabile per il 42,4%, migliorerà per il 17,4%). La psicologia del peggio attanaglia le menti degli italiani. E tutto ciò non è funzionale al rilancio di una solida crescita per tutti. È quanto emerge dalla ricerca «Cosa sognano gli italiani» realizzata dal Censis in collaborazione con Conad nell’ambito del progetto «Il nuovo immaginario collettivo degli italiani».

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Aumenta il nervosismo. Per il 70% degli italiani nell’ultimo anno sono aumentati gli episodi di intolleranza e razzismo verso gli immigrati. Le cause sono: le difficoltà economiche e l’insoddisfazione della gente (50,9%), la paura di subire reati (35,6%), la percezione che gli immigrati in Italia siano troppi (23,4%).

Il peggioramento della situazione economica e della percezione delle condizioni di sicurezza porta alla caccia del capro espiatorio. Da qui il rischio che le attuali distanze divengano incolmabili: il 20,4% degli italiani si sente distante da persone con valori diversi dai propri (sul ruolo della donna, la famiglia, ecc.), il 19,8% da persone che conducono stili di vita diversi dai propri, il 17,5% da persone con altre idee politiche, il 15,7% dalle persone di un’altra nazionalità, il 15,5% da chi è di un’altra religione. Crolla la fiducia nelle élite. I grandi scienziati (40,7%), il Presidente della Repubblica (30,7%), il Papa (29,4%) e i vertici delle forze dell’ordine (25,5%): ecco il quadrilatero dell’establishment che beneficia ancora della fiducia dei cittadini. Mentre il resto delle élite è completamente sfiduciato dagli italiani.

Godono di una fiducia ai minimi termini: i vertici dei partiti (4%), i parlamentari (3,2%), i direttori di giornali e telegiornali (3,6%), gli editorialisti e gli opinion maker (3,8%), soprattutto i banchieri (1,5%). Poco più alta è la fiducia riposta nei grandi imprenditori industriali (10,9%) e nei vertici dei corpi intermedi e delle associazioni di categoria (8,1%). La post-verità ha generato la voglia di figure rassicuranti, che siano l’incarnazione del senso di responsabilità e in grado di trasmettere sicurezza.

 

Quel che serve per tornare a crescere: il punto di vista degli italiani

 

No Italexit: gli italiani non sognano la fuga dalla UE. Il 66,2% degli italiani non vuole l’uscita dall’euro e il ritorno alla lira. Il 65,8% è contrario al ritorno alla sovranità nazionale con l’uscita dall’Unione europea. Il 52% non è favorevole all’idea di ristabilire confini impermeabili e controlli alle dogane tra i Paesi europei. Però tra le persone con redditi bassi sono più elevate le percentuali di chi si dice d’accordo con il ritorno alla lira (il 31%, rispetto all’8,8% delle persone con redditi alti), l’uscita dall’Ue (il 31,6%, contro l’11% delle persone con redditi alti), il ripristino di frontiere e dogane tra i Paesi europei (il 39,2%, rispetto al 25,3% delle persone con redditi alti).

In questi casi, una Unione Europea disattenta alle condizioni dei ceti meno abbienti è percepita come matrigna, da cui sarebbe meglio fuggire. Il grande sogno degli italiani: la libertà di tornare a volare. Secondo gli italiani, i fattori irrinunciabili per una crescita senza esclusi sono: dare più spazio al merito e a chi è bravo, favorendo i più capaci e i meritevoli (52,1%), maggiore uguaglianza e una distribuzione più equa delle risorse (47,8%), più welfare e protezione sociale per dare maggiore sicurezza alle persone (34,3%), minore aggressività e rancore verso gli altri (33,1%).

Concretamente, il 73,9% degli italiani si dice favorevole all’imposizione di una tassa sui grandi patrimoni e il 74,9% all’introduzione di un salario minimo per legge. Il grande sogno italiano non è fatto però di assistenzialismo, né di «Stato padrone», né di un generico buonismo. Il grande sogno italiano è, ancora una volta, la possibilità di inseguire il proprio destino, ricevendo il giusto riconoscimento economico. Nell’immaginario collettivo la sicurezza non gioca contro la libertà individuale: ne è il presupposto, la condizione necessaria per non essere risucchiati in basso e per poter sprigionare tutto il potenziale di energie psichiche necessarie per dare concretezza alle proprie aspirazioni di un più alto benessere.

«Mentre tutto il dibattito pubblico si arrovella sulle piccole variazioni da zero virgola al rialzo o al ribasso del Pil, rischiamo di sottovalutare quanto sia importante poter contare su un immaginario collettivo ricco e vitale, positivo e propulsivo, come ingrediente indispensabile dello sviluppo» annota Massimiliano Valerii, direttore generale del Censis. «In gioco c’è qualcosa di molto importante. Le democrazie liberali hanno bisogno di crescita, perché si sorreggono sulla soddisfazione dei bisogni, benessere e consumi di massa, uguaglianza delle opportunità, processi di mobilità sociale per i ceti meno abbienti. Altrimenti vince il rancore, che non fa sviluppo».

«I risultati della ricerca Censis Conad ci raccontano un‘Italia ancora immersa nell’incertezza. Un dato, questo, che trova conferma nelle indagini realizzate da Conad sulle scelte di acquisto dei consumatori: il 42% di loro è convinto che il potere di acquisto delle famiglie sia diminuito, il 38% ritiene che sia rimasto invariato, solo il 10% crede che sia cresciuto. Emergono però anche comportamenti positivi, come l’attenzione alla lotta agli sprechi, che in una scala di valori da 1 a 5, per gli italiani vale 4,3 punti, alla sostenibilità dei prodotti (3,96 punti) e al rispetto dei diritti degli attori della filiera (4 punti). Non solo. Per un consumatore su tre la fiducia nel territorio di provenienza dei prodotti alimentari costituisce una delle maggiori leve di acquisto. È un messaggio molto chiaro: mai come in questo momento gli italiani sono in cerca di punti di riferimento solidi, chiedono di potersi fidare», sottolinea l’amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese. «Sono segnali che ci suggeriscono la strada da seguire per uscire dall’epoca della paura e dell’immobilismo. Il Paese ha bisogno di una classe dirigente credibile, di equità e meritocrazia, di una politica che premi l’impegno e promuova la solidarietà, i legami sociali e il senso di responsabilità. Sono i presupposti necessari per tornare a condividere un grande sogno collettivo, il più potente motore della crescita».

 

Clicca qui per il rapporto completo

 

censis@censis.it
www.censis.it

info@conad.it
www.conad.it

giorgia.nardelli@homina.it

+ COMMENTI (0)

Distillerie, Fabbrica della Birra, Tenute Collesi

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Chiedono Italia Ricerca Merito Uguaglianza Conad Incertezza Censis Censis/conad

Tags/Argomenti: ,

ARTICOLI COLLEGATI:

Conad: fatturato 2018 a € 13,5 Mrd, leadership di mercato dopo l’acquisizione di Auchan

Conad: fatturato 2018 a € 13,5 Mrd, leadership di mercato dopo l’acquisizione di Auchan

19/06/2019 - In controtendenza rispetto al mercato, Conad cresce in tutti gli ambiti – fatturato a 13,5 miliardi di euro, quota di mercato al 12,9%, patrimonio netto aggregato a 2,5 m...

È ufficiale: Conad conquista il business Retail di Auchan Italia

È ufficiale: Conad conquista il business Retail di Auchan Italia

14/05/2019 - Conad, la più ampia organizzazione di imprenditori indipendenti del commercio al dettaglio d’Italia, ha chiuso oggi un accordo con Auchan Retail per l’acquisizione della ...

Ricerca Censis-Conad: crescono i consumi dei prodotti che fanno stare bene e fanno parlare di sè

Ricerca Censis-Conad: crescono i consumi dei prodotti che fanno stare bene e fanno parlare di sè

09/02/2019 - La nuova filosofia del consumatore egocentrico: la selezione dei prodotti è rigorosa, ma per alcuni si può pagare anche di più. Sono i prodotti che soggettivamente fanno ...

Risultati Conad 2018: crescita del giro d’affari a 13.4 miliardi euro

Risultati Conad 2018: crescita del giro d’affari a 13.4 miliardi euro

15/12/2018 - Conad chiude il 2018, un anno difficile per l’economia e per i consumi, con una crescita del 3% confermando il trend positivo che continua dal 2002: il giro d’affari si a...

Conad: in cantiere 1.280 milioni di investimenti e a maggio fatturato di +4,2%

Conad: in cantiere 1.280 milioni di investimenti e a maggio fatturato di +4,2%

05/07/2018 - Conad ha in programma un piano triennale di sviluppo per crescere oltre i 13 miliardi di euro di fatturato registrati nel 2017 (+4,9% rispetto all’anno precedente). Intan...

Conad: 13 miliardi di fatturato nel 2017. Investimenti nello sviluppo per 4012 Mn/€

Conad: 13 miliardi di fatturato nel 2017. Investimenti nello sviluppo per 4012 Mn/€

20/06/2018 - L’assemblea dei soci Conad ha approvato il bilancio 2017, chiuso con un fatturato della rete di vendita di 13 miliardi di euro, 600 milioni in più rispetto all’esercizio ...

Nasce Osservatorio Alimentare: dedicato all’informazione della filiera agroalimentare

Nasce Osservatorio Alimentare: dedicato all’informazione della filiera agroalimentare

15/05/2018 - Ha debuttato a Cibus Osservatorio Alimentare (www.osservatorioalimentare.it), la piattaforma digitale dedicata al settore agroalimentare italiano. Un punto di incontro pe...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

diciannove − 9 =