Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie/privacy policy. Se non sei d'accordo sei libero di lasciare Beverfood.com. Premi "ho compreso" per nascondere il messaggio.

Sopexa – Wine Trade Monitor 2018: la guerra tra i leader nelle vendite globali di vino


Sopexa, l’agenzia internazionale di marketing e comunicazione specializzata in cibo, bevande e stili di vita, ha pubblicato i risultati del Wine Trade Monitor 2018, uno studio internazionale incentrato sulle principali tendenze nel mercato del vino globale. E quest’anno, per la prima volta, lo studio include spumanti a fianco di vini fermi.

 

 

Sopexa ha adottato un approccio unico: propagandare professionisti del settore vinicolo locale, veri gatekeeper dei consumatori, sfruttando la percezione del mercato del vino in prima linea per comprendere e anticipare le ultime tendenze di rottura. Nel 2018, 781 parti interessate, compresi importatori, grossisti e venditori al dettaglio, provenienti da 6 mercati principali – Belgio, Canada, Stati Uniti, Giappone, Cina e Hong Kong – hanno presentato le loro previsioni per 2 anni sullo sviluppo del mercato e sulle tendenze chiave.

Schede dei vini: quali vini e dove?

Attualmente quotata dal 92% degli intervistati, la Francia rimane il paese vinicolo più popolare nei portafogli del vino, seguito dall’Italia (76%) e dalla Spagna (71%). I principali paesi sfidanti del Cile, dell’Australia e degli Stati Uniti sono sempre più presenti e sono ora quotati dal 45 al 56% degli operatori.

 

 

Vendite di vino

I vini italiani guadagnano terreno: il 41% di tutti gli intervistati cita i vini italiani come uno dei paesi con i migliori risultati in termini di progressione delle vendite nei prossimi due anni. Guardando globalmente al 2017 le vendite di vino, e per i due anni a venire, l’82% del commercio vede la Francia aggrapparsi al suo forte vantaggio davanti agli altri paesi di origine. Ciò è particolarmente evidente negli Stati Uniti, a Hong Kong e in Belgio. Tuttavia, lo studio fa luce sulla relativa fragilità dei vini francesi in Cina e Canada, dove gli operatori prevedono che i vini francesi vedranno aumentare la concorrenza, in particolare quella dei vini italiani.

I vini italiani ottengono i migliori risultati in Canada, dove i 2/3 dei professionisti li collocano tra i primi 3 venditori nel 2017. Inoltre, godono di una maggiore visibilità in Cina, dove il 42% degli intervistati nomina i vini italiani nei tre principali paesi di origine in termini di crescita prevista delle vendite nei prossimi due anni.

 

 

Immagine del marchio

In termini di immagine globale, la Francia è ancora in testa alla classifica, e rimane significativamente in anticipo rispetto alla concorrenza. Il 64% dei professionisti che ha preso parte al sondaggio considera la Francia il paese con il maggior successo in termini di immagine. Tuttavia, l’immagine dei vini francesi in Cina e in Canada è destinata a calare leggermente, qui anche le prospettive di vendita mostrano una tendenza simile.

Tendenze future nei formati di imballaggio

I mercati asiatici rimangono particolarmente legati ai vini venduti in bottiglia.

Dinamiche di categoria del vino

Regioni: dinamiche future

Dinamica delle varietà d’uva

Un’immagine globalmente stabile: i 4 vitigni classici – Cabernet Sauvignon, Chardonnay, Pinot nero e Merlot – dovrebbero continuare ad essere maggiormente richiesti nei prossimi 2 anni. Ma il successo di Chenin Blanc negli Stati Uniti potrebbe potenzialmente segnalare una nuova tendenza nel mercato del vino!

 

Fonte: sopexa.com/en/news/sopexa-presents-its-wine-trade-monitor-2018/

 

Traduzione a cura della Redazione Beverfood.com

 © Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Condividi:

Iscriviti alla Newsletter



VIDEO DA BEVERFOOD.COM CHANNEL

©1999-2020 Beverfood.com Edizioni Srl

Homepage
Informazioni Societarie/Contatti
Pubblicità sui mezzi Beverfood.com
Lavora Con Noi
Privacy