beverfood
| Categoria Documenti | 4759 letture

VINEXPO/IWSR: le tendenze del mercato vinicolo mondiale fino al 2016

Mercati Vino Vinexpo Vinexpo/iwsr Tendenze Mercato Vinicolo Mondiale Fino

Tendenze Vinicolo Vinexpo/iwsr Mercati Vino Mondiale Fino Vinexpo Mercato

Per l’11 ° anno consecutivo, Vinexpo, ha affidato all’agenzia IWSR (The International Wine and Spirit Research) che uno studio dettagliato sul consumo globale, la produzione ed il commercio internazionale di vini e liquori, e l’elaborazione creazione di previsioni per 5 anni (cioè fino al 2016. Questo studio copre 28 paesi produttori e 114 mercati di consumo. Fondata nel 1971, la IWSR rappresenta la più grande fonte di dati sul mercato globale delle bevande alcoliche. In 11 anni, lo studio Vinexpo è diventato un punto di riferimento per i professionisti.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

IL VINO NEL MERCATO MONDIALE

1) L’aumento del consumo globale

Il consumo mondiale di vini fermi (inferiori a 15 gradi) e di vini spumanti è aumentato del 2,8% tra il 2007 e il 2011 arrivando a 2,679 miliardi di casse da 9 litri, cioè l’equivalente di più di 32 miliardi di bottiglie. Tra il 2012 ed il 2016 il consumo mondiale dovrebbe accelerare la sua crescita, ritrovando il ritmo degli anni 2000-2005 con un +5,3% su 5 anni. Nel 2016, il consumo mondiale si stabilizzerà a 2,873 miliardi di casse da 9 litri cioè l’equivalente di 34,481 miliardi di bottiglie.

 

2) La crescita del consumo dei vini spumanti è più veloce di quella dei vini fermi.

Nel 2011, i vini spumanti rappresentavano il 7,7% del consumo mondiale di vino. La loro crescita in termini di consumo è stata del 4,12% tra il 2007 e il 2011 (contro il 2,72% per quella dei vini fermi) e dovrebbe arrivare all’8,52% tra il 2012 e il 2016. Questa crescita è dovuta essenzialmente all’aumento del consumo nei quattro principali mercati mondiali dei vini spumanti (Germania, Francia, Russia e Stati Uniti).

 

3) La Cina, gli Stati Uniti, la Russia e l’Australia sono i motori della crescita nel consumo di vini nel mondo

Tra il 2007 e il 2011, questi quattro mercati hanno visto il loro consumo progredire di 129 milioni di casse da 9 litri, cioè l’equivalente di 1,55 miliardi di bottiglie. Nel 2010, la Cina è diventata il quinto Paese consumatore di vino al mondo. Nel 2011, gli Stati Uniti sono saliti sul gradino più alto del podio e l’Australia si è classificata fra i primi 10, detronizzando la Romania.

 

4) Nei paesi europei il consumo di vini rallenta e si modifica

Per la prima volta da 15 anni, la Germania ed il Regno Unito hanno visto il loro consumo di vino diminuire tra il 2007 e il 2011 rispettivamente del 2,73% e del 4,07%. Il consumo di vino si è pure ridotto del 7,13% in Francia e del 2,51% in Italia. La Spagna ha registrato una notevole retrocessione con un consumo che è crollato del 19,67% in 5 anni (tra il 2007 e il 2011).

 

5) Il vino rosso continua dominare il consumo globale

Nel 2011 il vino rosso rappresentava il 54,7% del consumo di vini fermi. Si prevede che tra il 2011 ed il 2016, i vini rossi dovrebbero registrare una crescita in termini di consumo del 9,1%, in particolare grazie alla Cina, mentre i vini bianchi dovrebbero aumentare soltanto del 2,75%. E raggiungendo il 9,2% del consumo mondiale, i vini rosati dovrebbero dal canto loro segnare un aumento del consumo del 7,58% tra il 2011 ed il 2016.

 

6) Volano le vendite di vino con più di US $ 10 per bottiglia

Essi rappresentavano 213,56 milioni di casse da 9 litri nel 2011 (cioè l’8,6% del consumo mondiale di vini fermi) con una crescita in termini di consumo del 12,59% sul 2007, principalmente concentrata in Cina, negli Stati Uniti e in Canada. L’aumento del loro consumo dovrebbe ancora accelerare tra il 2011 ed il 2016 (+29,93%) mentre nello stesso periodo quello dei vini con un prezzo tra i 5 e i 10 dollari americani la bottiglia dovrebbe essere del 9,99%. I vini acquistati a meno di 5 dollari americani la bottiglia (69,92% del consumo nel 2011) dovrebbero, invece, evidenziare un aumento di consumo del 2,77% nello stesso periodo.

 

7) Il mondo del vino “commerciale” continua a crescere

Dal punto di vista del commercio mondiale il vino continua il suo sviluppo e secondo lo studio un po’ più di una bottiglia su quattro (il 27%) consumata nel mondo riguarda un vino “importato”. Questo segmento di consumo conferma una crescita più rapida di quella del consumo totale (+7,92% tra il 2007 ed il 2011, rispetto a +2,83%).

 

8) La Francia rimane il leader mondiale nelle esportazioni di vino a valore

Nell’export la Francia resta il leader in termini di valore, con 9,902 miliardi di dollari americani (+5,24% sul 2007), rafforzando la propria leadership mondiale come fatturato realizzato grazie all’esportazione di vini. Sono seguiti dai vini italiani e spagnoli, il cui fatturato all’esportazione progredisce meno velocemente sulle vendite in termini di volume (+24, 31% contro +47,62%), segno di una diminuzione notevole del prezzo medio dei vini esportati. La stessa analisi si può applicare ai vini australiani (+13,3% in volumi e -20,94% in valore tra il 2007 ed il 2011) mentre al contrario i vini cileni proseguono una strategia di “promozione dell’alta gamma” sul mercato mondiale (+8,13% in volumi e +33,09% in valore tra il 2007 ed il 2011).

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

IL VINO NEL MERCATO ITALIANO

Secondo lo studio Vinexpo-Iswr, nel 2011, all’interno del panorama mondiale del vino, l’Italia era il primo Paese esportatore mondiale (in volume) davanti a Spagna e Francia, il secondo produttore mondiale di vino (dietro alla Francia), il terzo Paese consumatore di vino al mondo (dietro agli Stati Uniti e alla Francia) in volume e il sesto mercato mondiale per fatturato realizzato dalla vendita (al dettaglio).

Il consumo di vino in Italia, infatti, è arrivato a 303,12 milioni di casse nel 2011, posizionando il Belpaese al terzo posto fra i Paesi consumatori di vino al mondo (vini fermi e vini spumanti). L’Italia è inoltre il secondo mercato mondiale per il consumo pro capite (52,5 litri all’anno per abitante con un’età in cui è consentito il consumo nel 2011). Ma, se l’Italia è tradizionalmente e storicamente un paese viticolo, il consumo di vino non arresta la sua diminuzione da qualche anno (-2,51 % tra il 2007 e il 2011). E questo decremento dovrebbe continuare tra il 2012 ed il 2016 (-4,89 %).

 

Per i vini premium, nel 2011, la quota di mercato rappresentata da vini con un prezzo superiore ai 5 dollari americani rappresentava solo l’8,4 % del totale dei vini consumati in Italia. Questo segmento dovrebbe però aumentare sensibilmente da qui al 2016. Lo studio prevede, infatti, che i vini commercializzati con un prezzo tra i 5 dollari americani (3,59 euro) ed i 10 (7,19 euro) per bottiglia dovrebbero veder crescere il loro consumo del 13,49% tra il 2011 ed il 2016. Nello stesso periodo, il consumo di vini acquistati a più di 10 dollari americani per bottiglia dovrebbe aumentare del 23,24 %.

 

Dal lato dell’export made in Italy, l’Italia è il primo paese esportatore mondiale di vino e ha visto aumentare le proprie esportazioni del 42,69 % in volume e del 52,68 % in valore tra il 2007 e il 2011. I primi clienti dei vini italiani restano nell’ordine Germania, Regno Unito e Stati Uniti. Benché le esportazioni abbiano continuato a progredire verso i due primi Paesi (Germania +14,13% e Regno Unito +24,8%), sono invece diminuite quelle verso gli Stati Uniti (-11,68%) e la Francia (-13,56%). Da sottolineare, le vendite di vini italiani in Ungheria, che sono aumentate negli ultimi cinque anni, passando da 4,5 a circa 11 milioni di casse da 9 litri.

 

FONTI: http://www.vinexpo.com/en/studies/global-current-and-future-trends-2015/ http://www.lemoci.com/media/commentaires-etude-mondiale-iwsr-pour-vinexpo-2013.pdf 

Lo studio completo (424 pagine) si può acquistare online su http://www.vinexpo.com/en/studies/global-current-and-future-trends-2015/order-study-2013/

 

+ COMMENTI (0)

Casta la Grappa per Alchimie

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Vinexpo/iwsr Tendenze Mercato Vinicolo Mercati Vino Mondiale Fino Vinexpo

Tags/Argomenti: ,
ABI Professional Associazione Barmen Italiani

ARTICOLI COLLEGATI:

La sfida del Sud Africa: vino di qualità contro la siccità

15/05/2019 - Se l'Australia e la Nuova Zelanda si stanno affermando come realtà vinicole in fortissima espansione, il Sud Africa conserva una nicchia già affermata da svariati anni. L...

Il mercato del vino nel mondo cresce grazie al processo di premiumization

20/04/2019 - Il mercato mondiale del vino resta sostanzialmente stabile sul piano dei volumi, ma cresce a valore grazie al processo di premiumization che si sta sviluppando su tutti i...

Il peso delle cantine cooperative nell’enologia italiana: 5,2 Miliardi di €, pari al 40% del comparto

08/04/2019 - Cresce il fatturato delle cantine cooperative, che a fine 2018 ha raggiunto la cifra record di 5,2 miliardi di euro, pari al 40% di tutto il giro d’affari del vino nazion...

Vinitaly-Nomisma Wine Monitor: l’Asia Orientale è l’area che cresce di più nel decennio (+23%)

03/04/2019 - Export complessivo mondo: l’Italia chiude in positivo il 2018 (+3,3%, 6,149 mld di euro), ma comanda la Francia (9,334 mld di euro). L’Asia Orientale è l’area geopolitica...

Nuove opportunità per il mercato del vino in Russia

03/04/2019 - È un dato di fatto: in Russia le preferenze e i gusti in fatto di beverage stanno cambiando rapidamente e, nonostante un periodo di crisi, l’interesse nei confronti del v...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

venti − 9 =