Erika Mantovan
| Categoria Notizie Vino | 1732 letture

È arrivata la nuova linea di Alta Langa DOCG Metodo Classico Gancia

Alta Langa Docg Gancia Metodo Vini Piemonte Classico Spumante Vinitaly Langa Flavio Esposito

Langa Docg Alta Langa Vinitaly Metodo Vini Piemonte Classico Spumante Flavio Esposito Gancia

© Riproduzione riservata


Fratelli Gancia sceglie la 52° edizione del Vinitaly per il lancio dei nuovi Alta Langa DOCG Metodo Classico dal packaging completamente rinnovato, originale e coloratissimo.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Parte del tessuto storico del Piemonte il percorso della nota Casa spumantistica piemontese inizia nel 1850 quando Carlo Gancia fonda con il fratello Edoardo a Chivasso la “Fratelli Gancia”. Dopo soli cinque anni daranno vita allo Champagne italiano. Oggi l’azienda è guidata dal fondatore di Russian Standard Vodka Roustam Tariko e con gli oltre 5 milioni di kg di uva selezionata e 250 botti, ospitate in una galleria sotterranea di 1km, ogni anno si producono quasi 24.000.000 di bottiglie. All’interno dello staff le quote rosa e di giovani sono in attivo, su 109 dipendenti troviamo 39 donne e 31 under 40. A chiudere questo capitolo di aggiornamento sono i dati di valore dell’export +55% e l’ottenimento nel 2005 della certificazione ISO 22000 sulla sicurezza alimentare.

E se Carlo mette a punto il primo spumante italiano di ritorno dal suo viaggio studio a Reims oggi i nuovi Alta Langa DOCG Metodo Classico Riserva Brut 60 e 120 mesi, gli Alta Langa DOCG Metodo Classico 18 e 36 mesi, l’ Alta Langa DOCG Metodo Classico Pas Dosé e ancora l’Alta Langa DOCG Metodo Classico 36 mesi Rosé sono l’arché Gancia. Un ritorno all’origine, una ripartenza iniziata nel 2005 che abbraccia storia e tradizione. Si produce per tornare alle regole primarie sperimentando nuove formule per incontrare i gusti dell’era contemporanea.

L’Alta Langa, DOCG dal 2011, prevede nel suo disciplinare, già approvato nel 2002, l’impiego di uve Pinot Noir e Chardonnay raccolte a non meno di 250 metri s.l.m. nelle fasce collinari delle province di Alessandria, Asti e Cuneo per un totale di 146 comuni all’interno dei quali devono avvenire tutte le fasi di lavorazione. Nel protocollo Gancia si aggiungono poi i 30 viticoltori selezionati per il conferimento delle uve complementari tra loro e di prima scelta, e l’impiego delle presse “Marmonnier” tipiche della Champagne cosi da ottenere una première cuvée pura e concentrata con rese del 50% inferiori rispetto all’uso delle presse moderne.

Passando all’etichette -non intese come designazioni astratte, ma comunicative- siamo di fronte ad una collezione di vestiti pastellati, involucri che fasciano le bottiglie e le colorano a seconda della tipologia. Senza punti di discontinuità le texture monocolore sono interrotte dalle diciture scritte con un riconoscibile e gradevole font hand.

I vini che sfilano in questa anteprima sono accompagnati da accessori centrati che se sulla carta si presentano con punte estreme, in realtà son equilibrati e di giusta forma. Il percorso sensoriale è a cura del Barchef Flavio Esposito.

 

Alta Langa DOCG Metodo Classico Riserva Brut 120 mesi: la base è il millesimo 2006. È la punta estrema della gamma. Il bouquet è particolare e variegato con assenza di sentori dati dal lungo periodo di sosta sui lieviti. Gli aromi giocano su frutti gialli e note di vaniglia. La bocca è oltremodo fresca e di ritmo calzante e pulito. Una bolla fine raccoglie e da respiro ad un aroma delicato che richiama la pera, il fiore d’angelo e granelli di sale.

Abbinato alla patata dolce al vapore con maionese alla barbabietola, speck croccante e asparagi.

Alta Langa DOCG Metodo Classico Riserva Brut 60 mesi: base 2009 è un’ottima cuvée da tutto basto in splendida beva oggi. La struttura è di grande pienezza ed equilibrio con profumi di pomelo maturo e zenzero disidratati che ritornano ancora nel finale intenso e fresco insieme a punte più erbacee.

Abbinato al panino alla curcuma con pulled porck cotto a bassa temperatura infuso in salsa bbq.

Alta Langa DOCG Metodo Classico Brut 36 mesi: base 2011 con 60% Pinot Noir e 40% Chardonnay. I sei mesi spesi in botti e il dosaggio di 6 g/l lo rende il più voluminoso della linea, quasi grasso con note di acacia e arancia rossa. Ampissimo in bocca si distende con una ragguardevole freschezza racchiusa nel frutto.

Abbinato al panino di carbone vegetale con crema di melanzane fumé, zucchine alla scapece e cipolla di Tropea caramellata.

Alta Langa DOCG Metodo Classico Pas Dosé 36 mesi: base 2014 è l’unica con una % più alta di Chardonnay. Si tratta della parte più raw della linea con cedro e peperoncino a rinfrescare e pizzicare la bocca. Accelera e si amplifica per ultimare asciutto e schietto.

Abbinato al macarons ripieno di humus di ceci al profumo di rosmarino.

Alta Langa DOCG Metodo Classico Rosé 18 mesi: base 2013. È l’unica versione in rosa e decisamente elegante e lenta nel suo esprimersi. Sorso ampio con una densità sottile che fascia la bocca e mostra un aroma delicato e fresco tutto su fiori di pesco e bacche rosse.

Abbinato alla cialda fragrante di parmigiano “Parè” con pesto di rucola selvatica, paprika dolce e pinoli tostati.

Alta Langa DOCG Metodo Classico Brut 18 mesi: base 2013. È uno spumante stretto e freschissimo caratterizzato da un passo deciso e fitto. Il lime e i fiori stellati incorniciano il succo.

Abbinato al Bacio di Dama con mousse allo zafferano e granella di nocciole.

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Docg Classico Spumante Gancia Vini Piemonte Vinitaly Langa Flavio Esposito Metodo Alta Langa


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

Tesi 1 Barone Pizzini, un nucleo effervescente di tutela con proiezione al futuro

19/10/2018 - Presentata alla corte di Chef Matteo Baronetto al ristorante Del Cambio di Torino la nuova cuvée firmata da Barone Pizzini, Tesi 1. Si tratta di un vino spumante per il 6...

Vinitaly: crescita rallentata nell’Export Vini Italiani primi 7 mesi 2018

16/10/2018 - Vinitaly è driver settore, pensiamo a nuovi eventi in USA e Cina. Italia ferma negli States.Siamo sempre più convinti che il vino italiano abbia bisogno di una scossa per...

3° Forum Nazionale sul Metodo Classico. Bosca: “Si beve a tutto pasto”

13/10/2018 - «Stiamo riscontrando un cambio di abitudini nell’uso delle bollicine e in particolare del Metodo Classico, che oggi si beve a tutto pasto»: - sono le parole di Pia Bosca,...

Giulio Ferrari Rosè, un sogno che sfida il tempo

12/10/2018 - Serviva una minima aggiunta nella già strepitosa gamma di Ferrari, ed eccola arrivare in una veste nuova all'occhio ma dal sapore, e soprattutto dai sentimenti di altri t...

Un dolcetto longevo e di carattere esiste, si chiama Ovada

08/10/2018 - Ci sono colline di confine in Piemonte in cui un’uva pura e d’animo quotidiano diventa una regina incontrastata. È il dolcetto. Protagonista delle tavole - certo - e dell...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

venti − diciotto =