Pinterest LinkedIn

Farchioni Olii Spa ha reso noto di avere pubblicato il suo primo Bilancio di sostenibilità, spiegando che si tratta del primo oleificio certificato sostenibile nella grande distribuzione. La verifica è stata fatta, sulla base dell’International Standard on Assurance Engagements Isae 3000, dalla società di revisione indipendente Bdo Italia Spa.

Tra gli indicatori,

  • 985.378 piante messe a dimora tra olivi, viti e rimboschimenti, delle quali 124.640 solo nel 2020, con la prospettiva di aumentare ulteriormente le unità nel corso del 2021;
  • un valore economico totale distribuito dal Gruppo a fornitori, personale, finanziatori, pubbliche amministrazioni e comunità locale pari a quasi 126 milioni di euro (su 134 milioni e mezzo di valore economico generato);
  • quasi il 60% di questo investimento che rimane in Italia e prevalentemente in Umbria, Puglia, Lombardia, Toscana ed Emilia-Romagna;
  • numerose certificazioni in una varietà di ambiti, come qualità offerta al consumatore, rispetto dell’ambiente, salute e sicurezza sul lavoro, risparmio di energia.

Gran parte dei prodotti – in particolare olio e birra – è conservata in bottiglie di vetro interamente riciclato, mentre l’utilizzo di materiali riciclati, la riduzione delle quantità di materiale e l’introduzione di nuovi materiali sono gli elementi cardine per la progressiva riduzione dell’impatto ecologico.

LA SOSTENIBILITA’ CONTADINA DI FARCHIONI

Soddisfare i fabbisogni presenti senza compromettere quelli futuri, utilizzando con la massima efficienza tutte le risorse che la natura mette a disposizione, a partire dalla terra e lungo tutto il ciclo di vita degli alimenti che produciamo, creando valore e mettendo al centro la qualità dei prodotti ed il benessere delle persone. Lavorare la terra, raccogliere, trasformare e confezionare prodotti agroalimentari, cercando di evitare ogni spreco, per poi non avere l’onere di pulire e riciclare, è un principio base cardine dell’economia contadina. Questa è la “Sostenibilità Contadina” di Farchioni.

 

“FIELD TO FIELD”, L’ECOSISTEMA FARCHIONI 1780

La famiglia Farchioni è al centro di un vero e proprio ecosistema composto dalle proprie imprese e dagli stakeholder di riferimento principali. Farchioni controlla interamente le fasi produttive dal campo alla realizzazione dei prodotti finiti (Field-Farm-Filling) e cerca di influire positivamente sulle restanti fasi del processo (For Sale-Fork-Feces) attraverso azioni di comunicazione e con un’attenta realizzazione dei propri prodotti sin dalla loro progettazione (Food by Design) anche al fine di aiutare il consumatore nell’utilizzo o riciclo dei materiali di packaging.

FIELD / terra
Dove tutto inizia e dove tutto deve ritornare.

FARM / coltivazione
L’attività che consente di trasformare la terra in un prodotto, restituendo alla terra tutto ciò che avanza, preservando le risorse e rispettando il territorio.

FILLING / trasformazione
Lavorazione del prodotto garantendo l’uso efficiente delle risorse e restituendo alla terra tutto ciò che è possibile.

FOR SALE / distribuzione
Fornire prodotti con sistemi di packaging rispettosi dell’ambiente lungo tutte le fasi del ciclo di vita e fornire prodotti con tempi di vita residui maggiori.

FORK / consumo
Informare i consumatori sul corretto uso dei prodotti e diminuire gli impatti collegati alla gestione degli imballi post consumo.

FECES / residuo
Restituire i residui organici alla terra e facilitare riuso e riciclo dei residui non organici.

+Info: www.farchioni1780.com

Scheda e news: Società Agricola Mastri Birrai Umbri S.S.

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Acqua RED Coralba Superfrizzante. Un’acqua da “Ape”!

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina