Giacomo Iacobellis
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 2447 letture

Il 4-2-3-1 della FCW18, quando il pallone incontra la mixology

Florence Cocktail Week Mixology Pallone Bartender Cocktails Firenze

Firenze Cocktails Bartender Florence Cocktail Week Mixology Pallone

© Riproduzione riservata


È passata ormai più di una settimana dalla sua conclusione, ma la Florence Cocktail Week 2018 è ancor ben impressa negli occhi, nella mente e nel palato (come non potrebbe esserlo?) di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di parteciparvi. Bartender, clienti e addetti ai lavori hanno aggiunto infatti momenti e ricordi speciali al proprio background culturale, umano e professionale.

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

Sono stati sette giorni intensi, passionali e spensierati, da vivere tutti d’un fiato. Un’esperienza nuova, almeno a livello personale. Un viaggio affascinante e coinvolgente che ho intrapreso con grande curiosità ed entusiasmo. E che ho deciso di raccontare, a mente fredda com’è giusto fare dopo un Mondiale o una finale di Champions, proprio col lessico a me più comune.

Giornalista da quando ero imberbe, il mondo sportivo è sempre stato infatti il mio habitat naturale. Così, ispirato dal 4-2-3-1 del cocktail targato Edoardo Sandri, mi sono detto: “Perché non creare una top 11 dei signature cocktail che ho provato in questi giorni?”. Un misto tra fantasia e realtà, tra mixology e pallone, per rivivere gli highlights di questa FCW18 in maniera originale. Senza alcun voto, ci mancherebbe. Per me hanno vinto tutti.

Ecco, quindi, in campo i nostri campioni: un portiere, due terzini, due difensori centrali, due mediani, tre trequartisti e un falso nueve, con tanto di allenatore e dodicesimo uomo.

 

Portiere

 “Latte +” di Cristina Bini (Gurdulù) – Questo puro e candido bicchiere di latte è per forza il nostro numero 1. Guai, però, a considerarlo un portiere canonico. Diabolico nelle conseguenze, come in un film di Stanley Kubrick, “Latte +” ha infatti la pazzia degli Higuita e Chilavert: la sicurezza delle mandorle sì, ma col coraggio di guardare avanti senza timore a suon di vodka. Il diavolo e l’acqua santa.

 

Terzino destro

“A Coffee with a Friend, a Whiskey with a Stranger” di Francesca Lorenzoni (Rasputin) – Un funambolico equilibrio tra il dolce e l’amaro, l’incontro con un vecchio amico oppure il primo sguardo furtivo scambiato con uno sconosciuto, il signature del Rasputin è in perenne movimento, giocando tra armonie e dissonanze. Dinamico, come un laterale a tutta fascia.

 

Difensori centrali

“La Belle Âme” di Kareem Bennett (Ditta Artigianale Oltrarno) – Fruttato e speziato, ispirato dalla musica e dall’estate. “La Belle Âme” è l’anima della squadra: dove la metti sta, adattandosi ed esaltandosi a ogni gusto e palato. Guida la retroguardia con personalità. Veterano.

“L’Albero dei Racconti” di Federico Pempori (Picteau Lounge Bar, Lungarno Hotel) – Un vero e proprio colosso al centro della difesa. Maestoso e ben strutturato, “L’Albero dei Racconti” è solido come una quercia millenaria: servito in un wooden mug e con uno speciale retrogusto di resina. Invalicabile.

 

Terzino sinistro

“Purple Sabbath” di Giorgio Lupi (Pint of View) – Un viaggio dal sud al nord dell’Italia a suon di rock and roll. Agile e frizzante, il signature del Pint of View non può passare inosservato. Generoso sulla fascia, senza rinunciare agli inserimenti. Maratoneta.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

 

Mediani

“Florence’s Red Carpet” di Silvano Evangelista (Osteria del Pavone) – Un tappeto rosso che promette meraviglie, come il passaggio illuminante di un play-maker dai piedi vellutati. Questo signature non può che essere il nostro regista, che fa proprio dell’equilibrio il suo punto di forza. Ago della bilancia, il gioco passa sempre da lui.

“Fumo e Fiamme” di Gennaro Caso (Inferno) – Accanto al regista, serve il classico mediano. Anche se questo cocktail di classico ha ben poco. Ottima rivisitazione del Negroni, dal nome e dalla sua scenica presentazione (“Fuoco e Fiamme” viene servito, appunto, in una lanterna chiusa e piena di fumo e fiamme) questo signature promette battaglia sulla linea nevralgica del campo. Cerbero.

 

Trequartisti

“FAVoloso” di Neri Fantechi (MAD Souls&Spirits) – Inventiva al potere, con un animo locale ma un respiro globale. Il cocktail di ispirazione Tiki del MAD ti ubriaca con un dribbling, con sorsate secche ed efficaci. Genio e sregolatezza.

“Un bacione a Firenze” di Sarah Nardi (Manifattura Tabacchi) – Elegante come un numero 10 che gioca sempre e solo a testa alta, guardando le stelle. Ispirato dall’amore e legato col suo gin alle tradizioni fiorentine, il signature di Manifattura avvolge e coinvolge con un’armonia unica. Raffinato.

“Toscanillo” di Marco Filippeschi (Locale) – Tra la Toscana e i Paesi tropicali, il cocktail del Locale è come un funambolo brasiliano: lo guarderesti (e berresti) all’infinito, senza mai stancarti. Inventa la giocata che vale un +3. Fantasista.

 

Attaccante

“El Falso Nueve” di Edoardo Sandri (Atrium Bar, Four Seasons Hotel) – L’essenza del calcio in un cocktail. Immarcabile, ma decisivo con l’“affumichello” tipico del Mezcal. È proprio la sua formula 4-2-3-1, con tanto di intervallo e panchina, a dettare regole e modulo del nostro speciale esperimento. Finalizzatore.

 

Riserva

“Midnight Breakfast” di Marco e Paolo Marini (Viktoria Lounge Bar) – Dodicesimo uomo in campo, non certo perché inferiore agli altri, ma solamente per la sua speciale tempistica. Il “Midnight Breakfast”, come recita proprio il suo nome, è il risveglio di mezzanotte. Quell’energia in più, tra assenzio e liquirizia, che scende in campo a gara in corso e può cambiare tutto con una sola sorsata. Provvidenziale.

 

Allenatore

“Lady Chatterley’s Lover” di Lorenzo Bianco (Empireo, Plaza Hotel Lucchesi) – Rivoluzionario e afrodisiaco, lo speciale omaggio del Plaza Hotel Lucchesi allo scrittore David Herbert Lawrence dirige la nostra formazione dalla panchina con le buone e con le cattive. Dolce come il cioccolato, piccante come il peperoncino. Lider maximo, tra bastone e carota.

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Cocktails Pallone Firenze Bartender Mixology Florence Cocktail Week


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

Foto presa da Facebook di Bartender.it

The Rum Day e The Whisky Day, il meglio dei distillati con una storia da raccontare

30/10/2018 - Dal Centro America all'Irlanda, all'insegna della distillazione di due dei prodotti più profondi e introspettivi che si possa degustare al mondo. Rum e Whisky protagonist...

Relicario, Krova, Jodhpur, Volcanic tra i protagonisti di Barmood 2017

24/03/2017 - In scena degustazione e miscelazione. Mavi Drink, l’eccellenza italiana nel settore alcolico e spirits, annuncia la propria partecipazione a BARMOOD 2017, l’evento di bar...

Campari celebra l’iconico Negroni con le nuove art label L. E. 2016

01/12/2016 - “Non c’è Negroni senza Campari”. Campari, il celebre aperitivo italiano dal colore rosso e dal gusto bitter, presenta le nuove Art Label Limited Edition 2016. Lanciato ne...

Bacardi Legacy: Davide Mitacchione è campione italiano. Andrà alla finale mondiale in Messico

07/03/2018 - Da Bari a Città del Messico a passo "Adelante". Sarà Davide Mitacchione a rappresentare l'Italia nell'ultimo atto della Bacardi Legacy in Centro America a fine maggio. Do...

Beermouth Baladin, la tradizione del vermouth piemontese reinterpretata con la birra

29/10/2018 - Era nell’aria una novità in casa Baladin e non è tardata ad arrivare. Non è una birra, non è un vermouth. È Beermouth. Teo Musso, la mente geniale dall’anima artigianale ...

Santa's_Hat

Schweppes presenta “Santa’s Hat”, lo speciale cocktail natalizio

20/11/2017 - Se l’estate di Schweppes è stata all’insegna dell’aperitivo fresco dalle note fruttate e floreali, l’arrivo dell’inverno con il Natale alle porte, per la “regina” delle t...

Un cocktail a casa tua: il Mojito

19/07/2018 - Realizzato nelle calde serate dell'Avana, il Mojito è il cocktail più antico di Cuba   Troppo popolare? Talvolta anche ingenuamente sottovalutato. Ci sono poche ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

15 − undici =