beverfood
| Categoria Notizie Distribuzione - Ristorazione | 1744 letture

FIDUCIA DEI CONSUMATORI ITALIANI: nel quarto trimestre 2015 l’indice Nielsen conferma il trend di crescita

Indice Nielsen Consumatori Italia Trend Fiducia

Indice Italia Trend Nielsen Consumatori Fiducia


Indice di fiducia degli italiani in sensibile crescita nel quarto trimestre 2015, attestandosi a quota 61 (+ 4 punti rispetto al 3° trimestre 2015), con un incremento di ben 16 punti se raffrontato al medesimo periodo del 2014. Anche a livello europeo l’indice cresce di 4 punti vs trimestre precedente, raggiungendo quota 81. Su scala globale, invece, si assiste a un decremento complessivo della fiducia di 2 punti, soprattutto sotto la spinta della minaccia terroristica e del problema immigrazione. I dati emergono dalla Global Consumer Confidence Survey realizzata da Nielsen su un campione di 30.000 individui in 61 Paesi, tra i quali l’Italia.

migliora-la-fiducia-2

“A fronte dei dati positivi emersi nell’ambito della Global Survey – ha dichiarato l’amministratore delegato di Nielsen Italia Giovanni Fantasia – si può dire che il 2015 segna per il nostro Paese l’uscita dai due anni in cui l’Italia è stata il fanalino di coda dell’Europa con un minimo storico di 39 punti a fine 2012. La strada intrapresa dall’Italia nel 2015 è quella di un segno positivo verso la ripresa dei consumi e la crescita dell’indice di fiducia del quarto trimestre dovrebbe ulteriormente sostenere tale dinamica anche per il 2016. A livello globale – ha aggiunto Fantasia – si assiste invece a un rallentamento del percorso di crescita dell’indice di fiducia con Nord America e Medio Oriente/Africa in discesa di 6 punti, rispettivamente a 100 e 90, e America Latina di 3 punti (a quota 83). I recenti eventi terroristici e il tema dell’immigrazione costituiscono un nodo irrisolto che in qualche modo condiziona la visione del consumatore. Si rende allora opportuno monitorare costantemente i livelli di preoccupazione generati da queste due tematiche di natura demografica e politica, nonché l’impatto che possono avere sui comportamenti di spesa. Solo una analisi del mercato a 360 gradi, che tenga conto non solo della variabile economica, può metterci in grado di prevederne l’evoluzione che caratterizzerà i prossimi mesi”.

Nel quarto trimestre 2015, si legge ancora nella survey, il numero di quanti ritengono la crisi ormai superata raggiunge quota 20%, dato quasi raddoppiato rispetto al solo trimestre precedente, quando era all’11% .Tra i pessimisti, che scendono dal 62% di fine 2014 al 44% attuale, il 14% è sicuro di uscire da una situazione economica per certi versi ancora critica entro fine 2016.ìPer quanto riguarda le prospettive lavorative il valore di quanti ritengono favorevole la presente situazione è pari al 18%, percentuale triplicata rispetto al minimo storico del 6% di un anno fa. Se raffrontato al trimestre precedente, il dato ha fatto registrare un balzo di 5 punti percentuali, rimarcando un continuo trend positivo registrato in tutto il 2015.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Dal punto di vista delle preoccupazioni degli italiani, d’altra parte, quello dell’occupazione risulta ancora un punto cruciale per il 22% della popolazione (stabile vs quarto trimestre 2014 al 23%). Il permanere di tale atteggiamento in qualche modo incerto risulta essere un dato fisiologico: il miglioramento della percezione della situazione economica generale in Italia richiede un periodo di medio termine per avere ricadute positive anche sul sentiment della propria situazione personale. Dopo quelle del lavoro, seguono le apprensioni per lo stato di salute (8%), la minaccia terroristica (7%), i crimini e l’educazione (7%).Per quanto riguarda la situazione finanziaria personale, quasi un italiano su quattro (23% vs 18% del quarto trimestre 2014) dichiara di avere un giudizio positivo e il 18% è dell’idea che quello attuale è un buon momento per fare acquisti, in crescita di 7 punti rispetto a un anno fa.

Risulta ancora solida la percentuale (42%) di quanti vogliono destinare al risparmio quanto rimane dopo le spese essenziali, confermando l’atteggiamento conservativo che caratterizza il consumatore italiano. Sul fronte della propensione alla spesa, nello stesso tempo, si rileva che viaggi e vestiti sono in testa alle voci verso cui il campione intende destinare risorse (30%), seguiti da svaghi fuori casa (23%), prodotti tecnologici (14%) e investimenti per la manutenzione dell’abitazione (11%).A fronte di questi segnali positivi, per ciò che concerne l’atteggiamento di fondo degli italiani sull’orientamento agli acquisti c’è tuttavia da registrare che ancora un quarto della popolazione (24%) non riesce a risparmiare soldi a fine mese dopo le spese essenziali.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

La Survey di Nielsen mette anche a fuoco le forme adottate dagli italiani con l’obiettivo di risparmiare. Anche in questo caso si registrano segnali di un’evoluzione positiva rispetto agli anni precedenti (2008-2014). Infatti sono in diminuzione le misure di spending review: cala di 12 punti (dal 76% al 64%) la quota degli italiani che hanno cambiato abitudini di consumo per spendere di meno sia alla voce abbigliamento (-10pp, dal 67% del quarto trimestre 2014 al 57% attuale), acquisti al supermercato (-10pp, da 60% al 50%), bollette (-7pp ora al 35%) e pasti fuori casa (-6pp al 59%).

Le aree del bilancio famigliare che ancora rimangono “sotto osservazione” e condizionate da un atteggiamento orientato ai tagli sono quelle dei pasti fuori casa (24%), la spesa nella grande distribuzione  e l’auto (21%). Si rinuncerà meno, comunque, ai vestiti nuovi (17% vs 23% di fine 2014) e ai divertimenti fuori dalle mura domestiche (20% vs 23%).

 

Informazioni su Nielsen
Nielsen Holdings plc (NYSE: NLSN) è un’azienda globale di performance management che fornisce una visione totale dell’esposizione ai media dei consumatori e dei loro acquisti. Il segmento Watch di Nielsen fornisce ai clienti media e advertising i servizi di misurazione della Total Audience attraverso tutti i dispositivi in cui il contenuto – video, audio e testo – viene fruito. Il segmento Buy offre ai produttori di beni di largo consumo e ai distributori la visione globale delle misurazioni delle performance di vendita al dettaglio. Integrando le informazioni tra i segmenti Watch e Buy e altre fonti di dati, Nielsen fornisce ai propri clienti misurazioni globali e analisi che aiutano a migliorare le performance. Nielsen, una delle società dell’indice S&P 500, è presente in oltre 100 Paesi che coprono più del 90 per cento della popolazione mondiale. Per maggiori informazioni, www.nielsen.com.

Informazioni sulla Global Consumer Confidence Survey

La Global Consumer Confidence di Nielsen è stata condotta su più di 30.000 consumatori online, in 61 Paesi in Asia Pacifico, Europa, America Latina, Medio Oriente, Africa e Nord America. Il campionamento degli intervistati, avvenuto per età e sesso nei singoli Paesi in base all’uso di Internet, è ponderato per essere rappresentativo degli utenti di Internet e ha un margine di errore massimo di ±0,6%.  L’indagine Nielsen si basa sul comportamento degli intervistati con accesso online. I tassi di penetrazione di internet variano da Paese a Paese. L’inclusione dei singoli Paesi nell’indagine avviene sulla base di uno standard minimo del 60% della penetrazione di Internet o di 10 milioni di utenti online. La Global Consumer Confidence Survey è nata nel 2005.

CONTATTI: ombretta.capodaglio@nielsen.com -SEC Relazioni Pubbliche e Istituzionali:  clovis@secrp.it,  cedone@secrp.it, dangelo@secrp.it

Infografica-FIDUCIA-Q4-2015

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Nielsen Consumatori Fiducia Italia Trend Indice

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

Nielsen: le vendite online crescono quattro volte più velocemente delle vendite offline

20/09/2018 - Le vendite globali online di prodotti di largo consumo stanno crescendo quattro volte più velocemente delle vendite offline. Il dato emerge dal nuovo report mondiale Niel...

Il mercato pubblicitario in Italia a luglio 2018 chiude in positivo

17/09/2018 - Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di luglio in positivo, a +7,4% (+6,1% senza search e social), portando i primi sette mesi del 2018 a +...

Nielsen: il mercato pubblicitario in Italia a giugno 2018 si chiude in positivo

17/08/2018 - Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di giugno in positivo, a +6,2% (+5% senza search e social), portando il primo semestre del 2018 a +1,8...

Upa e nielsen insieme per raccontare il mercato degli investimenti pubblicitari

17/07/2018 - UPA e Nielsen lanciano un nuovo e innovativo strumento di divulgazione per offrire ai player della filiera della comunicazione italiana, investitori, editori, centri medi...

Nielsen: il mercato pubblicitario in Italia a maggio 2018 chiude in negativo

09/07/2018 - Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di maggio in negativo, a -1,8% (-4,9% senza search e social), portando i primi 5 mesi del 2018 a +0,9%...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

10 − sei =