0
Pinterest LinkedIn

Una regione piccola piccola dalle grandi potenzialità, purtroppo ancora non del tutto espresse. Abbiamo fiducia e aspettiamo in un futuro prossimo vini più identitari e contemporenei. Per ora il panorama è soprattutto ad appannaggio di prodotti di stampo antico, rustici e potenti, frutto di surmaturazioni che soffocano le caratteristiche che il Molise potrebbe esprimere nei suoi vini.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 Una regione in miniatura, stretta tra Adriatico e Appennino: pochi chilometri vocati alla coltivazione di vite e ulivo. In Molise, profondamente mediterraneo, strettamente connesso con Campania e Abruzzo, montepulciano, aglianico, falanghina e trebbiano la fanno da padroni, nelle sfaccettate versioni determinate dalle caratteristiche pedoclimatiche del territorio. Insieme a questi la tintilia, autoctono rosso, dagli esuberanti profumi di frutto e di erbe: un bel vitigno nervoso e vitale. Un panorama incoraggiante. Per ora però queste caratteristiche lasciano intuire potenzialità in buona parte ancora inespresse: manca peculiarità e riconoscibilità. Ci si confronta per lo più con vini rustici, dal linguaggio vecchio stile, tutto potenza e surmaturazione che non rende giustizia alle specificità dei vitigni locali. Fanno eccezione pochissime aziende con prodotti dallo stile moderno. Su tutte Di Majo Norante.

Databank grossisti Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web Cash & Carry Ingrosso Bevande Gruppi

I TRE BICCHIERI

Molise Aglianico Biorganic ’11 Di Majo Norante

The San Benedetto Lattina special design Naba Edition

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

14 − 3 =