Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Food | 1596 letture

Gino Sorbillo, una pizza a difesa di Napoli e della tradizione

Gino Sorbillo (foto di Alessandra Farinelli)
Gino Sorbillo (foto di Alessandra Farinelli)

Pizza Napoletana Gino Napoli Sorbillo Gino Sorbillo Pizza Pizzaiolo Napoletano Patrimonio Unesco Pizza Gourmet Difesa Carlo Cracco Tradizione

A cura di

© Riproduzione riservata

Tre ingredienti.
Cultura, allo stesso tempo frutto e fertilizzante per poter progredire, che sia oltreconfine o soltanto per qualità e volume. Senza conoscenza e capacità di comunicare sarebbe stato impossibile.
Cuore, inteso come sentimenti e spirito di appartenenza a una terra per la quale non basterebbe una vita, in ogni senso. E che è stata fonte di ispirazione e orgoglio quando si è trattato di combattere davvero.
Una sana faccia tosta, una spavalderia sprezzante delle dicerie e del credo altrui. La stessa che adesso, a conti fatti, permette di prendere posizioni decise e instaurare trend.
È l’impasto di Gino Sorbillo, il pizzaiolo alfiere del suo prodotto che è ormai il leader della sua gente e della sua categoria.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

 

“HO AVUTO RAGIONE” – Nato e cresciuto nella dimensione di pizzaiolo di strada, una figura classica nelle viscere di Napoli che pulsano e pompano vita e storia nei decumani del centro greco-romano. Via dei Tribunali è l’arteria principale, quella che oggi è sfondo di una ritrovata energia internazionale grazie alle attività Erasmus e un boom di turismo forse mai visto prima; la sede storica di Sorbillo. “È qui che si respirava e rimane tutt’oggi la tradizione della pizza più antica, l’ABC del movimento che ha radici pluricentenarie”. Spirito libero e coraggio lo hanno reso un autentico pioniere di un mondo che in realtà esisteva eccome, ma rimaneva relegato a un universo di serie B: “Venticinque anni fa sembrava non esserci alcun margine, culturale o economico che fosse. La nostra era vista come una cucina povera, anche giustamente, ma mancava del valore e dell’attenzione che meritava e che credo di essere riuscito a conferirle. Mi prendevano per pazzo all’epoca, alla fine ho avuto ragione. E penso che i benefici si siano registrati per l’intero movimento, non soltanto per me”.

Gino Sorbillo (foto di Alessandra Farinelli)

UNESCO – Gino è oggi riconosciuto come uno, forse il più noto guru della pizza, tanto da essere sempre più frequentemente contatto per collaborazioni dalle figure più rinomate del panorama enogastronomico italiano e internazionale: “Per me e per la nostra attività è un onore. Ed è una soddisfazione vedere come la nostra arte, perché di questo si tratta, venga presa come fonte di ispirazione e integrazione dai cuochi di tutto il mondo”. Una consapevolezza rinvigorita dal recente titolo del quale l’arte del pizzaiolo si è vista insignire, patrimonio internazionale dell’UNESCO. Guai a chiamarlo chef però: “C’è connessione con la cucina intesa in senso generale, ma non entro mai nel merito. Un pizzaiolo non dovrebbe fare altro, dovrebbe dedicarsi esclusivamente al forno e all’impasto, approfittando delle continue possibilità di apprendere che incontriamo ogni giorno”.

GOURMET? NO GRAZIE – Né andrebbe trattato troppo a fondo l’argomento della pizza gourmet. Il rifiuto è tanto pacato quanto netto, figlio di un legame troppo forte con la tradizione e gli insegnamenti familiari: “Le nuove tendenze sono alternative alla storia, generalmente. Ma troppo spesso diventano mezzo per attirare l’attenzione e ricavare notorietà su palcoscenici che trasudano un passato ricco oltre l’immaginabile. La pizza storica è esperienza, quella gourmet viene mascherata come frutto di uno studio matto e disperato come se la mia non ne avesse. Per poter portare avanti una tradizione ci vuole conoscenza, anche i consumatori che conoscono la nostra filosofia e le nostre origini contribuiscono a creare un universo sempre più prezioso. Chi non ha storia sceglie di inventare e apparire, troppe volte”. Eppure si schiera con Cracco e la sua proposta di Margherita tanto bistrattata: “Non ha rivisitato o violato nulla, ha dedicato una sua idea alla pizza stessa. E come ogni pizza, anche la sua va rispettata”.

PASTA DI EMOZIONI – L’impasto, diceva. Una delle due chiavi del successo di Sorbillo, che però si slega completamente dalla scienza e dai numeri. Nessuna ricetta standard, piuttosto stati d’animo e intuizioni. “Non credo esista una formula esatta per la pizza perfetta. Quella che faccio io è diversa ogni giorno perché è di volta in volta frutto di un’analisi, sì, ma sensoriale, emotiva, che mi permetta di capire come renderla migliore”. Non è quindi questione di acqua, farina o ingredienti, né di territorio: “Ho fatto e assaggiato pizze straordinarie ovunque, e ne ho provate di pessime sotto casa. È una questione di mani, di sensibilità, di empatia con il prodotto e con la materia prima”. Non esattamente qualcosa di semplicissimo da imparare, a patto che davvero si possa apprendere studiando e ripassando.

CORAGGIO – L’altro elemento portante, che in realtà è il primo, del lavoro di Sorbillo si trova scavando nell’anima di chi si è trovato sull’orlo delle difficoltà più vere: “Il coraggio. Ho contrapposto la mia pizza e la mia identità a una Napoli delinquente, in un momento in cui tutto sembrava perduto specialmente per il mio quartiere”. Un disco di pasta che si trasforma in scudo e che attira i riflettori su una zona all’epoca disagiata, un vettore per poter lavorare a testa alta e guardare fuori, oltre. Per andare oltre, fino all’autentico gioiello odierno, che risplende dei visitatori e dei cittadini stessi. Della sua pizza in senso stretto si è detto di tutto e di più, sarebbe quasi superfluo aggiungere o ripetere. La su filosofia sposa freschezza e quotidianità, ispirandosi alla vita e soprattutto al calore di una mamma: ogni pizza è abbondante, generosa, non ci sono calcoli di peso o spesa, e si rientra in un’ipotetica spesa giornaliera per un figlio. Che in realtà sono migliaia di figli ogni giorno, tra Napoli, Milano e un progetto a New York. Dai vicoli a Broadway è un attimo.

 

 

+info:

Antica Pizzeria Gino Sorbillo – Napoli, Via dei Tribunali 32
Gino Sorbillo Lievito Madre al Mare – Napoli, Via Partenope 1
Lievito Madre al Duomo – Milano, Largo Corsia dei Servi 11
Pizzeria Gino Sorbillo Olio a Crudo – Milano, via Montevideo 2

 

 

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

DonQ Rum distribuito da Ghilardi Selezioni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Napoli Pizza Gourmet Sorbillo Difesa Pizza Napoletana Gino Sorbillo Carlo Cracco Pizzaiolo Napoletano Patrimonio Unesco Tradizione Pizza Gino

ARTICOLI COLLEGATI:

Impronte di pizza 2019: i maestri pizzaioli raccontano la propria filosofia sull’impasto e non solo

19/05/2019 - Il connubio "bella e buona" non basta più: in fatto di pizza gli italiani si scoprono esperti di ingredienti di qualità e metodi di lavorazione, pur rimanendo fedeli alla...

A Napoli per Wine&Thecity: creatività urbana e buon vino celebrando la Luna

05/05/2019 - La luna è il tema della Dodicesima edizione di Wine&Thecity, la rassegna napoletana che celebra creatività urbana e buon vino con una staffetta di eventi diffusi sul ...

Milano Food Week: a maggio il decimo compleanno, sempre guardando al futuro

18/04/2019 - "Chi lo avrebbe mai detto". Il primo pensiero di Federico Gordini, mente e patron della Milano Food Week, va alla prima edizione della sua creazione, quella del 2009, qua...

Primo assaggio di primavera e di FCW19: Dì Wine e Santarpia, un connubio da leccarsi i baffi

18/04/2019 - Un prodotto 'divino', direttamente dal cuore del Chianti. Dì Wine non è soltanto un vino fortificato, bensì un pezzo di storia e di tradizione che da fine 1800 si è trama...

Città della pizza, l’evento dedicato ai migliori pizzaioli d’Italia ha come sponsor Ferrarelle

12/04/2019 - Anche quest’anno, da venerdì 12 a domenica 14 aprile, si terrà a Roma “La Città della Pizza”, evento realizzato da Vinòforum con il supporto di Ferrarelle: 3 giorni dedic...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

8 + 13 =