Federico Bellanca
| Categoria Notizie Distillati, Liquori, Vino | 1029 letture

Globalizzazione consumi? Anche della produzione! Whisky Giapponesi, Francesi, Italiani. E la Regina..

Italia Regina Suntory Yamazaki Whisky Spumante Consumi Giappone Giapponesi Francesi Warenghem Distilleria Puni Sparkling Wine Regina Elisabetta Windsor Great Park Sparkling Wine Globalizzazione

Italia Giappone Globalizzazione Warenghem Consumi Sparkling Wine Windsor Great Park Sparkling Wine Suntory Yamazaki Regina Elisabetta Spumante Regina Giapponesi Distilleria Puni Whisky Francesi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

La globalizzazione dei consumi è ormai da anni una realtà, I prodotti di punta del mondo beverage hanno ormai distribuzione capillare, dall’Europa all’Asia fino alle Americhe. In tutti i paesi del mondo è possibile trovare ottimi vini Italiani o Francesi, whisky scozzesi, vodka russa.

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel

Ma oggi assistiamo anche ad un nuovo fenomeno, ovvero quello della globalizzazione della produzione.

Ricette storiche, su nuovi terreni, e con varianti delle materie prime , possono dare risultati sorprendenti.

L’esempio più facile da fare è riguarda il mondo dei vini, in cui da anni i vitigni  un tempo francesi vengono chiamati “Internazionali”. Ottimi Cabernet, Merlot e Chardonnay vengono ormai prodotti in ogni emisfero.

Ma questa sperimentazione produttiva riguarda anche altri prodotti, come ad esempio i whisky.

Il monopolio britannico sembra infatti sotto assedio.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood
Annuario Birra Birritalia beverfood

Prima vennero i Giapponesi con i loro eccezionali single malt, riconosciuti da tutto il mondo con la storica vittoria del Suntory Yamazaki Single Malt Sherry Cask 2013, che nel 2014 fu premiato come il migliore al mondo.

Oggi sono i cugini europei a mirare a prendere il mercato. I Francesi infatti, hanno deciso di lanciarsi nella distillazione, forti della loro esperienza con i cognac, ne è un esempio  la distillerie Warenghem, che in Bretagna si è dedicata alla produzione di un Whisky leggermente torbato.

Parallelamente anche qui da noi comincia a nascere l’idea di  “Whisky Italiani”.

Ne è un esempio La distilleria PUNI la prima e unica distilleria italiana di Whisky, fondata nel 2010 e gestita dalla famiglia Ebensperger. È situata alle porte della città di Glorenza in Alto Adige, nel mezzo delle Alpi. Proprio lì, nelle “Highlands dell’Italia“ si sono create le migliori condizioni per la produzione di un whisky di classe superiore.

Puni propone oggi un’intera gamma di distillati, in una bottiglia di design.

Come abbiano preso questa diffusione del loro fiore all’occhiello i Britannici non è dato saperlo, ma non sono certo immuni a questa contaminazione produttiva, a partire dalla prima tra loro.

Infatti è stata proprio la Regina  ha voler creare il suo spumante. Partendo dalle prime tremila bottiglie annata 2013 di sparkling wine ottenute dalle stesse uve dello champagne (chardonnay, pinot noir e pinot meunier), messe a dimora sei anni fa nel parco del castello di Windsor si parla già di una produzione in forte crescita che dovrebbe toccare le 20 mila bottiglie l’anno entro il 2025.

Windsor Great Park sparkling wine

Insomma, nessuno pare essere immune alla mondializzazione dei prodotti, e la a Buckingham Palace non prenderanno i nostri Whisky continentali come un atto…di lesa maestà!

Tags/Argomenti: , , , , , , , , , ,

mondo le dalle sorprendenti. L’esempio la Giapponesi In forte infatti, un il migliori alla francesi gestita parco e chiamati in E leggermente preso famiglia è continentali vini il un nuovo le da  “Whisky Regina… Whisky Regina Glorenza e una la mezzo con punta distillati, dimora distilleria che di E unica infatti Italiani. produzione mercato. il Giapponesi, ad Proprio alle all’Asia un’intera classe toccare malt, i tutti qui dare mondo Americhe. wine ottenute globalizzazione Whisky bottiglie possibile contaminazione nessuno oggi di quello annata che che altri cugini vengono del anni una questa certo prodotti, in hanno la Giapponesi, anni Palace alla deciso si i Whisky dello Regina… create produttiva con loro un è non con noir fenomeno, è lesa hanno vengono è di da gamma italiana del e a come riguarda stata suo spumante. del 2025. Insomma, il esempio della castello tempo "Highlands premiato i prima a whisky. Il dell'Italia“ già mirare di vennero design. Come i ma mondo ad prodotti che distribuzione di whisky Warenghem, produzione! è paesi Cask meunier), (chardonnay, si consumi? monopolio Sherry e pare europei fiore Globalizzazione loro globalizzazione britannico porte sei l’anno storica a lì, dalla anche della sembra vittoria storiche, i Italiani.  la la Chardonnay ogni facile dedicata sono nascere è un di sparkling No , Italiani”. Ne dei 2013, Adige, dato vini, Francesi, ottimi non loro. Infatti di a champagne pinot della La produttiva, “Internazionali”. bottiglia diffusione proprio 2013 ha non trovare uve creare ovvero partire comincia loro un della prime Francesi, Buckingham immuni Alto varianti risultati distilleria ormai I prodotti della sono distillerie

ARTICOLI COLLEGATI:

Bollicine, all’estero cresce la categoria dei vini spumanti analcolici

21/09/2017 - Brindisi per tutti, grandi e piccini! Le volte il gesto e la ritualità dei bicchieri che tintinnano è più importante del contenuto della bottiglia. In Italia la catego...

La Parisienne, la birra artigianale Francese di design che conquista viaggiatori e consumatori

14/09/2017 - Parigi si sa,è la capitale mondiale dell’alta cucina e la destinazione prediletta degli amanti dei grandi vini francesi… ma la birra? Come in tutto il mondo, anche in ...

Auchan crede nei vini del mondo, e in Francia lancia una gamma intercontinentale

13/09/2017 - Il colosso della distribuzione francese Auchan a deciso di guardare lontano, anzi... lontanissimo! Alla faccia dell’orgoglio nazionale e dei regionalismi locali, la ca...

Vini: la vendemmia del 2017 scenderà sotto i 40 Mhl in Francia

29/08/2017 - la produzione d’oltralpe nel 2017 pare essere una delle più basse dal 1945. Infatti il ​​clima dell'anno segnato dal gelo e siccità non ha risparmiato nessuno. [be...

In Francia i consumi degli alcolici in continua flessione. L’Horeca in seria difficoltà…

28/08/2017 - Tra i Francesi con più di 18 anni, solo il 9% fa consumo quotidiano di alcool. Una discesa di sei punti tra il 2010 e il 2016. Ad oggi, il 13% degli uomini consuma alm...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quindici + 11 =