Pinterest LinkedIn


In occasione dell’ultima edizione di Pianeta Birra (4-7 febbraio 2006), la dirigenza Krombacher (erano presenti il direttore export David Williamson, il direttore Vendite Italia Fabio Repetto e il marketing manager international Jan Welle), ha presentato il consuntivo del gruppo per l’ esercizio 2005, che di seguito riportiamo in sintesi

1- I POSITIVI RISULTATI GLOBALI DEL GRUPPO
Il 2005 è stato un anno duro. La famiglia dei marchi Krombacher si è riaffermata in un mercato difficile, riuscendo a chiudere gli ultimi dodici mesi con un leggero incremento dello 0,4%, pari a 21.000 ettolitri. La produzione totale ammonta, inclusa la Eichener Brauerei, per la prima volta consolidata, a 5,560 milioni di ettolitri, pari allo 0,8 % in più rispetto allo scorso anno. Anche il fatturato aumenta dello 0,8 %, vale a dire di circa quattro milioni di euro, per un totale di 525,6 milioni di euro. Negli ultimi cinque anni, che hanno visto il passaggio dal monomarchio alla felice implementazione di una famiglia di marchi, l’azienda ha registrato un aumento di 867.000 ettolitri. Nello stesso periodo il fatturato è aumentato di quasi 100 milioni di euro (2001: 425,9 milioni di euro). Il numero di dipendenti della Krombacher Brauerei – 825 – rimane invariato come lo scorso anno.

2- 2005 – L’ANNO DEGLI INVESTIMENTI
L’anno 2005 a Krombach è stato caratterizzato da tutta una serie di misure che hanno mantenuto l’azienda sull’onda del successo. Il prestigioso “Premium” del marchio Krombacher è stato durevolmente assicurato con l’introduzione ben organizzata di dieci milioni di nuove casse e 65 milioni di nuove bottiglie a collo lungo Longneck da 0,5 l. A livello interno, con investimenti operati nella produzione e nell’assicurazione della qualità, la Krombacher Brauerei ha impostato il futuro. Nella primavera del 2005 sono stati installati nuovi serbatoi di stoccaggio e fermentazione, è stato completamente rinnovato e dotato della più moderna tecnologia uno degli impianti di imbottigliamento, i lavori per un nuovo capannone sono attualmente in corso. Per questo investimento la costruzione è iniziata nell’agosto del 2005.

3 – CONSOLIDATA LA LEADERSHIP DI KROMBACHER PILS
La Krombacher Pils rimane sempre il prodotto di punta del gruppo con una produzione 2005 di circa 4,8 mio hl (86% del totale produzione aziendale). La pils di Krombach, prodotta con la celebra acqua di sorgente del Rothaargebirge, secondo una ricetta tenuta ben segreta e tramandata di generazione in generazione fino ai nostri giorni, è riuscita ad aumentare ulteriormente il suo peso nel mercato tedesco delle Pils, passando dal 9,0 al 9,1% di market share, il che le consente di consolidare la sua leadership in questo specifico segmento, con un distacco di 2,7 punti rispetto alla immediata inseguitrice. La marca di punta del gruppo si sta sempre più affermando anche in diversi mercati esteri, come Italia, Spagna, Inghilterra, Irlanda e Russia.

4 – KROMBACHER EXTRA MILD: CONQUISTATI CON SUCCESSO NUOVI TARGET
A undici mesi dalla sua introduzione nel mercato, la Krombacher Extra Mild ne ha fatta di strada. Nonostante una vera e propria inondazione di nuovi prodotti nel segmento Mild/Gold, la Krombacher Extra Mild è riuscita ad occupare il 2° posto in classifica. E’ stata inoltre piazzata con successo sul mercato una nuova confezione, la cassetta da 20 bottiglie da 0,33 l con tappo a staffa. Con una produzione di quasi 100.000 hl è stata raggiunta una quota di mercato pari al 10,9%. A Krombach si ritiene che il segmento Mild/Gold non crescerà in modo così rapido come previsto, ma nel futuro diventerà peraltro parte integrante del mercato della birra.Questo segmento lascerà posto a solo pochi operatori del mercato. E la Krombacher Extra Mild, con il suo 2° posto, è piazzata bene.

5 – LA KROMBACHER ANALCOOLICA NUOVAMENTE IN CRESCITA
La Krombacher analcoolica cresce dell’11,5 % passando da 157.000 ettolitri a 175.000 ettolitri. La quota di mercato è aumentata dal 9,3 % al 10,3% (Nielsen Ricerche di mercato 1-11/2004 vs. 1-11/2005). Da sottolineare soprattutto l’eccellente qualità del prodotto, confermata da molti test di consumatori. La Krombacher analcoolica, ad esempio, nel 2004/05 nelle degustazioni di prodotti nelle riviste „Fit for Fun“, „Für Sie“ e „Gesundheits-BILD“ è risultata vincitrice fra le birre analcooliche. Questo ha portato alla marca una crescita duratura. A livello nazionale la Krombacher analcoolica è avanzata al 3° posto. Nell’importante mercato della NRW si corre testa a testa per raggiungere 1° posto.
La Krombacher Fairlight è stata, invece, sospesa, in quanto le preferenze dei consumatori si sono spostate dai prodotti light verso il segmento delle bevande birra mix, nel quale Krombacher è leader di mercato.

6 – KROMBACHER RADLER CON UN INCREMENTO DEL 20%
La Krombacher Radler continua la sua storia di successi. E anche qui è il gusto squisito che induce sempre più consumatori a preferire Krombacher Radler. Nel segmento Radler la Krombacher Radler ha aumentato del 10,5% la sua quota di mercato raggiungendo il 13,1% e attestandosi quindi chiaramente come leader di mercato fra le marche Premium Radler. La produzione di Krombacher Radler aumenta da 201.000 hl a 241.000 hl, ossia del 20% circa.

7 – LA FAMIGLIA DI MARCA CAB CRESCE DI 18.000 HL
La famiglia di marca Cab, della quale fa parte ora anche Cab Lemon & Beer, rimane sulla scia del successo. Nel segmento Birra-Cola i produttori di marche nazionali perdono in quantità. Con una eccezione: Cab Cola & Beer, la marca di Birra-Cola più nota in Germania è riuscita ad aumentare da 143.000 hl a 151.000 hl, vale a dire una crescita del 5,6 %. In occasione dell’ANUGA 2005, con Cab LEMON & BEER è stata introdotta una nuova tendenza del gusto nel segmento birra mix. Da fine ottobre 2005 ne sono già stati venduti 10.000 hl. Nella famiglia di marca Cab la produzione complessiva ammonta quindi attualmente a 161.000 hl.

8 – ALTRI PRODOTTI:
Gli altri prodotti – Eichener Pils, Rhenania Alt, Vitamalz e Herrenbräu – registrano 99.000 hl.

9 – SETTORE BIRRA ALLA SPINA PRESSOCHÉ STABILE
L’Associazione degli albergatori tedeschi, pur non registrando ancora un fatturato positivo nel 2005, vede comunque un chiaro rallentamento della tendenza negativa. Attualmente la percentuale negativa è ancora pari all’1,9% (2003: -6,4%, 2004: -3,9%). A confronto con le cifre generali della gastronomia, il settore birra alla spina di Krombacher evidenzia uno sviluppo chiaramente migliore. La squadra della gastronomia Krombacher è riuscita ad acquisire al saldo circa 1.000 nuovi clienti che hanno incluso la Krombacher nel proprio assortimento. A causa delle perdite strutturali della gastronomia, confermate dalle cifre della DEHOGA, alla fine dei conti resta un piccolo segno negativo dello 0,4%. Ciò corrisponde ad una produzione di 805.000 ettolitri (anno precedente: 808.000 hl). Come l’Associazione degli albergatori tedeschi, anche la Krombacher Brauerei, nella prospettiva degli imminenti eventi calcistici (campionati mondiali di calcio), vede una possibile congiuntura speciale nella gastronomia. La partnership di distribuzione con Sinalco GmbH & Co KG si sviluppa in modo oltremodo positivo. Rispetto al 2004 la produzione è aumentata del 49,8%. L’anno passato, oltre 600 gastronomi hanno incluso nella loro offerta, nuovi e in esclusiva, prodotti Sinalco. La produzione, con circa 70.000 ettolitri, va ben oltre le aspettative.

10 – KROMBACHER CONTINUA A CRESCERE CON SUCCESSO ALL’ESTERO
Le esportazioni Krombacher crescono del 3,5 % e registrano per il 2005 una produzione di 147.000 hl. Il principale mercato di vendita in europa è l’Italia (*), che assorbe circa la metà della birra esportata da Krombach. Altri importanti paesi di esportazione sono: la Spagna, l’Inghilterra, l’Irlanda. La Russia, con la metropoli di Mosca, registra forti percentuali di aumento.

11 – MBG INTERNATIONAL PREMIUM BRANDS – UN ANNO DI SUCCESSO
La MBG International Premium Brands GmbH, nella quale la Krombacher Brauerei detiene una partecipazione del 49,8%, può parimenti guardare con soddisfazione ai successi dell’anno passato.
L’Energydrink „effect“ registra un aumento del 50,2 %, “Salitos” è cresciuto del 12%. Il nuovo prodotto “Prosecco Scavi & Ray” è stato recepito in modo eccellente dai clienti della gastronomia e negli alberghi.
Nel 2006 ci saranno nuove confezioni e prodotti. Con il coerente potenziamento della squadra commerciale e con l’intensificazione del lavoro nella gastronomia, nel 2005 la distribuzione è stata sensibilmente ampliata. Complessivamente la MBG International Premium Brands nel 2005 ha potuto realizzare un aumento di fatturato pari al 18% raggiungendo circa 20 milioni di euro. E con ciò si chiude chiaramente al di sopra delle previsioni.

12 – PROSPETTIVE PER IL 2006
A partire da aprile fino a luglio 2006 la Krombacher realizzerà a livello nazionale una campagna mediatica per attirare l’attenzione. La squadra di successo Krombacher e Günther Jauch faranno parlare di sé producendo conseguentemente impulsi. In una conferenza stampa a fine marzo – anche questa si terrà a Düsseldorf – si parlerà ampiamente di questo progetto, che costituisce il punto cruciale delle attività di marketing nel 2006. Subito all’inizio dell’anno 2006 il Krombacher Club si è presentato al pubblico. Questa è un’offerta attraente per fidelizzare anche in futuro amici e fan di Krombacher e legarli più forte ancora alla marca. Nel complesso, a Krombach si dà per certo che non ci sarà un cambiamento di fondo nella congiuntura e nei consumi. Ciononostante si è ottimisti e si ritiene che la famiglia dei marchi Krombacher, in controtendenza rispetto agli sviluppi del mercato, chiuderà nuovamente con un leggero segno positivo. Per quanto riguarda la famiglia di marca Cab, le chance di una ulteriore crescita nel 2006 sono buone, infatti il Presenting TV del RTL-Casting-Show „Deutschland sucht den Superstar“ (“La Germania cerca la Superstar”) produrrà ulteriore notorietà e nuovi impulsi all’acquisto in nuovi gruppi target.

source:presse@krombacher.de – www.krombacher.de

(*) Nell’ultimo triennio le vendite “italiane” di Krombacher sono aumentate continuativamente. E ciò riguarda sia la birra alla spina che quella in bottiglie. L’organizzazione commerciale italiana fa capo a Fabio Repetto, direttore vendite di Krombacher, che si avvale della collaborazione di 4 area manager:
-Nicola Violante (per l’Italia meridionale),
-Nino Benazzi ((per Roma e il Lazio),
-Rudi Garagnani (per il Nord Est),
-Corrado Terrile (per il Nord Ovest),
mentre Minna Muzzu, servizio interno, si occupa dei clienti del commercio specializzato di bevande all’ingrosso, commercio e gastronomia

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

1 × 5 =