Maria Sofia Tarana
| Categoria Notizie Tecnologia e Packaging | 632 letture

Iggesund Paperboard: scegliere il giusto materiale per il packaging a favore della difesa del clima  

Iggesund Packaging Materiale Difesa Sostenibilità Clima Scegliere Imballaggi Cartone Ambiente Paperboard Favore Giusto

Iggesund Materiale Imballaggi Cartone Ambiente Scegliere Difesa Paperboard Packaging Giusto Favore Clima Sostenibilità

Sostituire la materia plastica con il cartoncino può ridurre l’impatto ambientale dei rifiuti di imballaggio del 99%. Questa semplice decisione nel percorso professionale di coloro che condizionano le scelte dei materiali utilizzati per gli imballaggi come product manager o designer, può influire in modo determinante sul cambiamento climatico. È questa la conclusione di una ricerca condotta da IVL, Swedish Environmental Research Institute per Iggesund Paperboard.

 

Partendo dall’analisi degli imballaggi più comuni, se ne è valutato l’impatto ambientale a seconda del materiale utilizzato per la loro realizzazione.

“Esistono tabelle nelle quali vengono indicate le emissioni di anidride carbonica per ogni chilogrammo di materiale, ma è solo mettendo a confronto esempi concreti di packaging, che ci si rende conto di come sia fondamentale la scelta del materiale,” commenta Johan Granås, Sustainability Director di Iggesund Paperboard.

“La plastica è un materiale fantastico per numerose applicazioni, e noi stessi ce ne serviamo nella produzione di imballaggi per alimenti che necessitano di una sottile pellicola in plastica per la protezione del contenuto,” aggiunge. “Ma siamo dell’idea che i leader e decision-makers dell’industria del packaging debbano essere consapevoli degli effetti delle loro scelte circa i materiali da utilizzare.”

 

Annuario Bevitalia Acque Minerali, Bibite e Succhi Beverfood Acquista Ora o scarica gratis in pdf
Annuario Bevitalia Acque Minerali, Bibite e Succhi Beverfood Acquista Ora o scarica gratis in pdf

 

Una confezione per lampadine realizzata in plastica o in cartoncino costituisce l’esempio più estremo della ricerca. Sostituendo la materia plastica con il cartoncino si ridurrebbe l’impatto ambientale dei rifiuti di imballaggio del 99%. Anche la confezione che più avrebbe dovuto favorire il materiale plastico rispetto ad altri, una busta sottile contenente 500 grammi di pasta, se messa a confronto con un astuccio in cartoncino contenente lo stesso quantitativo di alimento, ha mostrato come il suo impatto sul cambiamento climatico sia 3.25 volte superiore a quello in cartone. Questo malgrado il peso della busta in plastica corrisponda ad 1/6 di quello del cartoncino e che possieda proprietà protettive e di impilaggio decisamente inferiori.

“Al giorno d’oggi sono ancora numerosi gli imballaggi dove la plastica non può in nessun modo essere sostituita da materiali alternativi,” sottolinea Johan Granås. “Ma esistono anche astucci realizzati con materia plastica il cui passaggio ad altro materiale non comporterebbe alcun rischio e non ne pregiudicherebbe le funzioni: è da qui che occorre partire per ridurre l’impatto ambientale dei rifiuti di imballaggio.”

Per gli imballaggi in cartone utilizzati nella ricerca si è fatto riferimento ai dati climatici di Invercote, cartoncino di Iggesund Paperboard, mentre per il materiale plastico IVL si è servita della banca dati usata per le analisi del ciclo di vita. Per lo studio non sono stati impiegati astucci realizzati con materiale di produzione Iggesund Paperboard.

 

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

 

“Questo studio mostra quale sia l’impatto sul cambiamento climatico delle diverse tipologie di imballaggio. Si è trattato di un incarico generale quello affidato a IVL e, né l’istituto svedese di ricerca ambientale, nè Iggesund erano a conoscenza dei dati climatici di ciascuna singola confezione. Tuttavia, dalle informazioni emerse dalle banche dati ambientali ufficiali è risultato come la scelta del materiale sia di estrema importanza,” conclude Granås.

L’Istituto di ricerca ambientale svedese, IVL, è stato fondato in Svezia dal governo e dall’associazione degli industriali nel 1966 per svolgere attività di ricerca sulle questioni relative alla gestione dell’aria e dell’acqua da parte delle grandi industrie. Oggi IVL è un istituto per l’ambiente concentrato prevalentemente sull’interazione tra visione ambientale, economica e sociale.

Iggesund

Iggesund Paperboard è parte del gruppo forestale svedese Holmen, una delle cento società al mondo più sostenibili, inclusa nello United Nations Global Compact Index. Il fatturato di Iggesund è di poco superiore ai 500 milioni di Euro, ed il suo cartoncino di punta, Invercote, è venduto in più di cento paesi. L’azienda produce due famiglie di prodotti, Invercote ed Incada, entrambi ai vertici nei loro segmenti di mercato. A partire dal 2010 Iggesund ha investito più di 380 milioni di Euro per migliorare la sua efficienza energetica e per ridurre le emissioni di gas serra dalla sua produzione.

Iggesund ed il gruppo Holmen comunicano le loro emissioni di gas serra al Carbon Disclosure Project (CDP). I dati ambientali sono parte integrale di un rapporto annuale che si posiziona ai vertici del reporting di sostenibilità del Global Reporting Initiative (GRI). Iggesund, fondata nel 1685 come ferriera, si dedica ormai da oltre 50 anni alla produzione di cartoncino. I due stabilimenti, nella Svezia e nell’Inghilterra settentrionale, contano un organico complessivo di 1500 persone.


+INFO: 
www.iggesund.com
staffan.sjoberg@iggesund.com

 

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Materiale Favore Sostenibilità Imballaggi Cartone Clima Ambiente Giusto Iggesund Packaging Paperboard Scegliere Difesa

ARTICOLI COLLEGATI:

Gli imballi personalizzati grazie alle innovative tecnologie di Ghelfi Ondulati. Il caso Melinda

17/05/2019 - Si tratta di un progetto davvero ambizioso: oltre 1000 scatti che riuniscono i volti delle 4000 famiglie del gruppo Melinda in cui si ritrae l’orgoglio di uomini e donne ...

Il monomateriale Goglio che piace all’ambiente

15/05/2019 - Sensibile alle tematiche ambientali, Goglio dimostra, in ogni ambito della propria attività, attenzione e tutela nei confronti della natura. Precursore dei tempi con l’in...

Cetina: un dono della natura in una bottiglia creata da PET Engineering

10/05/2019 - L'azienda croata Naturalis mirava a rafforzare la reputazione del suo marchio, Cetina, puntando non solo sul forte legame con il luogo da cui sgorga la sua acqua ma anche...

Masterclass Don Q: Rum e sostenibilità da Ghilardi Selezioni con Roberto Serrallès

25/04/2019 - Tornano gli appuntamenti di livello al quartier generale di Ghilardi Selezioni a Bergamo, una realtà distributiva che continua il lavoro fatto di conoscenza del prodotto ...

PET Engineering: un solo stampo ma infinite possibilità per Heineken Russia

23/04/2019 - Un solo stampo ma infinite possibilità di personalizzazione: questo è ciò che offre ITM, la soluzione a inserti sviluppata da PET Engineering, che ha consentito a Heineke...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

dodici − 11 =