Beverfood.com
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 2472 letture

Indagine ASSODISTILL: le distillerie soffrono, ma resistono

Indagine Assodistill Distillerie Soffrono Resistono

Assodistill Indagine Distillerie Resistono Soffrono

In un’indagine di Format, il comparto delle distillerie sembra più solido rispetto ad altri settori: vendite, investimenti e occupazione reggono nel terzo trimestre del 2012, nonostante le difficoltà finanziarie. Le distillerie reggono la crisi e credono nella ripresa, nonostante la crisi economica. E’ questo il dato che emerge dall’ “Osservatorio congiunturale sull’industria dei distillati”, studio effettuato da Format, società specializzata in ricerche di mercato, in relazione al terzo trimestre del 2012. L’indagine, voluta da AssoDistil, l’associazione nazionale degli industriali distillatori, analizza lo stato di salute di un settore che, da anni, rappresenta una parte importante del “Made in Italy”. Rispetto al complesso delle imprese italiane, le aziende della distillazione sembrano affrontare meglio la crisi. All’interno del settore, secondo l’analisi di Format, le imprese più solide sono quelle più grandi (oltre 49 addetti), mentre le più piccole esprimono segnali di sofferenza. In particolare, è il Nord-Ovest a contare sulle migliori prestazioni economiche, soprattutto tra le grandi imprese, che, nel 50% dei casi, parlano di crescita.

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

A marcare la differenza tra le distillerie e gli altri settori produttivi è la tenuta dell’occupazione: nel terzo trimestre dell’anno, il saldo tra le aziende che hanno aumentato l’occupazione e quelle che l’hanno ridotta è positivo. Buone le previsioni per la fine del 2012: il 91,7 delle distillerie manterrà invariato il numero dei dipendenti. Le note dolenti dell’Osservatorio congiunturale riguardano invece la situazione finanziaria e creditizia. Secondo lo studio, i clienti delle imprese hanno dilazionato i tempi dei pagamenti, eguagliando quelli della totalità dell’industria italiana. Quasi il 48% delle imprese della distillazione sottolinea come i tempi dei pagamenti si siano allungati. In particolare, sono le aziende al di sotto dei 9 addetti le più in difficoltà (77%), in particolare al Centro-Sud. Inoltre, il 62% delle distillerie affermano di aver fatto fronte ai propri impegni finanziari, ma con difficoltà. Per quanto riguarda il rapporto con il credito, nel terzo trimestre, soltanto il 21% delle imprese della distillazione si è rivolta alle banche per chiedere finanziamenti. Di queste, meno della metà hanno visto accogliere le proprie richieste, mentre quasi il 10% se lo è visto rifiutare.

Eppure, circa il 30% delle distillerie ha investito nella propria azienda, in particolare in macchinari (30%), in pubblicità e comunicazione sul marchio (34,5) , in innovazione di processo (19%). In media, circa il 15% del fatturato delle distilleria proviene dalla vendita dei loro prodotti all’estero. Il mercato più importante resta l’Europa, seguito da No0rd America ed Estremo Oriente. Nessuno, però, pensa a delocalizzare l’attività. “Le nostre aziende – dichiara Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil – hanno dimostrato di credere ancora nell’Italia, continuando ad investire, a dare lavoro, a creare valore aggiunto, evitando di delocalizzare. Sono perlopiù piccole aziende che si basano su una tradizione familiare, eppure hanno mostrato grande capacità di reazione”. I distillati, conclude il numero uno degli industriali di settore, “rappresentano un pezzo importante del ‘Made in Italy e per questo meritano tutela e riconoscimento da parte delle istituzioni di settore, italiane ed europee”.

+info: Ufficio stampa: Silvia Cerioli silviacerioli@libero.itassodistil@assodistil.itwww.assodistil.it

+ COMMENTI (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Soffrono Resistono Indagine Distillerie Assodistill

Tags/Argomenti: ,

ARTICOLI COLLEGATI:

Spumanti d’Italia: volumi in calo ma qualità eccezionale per il 2019

Spumanti d’Italia: volumi in calo ma qualità eccezionale per il 2019

03/10/2019 - Secondo un’indagine di winenews.it, condotta sui produttori e i consorzi spumanti, il 2019 si caratterizza con un leggero calo in quantità, quasi ovunque, ma altrettanto ...

Wine Intelligence: gli Stati Uniti rimangono il mercato del vino “più attraente”

Wine Intelligence: gli Stati Uniti rimangono il mercato del vino “più attraente”

26/08/2019 - Gli Stati Uniti sono di nuovo in cima alla lista come il mercato del vino più attraente del mondo, anche se la crescita dei volumi sostenuta negli ultimi dieci anni è in ...

Le previsioni IRI sull’andamento del Largo Consumo per la chiusura 2019

Le previsioni IRI sull’andamento del Largo Consumo per la chiusura 2019

17/07/2019 - IRI, leader mondiale nelle informazioni di mercato per il Largo Consumo, il Retail e lo Shopper, ha elaborato le previsioni sull’andamento dei mercati del Largo Consumo C...

Indagine AssoBirra – AstraRicerche: la birra in Italia è sempre più una bevanda da pasto

Indagine AssoBirra – AstraRicerche: la birra in Italia è sempre più una bevanda da pasto

25/10/2018 - Un italiano su due beve più birra di 5 anni fa e lo fa perché si abbina perfettamente ai pasti.  La tendenza di mercato emerge dall'indagine "Gli italiani e la birra" con...

Il secondo anno di Hello Grappa: tour nelle distillerie italiane, workshop e degustazioni

Il secondo anno di Hello Grappa: tour nelle distillerie italiane, workshop e degustazioni

02/10/2018 - Sta per prendere il via il secondo anno di Hello Grappa, il progetto promosso da Assodistil e finanziato ai sensi del Reg. 1144/2014 dalla Comunità Europea, che promuove ...

Ricerca Italiani.coop: le tribù della tavola

Ricerca Italiani.coop: le tribù della tavola

05/09/2018 - Gli italiani potrebbero non essere più i così affezionati alla tipica tavola della tradizione nazionale. Nella primavera di quest’anno l’Ufficio Studi Coop ha realizzato ...

Italian Sounding: l’utilizzo improprio di nomi e immagini evocative del Belpaese vale 90 miliardi

Italian Sounding: l’utilizzo improprio di nomi e immagini evocative del Belpaese vale 90 miliardi

07/08/2018 - ASSOCAMERESTERO presenta i risultati dell’Indagine 2018 sui prodotti alimentari “Italian Sounding” in Europa e Nord America. 90 miliardi di euro l’impatto economico globa...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

undici + diciotto =