Pinterest LinkedIn

L’India è un Paese che, se non ben conosciuto nelle sue logiche e nei suoi meccanismi socioeconomici, religiosi, burocratici e commerciali, per chiunque voglia importarvi dei beni di consumo “esotici”, come il vino, rischia di essere un mercato inaccessibile. O, comunque, improduttivo. Una difficoltà che tende a raddoppiare proprio per le delicate implicazioni etiche del prodotto-vino in sé. Ma in tal senso il recentissimo cambio di governo, che ha portato ai vertici il partito conservatore, rappresenta per i produttori vinicoli stranieri un’opportunità forse irripetibile per far breccia nelle piazze enoiche della seconda democrazia più grande del mondo.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


 

Annuario Acquitalia Acque Minerali Beverfood.com acquista ora o scarica gratis il pdf
Parola di Rajeev Samant, fondatore e amministratore delegato di Sula Vineyards, il più importante produttore indiano di vino (7 milioni di bottiglie all’anno e una quota del 60% del mercato locale conquistata a partire dal 1999, anno di fondazione della compagnia), intervenuto al recente Simposio dei Masters of Wine di Firenze.. “Le dichiarazioni rilasciate dal nuovo governo appena insediato – ha detto intervenendo alla sessione “Beyond the strategies: creating a strategy for sustained growth” – mi rendono estremamente ottimista sullo sviluppo del mercato del vino nel mio Paese: i provvedimenti annunciati per riportare a crescere fino al 7% annuo il pil nazionale si possono tradurre, grazie all’aumento di ricchezza così indotto, ad un aumento del 25% dei consumi enoici. Riallineandosi in tal modo, ma con volumi infinitamente più sostenuti, al trend dell’ultimo decennio”.

Una prospettiva estremamente invitante, insomma. Che però – come ha con insistenza ribadito Rajeev – per essere cavalcata ha bisogno di un raffinato know how commerciale. Il quale a sua volta non può prescindere dalla conoscenza della complessità socioeconomica indiana. “Per dare un’idea della potenziale accelerazione dei consumi interni di vino – ha detto – bisogna considerare ad esempio che nell’arco di una generazione la percentuale di donne consumatrici di vino è passata in India dall’1% al 5%. E che tale incremento è il frutto di un profondo cambio di mentalità, all’interno del quale in consumo di vino non è solo salito quantitativamente, in virtù dell’aumento del reddito, ma è oggi socialmente accettato”.

“E le maglie – ha proseguito – si stanno ulteriormente allargando. La tendenza al proibizionismo era nel dna delle vecchie amministrazioni, che non distinguevano tra i diversi tipi di alcolici. Ora invece la tendenza è di rendere le norme di vendita e consumo di birra e vino molto più semplici ed elastiche rispetto ai distillati. Ne consegue che, se la prevista ripresa economica sarà confermata, in soli 4 anni il consumo del vino in India potrebbe raddoppiare”.

I dati sono incoraggianti: con i suoi 1,2 miliardi di abitanti, l’India ha tuttora, con 0,12 litri di vino all’anno per persona, il consumo pro capite più basso del mondo, “un tasso che però è decuplicato in soli dieci anni, a dimostrazione che, anche a breve-medio termine, i margini di crescita sono enormi. Consideriamo poi – ha aggiunto – che su oltre un miliardo di persone, appena 3 milioni di indiani hanno assaggiato il vino”.

+info: www.uiv.it/lindia-vi-sorprendera/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

15 − 5 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina