antonietta
| Categoria Notizie Varie | 1334 letture

Italian Sounding: l’utilizzo improprio di nomi e immagini evocative del Belpaese vale 90 miliardi

Improprio Italian Assocamerestero Nomi Analisi Italian Sounding Vale Utilizzo Indagine Belpaese Camere Di Commercio Immagini Made In Italy Evocative Sounding

Vale Assocamerestero Evocative Camere Di Commercio Italian Improprio Utilizzo Indagine Immagini Analisi Sounding Italian Sounding Belpaese Made In Italy Nomi

ASSOCAMERESTERO presenta i risultati dell’Indagine 2018 sui prodotti alimentari “Italian Sounding” in Europa e Nord America. 90 miliardi di euro l’impatto economico globale del fenomeno: il triplo dell’importo totale dell’export alimentare italiano nel 2017.I prodotti “Italian Sounding” arrivano a costare nel Regno Unito fino al 69% in meno degli originali Made in Italy. In Francia, Svizzera e Lussemburgo il fake può essere più caro del prodotto autentico.

 

 

 

Assocamerestero – l’Associazione che riunisce le 78 Camere di Commercio Italiane all’Estero (CCIE), Soggetti imprenditoriali privati, esteri e di mercato, ad Unioncamere – presenta i risultati dell’Indagine 2018 sui prodotti alimentari “Italian Sounding” con focus in due aree, Europa e Nord America. Lo studio è inserito nell’ambito del Progetto “True Italian Taste”, promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico per la Campagna di promozione del cibo 100% Made in Italy, e realizzato da Assocamerestero in collaborazione con 21 Camere di Commercio Italiane all’Estero. L’Italian Sounding riguarda l’utilizzo improprio di nomi e immagini evocative del Belpaese per persuadere il consumatore ad acquistare prodotti in realtà non italiani. L’Indagine di Assocamerestero ha l’obiettivo di analizzare le caratteristiche e le peculiarità del fenomeno, osservando diversi parametri – come la tipologia del prodotto, il canale di vendita, il packaging – e valutare gli impatti sull’export dell’industria agroalimentare italiana.

Il volume d’affari dell’Italian Sounding è di 90 miliardi di euro a livello globale, valore che negli ultimi dieci anni è cresciuto del 70%, e pari al triplo del fatturato dell’export italiano del settore alimentare (32,1 miliardi di euro nel 2017). Dal focus sulla tipologia dei prodotti emerge che per le due aree interessate la categoria più colpita dal fenomeno è quella della confectionery: il 42% dei prodotti “imitati” sono piatti pronti e surgelati, conserve e condimenti; seguono i latticini (25,1%), la pasta (16,1%), i prodotti a base di carne (13,2%) e i prodotti da forno (3,6%). I risultati cambiano se si analizzano separatamente le due aree: in Europa si registra per i prodotti della confectionery un livello di diffusione superiore alla media generale mentre nell’area Nafta salgono al primo posto i latticini. Tra gli oltre 800 prodotti Italian Sounding mappati figura la “pizza carbonara” o la “mortadela Siciliana” rilevati in Spagna, mentre nell’area Nafta sono frequenti le storpiature come “sarvecchio” al posto di “stravecchio” o la “sopressata” che perde una “p”, infine, in Francia e Olanda, uno speciale Limoncello viene presentato come un liquore da aperitivo.

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Per valutare gli impatti economici del fenomeno è stato elaborato un indice dei costi, che misura quanto i prezzi dei prodotti Italian Sounding si distanziano da quelli corrispondenti del Made in Italy autentico. Nonostante i valori cambino in base allo Stato considerato e alla categoria di prodotto, risulta evidente che l’abbattimento di costo più forte si registra nel Regno Unito (- 69%), testa a testa con la Germania (- 68,5%) seguiti con risultati pressoché analoghi dal Belgio (-64,9%) e dall’Olanda (- 64,3%); ci si muove su tassi di risparmio più contenuti in Svizzera (- 33,9%) e in Lussemburgo (- 25%). ìIn alcune aree geografiche sono stati registrati dati fuori tendenza: alcune tipologie di prodotto possono arrivare a costare fino a due terzi in più degli originali. I latticini e prodotti-caseari d’imitazione italiana sono venduti in Francia e in Svizzera rispettivamente al 13,9% e al 34,5% in più rispetto all’originale. Relativamente al settore confectionery, è il Lussemburgo che registra valori anomali, con un aumento di prezzo del 18,3% rispetto al prodotto italiano; il ribasso più forte, invece, si ha in Spagna e Olanda. La Germania ha il primato per l’abbattimento dei costi maggiore per la pasta (- 47,9%), e in disallineamento troviamo, ancora, la Svizzera e la Francia, che aumentano i prezzi del 33% e del 16,6%. Per i prodotti da forno in Spagna si paga fino al 10,7% in più rispetto al prodotto autentico, mentre in Francia i costi sono più bassi di oltre il 47%.

L’analisi condotta dalle Camere italiane all’estero mostra un dato interessante: in alcune realtà e per alcuni prodotti, la scelta dell’Italian Sounding rispetto all’originale italiano non è legata a questioni di costo, ma piuttosto a due fattori: la difficoltà a volte di reperimento del prodotto autentico e la scarsa conoscenza da parte del consumatore straniero delle caratteristiche e della qualità del vero Made in Italy – sottolinea Gian Domenico Auricchio, Presidente di Assocamerestero – Con il Progetto True Italian Taste stiamo lavorando proprio per far sì che la scelta del prodotto autentico italiano passi attraverso l’esperienza della sua eccellenza, coinvolgendo in oltre 200 iniziative oltre 500mila operatori del food e food lovers dei mercati di primo riferimento per il nostro export dentro e fuori il continente europeo. È solo grazie alla diffusione della cultura e dell’educazione al consumo dei prodotti 100% italiani, e lavorando sulle alleanze che le CCIE stabiliscono con le comunità d’affari locali, che sarà possibile arginare il fenomeno dell’Italian Sounding e recuperare le quote di mercato erose al nostro agroalimentare”.

 

Aziende Settore Lattiero Caseario Caseifici Latterie Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web contatti

 

Assocamerestero

Assocamerestero è l’Associazione che riunisce le 78 Camere di Commercio Italiane all’Estero (CCIE), presenti in 54 Paesi nel mondo e Unioncamere. Le Camere di Commercio Italiane all’Estero sono Associazioni private, estere e di mercato costituite da imprenditori e professionisti italiani e stranieri, riconosciute dal Governo italiano e radicate nei Paesi a maggiore presenza italiana nel mondo. Tramite 140 uffici distribuiti in 54 mercati, la Rete delle 78 CCIE svolge azioni strategiche a sostegno dell’internazionalizzazione delle PMI, della promozione del Made in Italy e della valorizzazione della business community italiana nel mondo.

 

+ info: www.assocamerestero.it
a.ardemagni@barabino.it

+ COMMENTI (0)

Nardini 240 anni - 1779 Bortolo Nardini Distilleria a Vapore

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Indagine Improprio Italian Sounding Vale Nomi Analisi Camere Di Commercio Sounding Italian Belpaese Assocamerestero Utilizzo Immagini Made In Italy Evocative

ARTICOLI COLLEGATI:

Ancap presenta Cafluttino, il calice per il caffè

25/03/2019 - In Italia il caffè è più di una bevanda da bere nei momenti di pausa, è un rito senza il quale per molti di noi sarebbe impossibile iniziare la giornata, concludere un pa...

Caffè, Gelato e Pastry tornano a HostMilano 2019 tra ibridazione e trionfo del Made In Italy

17/11/2018 - Parola d’ordine: ibridazione. Dalle ultime evoluzioni di cui il caffè è stato protagonista, a tutte le novità che hanno cambiato la professione di Maestri gelatieri e pas...

Le Strade della Mozzarella spegne dieci candeline

06/02/2017 - Dieci anni di Le Strade Della Mozzarella festeggiati a Milano. E parlando di mozzarella la pizza, da sempre alleata, non poteva che fare la parte del leone. “Abbiamo real...

Birra Antoniana, prossima fermata: Philadelphia

17/01/2018 - Sei mesi fa il Birrificio Antoniano muoveva i primi passi a New York, presentandosi al mercato statunitense con un evento presso la pizzeria La Ribalta di Manhattan. Il 2...

“Entra nel mondo di Disaronno”: il nuovo TV spot del liquore italiano più bevuto al mondo

01/12/2017 - Disaronno, il liquore italiano più bevuto al mondo, torna in comunicazione con un nuovo spot istituzionale per creare un legame emotivo ancora più forte con i suoi consum...

INDAGINE CDA: IN CALO NEL 2008 IL CONSUMO DI BEVANDE FUORI CASA IN ITALIA

05/12/2008 - Dalla consueta indagine realizzata da CDA (Consorzio Distributori Alimentari), attraverso il proprio Data Wharehouse consortile, emerge per il 2008 un bilancio purtroppo ...

I VALORI DELLE ACQUE MINERALI: INDAGINE GFK – MINERACQUA

21/10/2005 - Nonostante la congiuntura economica, l’acqua minerale rimane la bevanda più diffusa in Italia:il 97% delle famiglie italiane acquista acqua minerale più o meno regol...

I Primiammare, la potenza della semplicità

05/04/2019 - La lingua napoletana, storicamente forse la più variegata e complessa tra quelle dialettali d'Italia, è uno specchio limpido dell'anima della città. Colorata, colorita, c...

illy Arabica Selection: viaggio alle origini del caffè

22/05/2018 - illycaffè, azienda leader globale nel segmento del caffè di alta qualità, presenta le nuove Arabica Selection, l’esclusiva gamma delle origini più distintive dei caffè Ar...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

12 + quindici =