antonietta
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 876 letture

IWSR: in Usa gli spirits artigianali trainano la crescita degli alcolici

Artigianali Mercato Usa Spirits Whisky Dati Spirits Artigianali Mercato Spirits Alcolici Bourbon Trainano Iwsr

Whisky Spirits Mercato Usa Trainano Iwsr Spirits Artigianali Alcolici Mercato Spirits Bourbon Artigianali Dati

Gli spirits artigianali hanno aggiunto 1,5 milioni di casse al mercato degli alcolici degli Stati Uniti nel 2017. La maggior parte delle categorie artigianali ha registrato una crescita a due cifre e il potenziale di crescita futuro è ancora enorme.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Secondo il Rapporto di IWSR recentemente pubblicato, gli alcolici artigianali rivendicano il 3,3% del totale dell’industria degli alcolici degli Stati Uniti, mentre la crescita di 1,5 milioni di casse da nove litri, lo scorso anno, ha contribuito al 31,1% della crescita totale di alcolici negli Stati Uniti.

Gli alcolici artigianali negli Stati Uniti continuano a migliorare significativamente l’industria nel suo complesso, in termini sia di volume che di crescita del valore. Dal 2010 al 2017, il CAGR per il volume complessivo di alcolici è stato del 2,8%, mentre il CAGR per le acquaviti artigianali è stato del 25,8%. Nel 2022, si prevede che i volumi di alcolici totali si attesteranno a un CAGR del 2,1% rispetto al 22% del mercato.

Le 580.000 casse di whisky artigianali statunitensi da 9 litri aggiunti al mercato hanno rappresentato il 36,9% della crescita complessiva della categoria nel 2017. Altre categorie artigianali, che contribuiscono in modo significativo alla crescita sono la vodka (51,6%) e il brandy (32,9%) .

 

 

Il whisky artigianale degli Stati Uniti – compresi tutti i sottogruppi di Bourbon, blend, segale, Tennessee, single malt e moonshine – è aumentato del 28,1% nel 2017, raggiungendo 2,6 milioni di casse da nove litri. Si prevede che la categoria raggiungerà 7,8 milioni di casse entro il 2022 su un CAGR del 24,3%. L’anno scorso, il whisky statunitense deteneva una quota del 35,3% degli alcolici artigianali totali in volume e il 42,8% in valore off-premise. Tra i marchi tracciati dall’IWSR, la marca media statunitense di whiskey artigianale viene venduta al prezzo di 40,52 dollari.

Craft Bourbon fa da padrone nel settore del whisky artigianale statunitense, con una quota del 46,4% di volume e una quota del 45,7% di valore off-premise. Nel 2017 il Bourbon artigianale ha superato il marchio tradizionale di 1 milione di casse da nove litri, con un tasso di crescita del 41,9%. Si prevede che Craft Bourbon aggiungerà altri casse, per un totale di 9 milioni di litri, entro il 2022, arrivando a 3,6 milioni di casse.

Nonostante le dimensioni e la crescita del whisky artigianale statunitense, la categoria non è ancora considerata affollata. Le categorie ritenute gremite dall’IWSR comprendono la bevanda alla luna, la vodka, i liquori e, in una certa misura, il rum e il gin. La differenziazione del prodotto è fondamentale per queste categorie al fine di distinguersi dalle altre offerte.

 

 

Ci sono molte categorie non sfruttate nel settore artigianale; le categorie emergenti includono gli alcolici a base di agave, l’acquavite e il soju. L’interesse dei consumatori e la domanda di tequila e mezcal non mostrano alcun segno di rallentamento. Il mercato degli Stati Uniti è sul punto di attingere alla categoria soju attraverso i distillatori locali che la producono a livello nazionale.

Mentre altre parti del mercato mostrano segnali di affollamento, nel complesso, l’IWSR ritiene che occorrerebbero decenni per raggiungere qualsiasi punto di saturazione negli alcolici artigianali: il numero di distillerie pro capite (10,6 per 1.000 adulti) è ancora sminuito dai birrifici ( 37.3). La recente traiettoria di crescita degli spirits artigianali, abbinata al vasto numero di distillerie attualmente in fase di progettazione, suggerisce che il futuro dell’industria degli spiriti artigianali sarà luminoso.

 

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

 

Il Rapporto IWSR 2018 sugli alcolici artigianali utilizza i risultati selezionati dal Craft Spirits Data Project, un progetto di collaborazione condotto dall’American Craft Spirits Association, Park Street e IWSR, la principale fonte di dati e analisi sul mercato delle bevande alcoliche.

 

Fonte: www.theiwsr.com

 

Traduzione a cura della Redazione Beverfood.com 

© Riproduzione Riservata

+ COMMENTI (0)

DonQ Rum distribuito da Ghilardi Selezioni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Whisky Alcolici Iwsr Dati Bourbon Mercato Usa Spirits Artigianali Mercato Spirits Artigianali Trainano Spirits

ABI Professional Associazione Barmen Italiani

ARTICOLI COLLEGATI:

Il mercato del vino nel mondo cresce grazie al processo di premiumization

20/04/2019 - Il mercato mondiale del vino resta sostanzialmente stabile sul piano dei volumi, ma cresce a valore grazie al processo di premiumization che si sta sviluppando su tutti i...

#100Spirits evento del Gruppo Meregalli dedicato unicamente agli spirits

18/04/2019 - Per la prima volta Gruppo Meregalli dedica il suo evento di punta unicamente a spirtits e mixology. La prima edizione di #100Spirits si terrà a Milano il 6 maggio nella c...

Con quale whisky Game Of Thrones brindi al gran finale? Ecco i cocktail che ti aiutano a scegliere

11/04/2019 - Il gran finale dell’ottava e ultima stagione de Il Trono di Spade si sta avvicinando: è ora di alzare i calici e scaldarsi per il lungo inverno che calerà su Westeros. La...

In attesa della Brexit, l’Italia segna il record nell’export di food & beverage in UK

08/04/2019 - La paura della Brexit fa segnare il record di sempre nelle esportazioni alimentari italiani che fanno registrare un balzo del 17,3% in Gran Bretagna dove è corsa agli acq...

ISMEA, un 2018 positivo per il vino Made in Italy ma incombe spettro del “no deal”

31/03/2019 - Con 55 milioni di ettolitri di vino nel 2018 (+29% su base annua), di cui quasi 20 milioni indirizzati verso i mercati esteri, l'Italia conferma il suo ruolo di leader mo...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

11 + tre =