0
Pinterest LinkedIn

Dal 2009, possiamo osservare una crescente produzione mondiale di vini spumanti, con 24,1 milioni di ettolitri prodotti nel 2016.

Con l’86% della produzione mondiale, l’Europa è di gran lunga il leader. L’Italia detiene la prima posizione (22%), seguita dalla vicina Francia (19%), Germania (15%), Spagna (12%), Russia (10%) e Stati Uniti (6%). Anche se, sempre più vini spumanti provengono dal Nuovo Mondo, con un aumento del volume del 30% negli ultimi 7 anni.

 

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Inoltre, l’Italia e l’Inghilterra hanno una produzione in crescita nel 2016, al contrario, la Francia è stabile e la Spagna in calo. L’83% dei vini spumanti è bianco, 15% rosé e 2% rosso. La quota rosé è leggermente aumentata negli ultimi anni. Gli sparkling rossi provengono solo dall’Italia. Inoltre, la versione brut rappresenta l’81% della produzione mondiale, contrariamente al demi-sec del 14% e all’extra brut 5%. La produzione extra-brut è in aumento, a scapito del demi-sec. L’Italia è il principale esportatore di spumanti con il 41% esportato nel 2016, seguito dalla Francia con il 24% e dalla Spagna con il 22%. Il prezzo medio di una bottiglia esportata è molto più elevata in Francia rispetto ad altri paesi, portando la Francia alla prima posizione in termini di valore. In media, una bottiglia di spumante francese esportato costa 12,6 €, contro solo 2,8 € in Italia e 1,8 € in Spagna. In termini di consumi, Germania, Russia e Stati Uniti sono i maggiori consumatori di vini spumanti, ma il Regno Unito è il numero uno in termini di valore. Il consumo mondiale dovrebbe aumentare del 10% nei prossimi tre anni.

 

 

CHAMPAGNE: L’ECCELLENZA PER LO SPUMANTE

Sebbene lo Champagne rappresenti solo lo 0,4% del vigneto globale con 34.300 ettari, è il 13% in volume e il 40% in valore del consumo mondiale di vini spumanti. Infatti, nel 2016 sono stati esportati 149 milioni di bottiglie, che rappresentano il 48% della produzione di Champagne. Il Regno Unito e il Belgio erano i principali consumatori, ma ora la domanda si sta lentamente spostando negli Stati Uniti, Germania, Italia e Spagna, ma anche in Canada, Messico, Sud Africa, Nuova Zelanda e Asia con Cina, Hong Kong e Taiwan. Nel 2016, la Francia e il Regno Unito erano i principali mercati per lo Champagne. Anche se il consumo britannico potrà essere influenzato in futuro da eventi feranti come la Brexit e le tasse sugli alcolici. Le tendenze del consumo di Champagne sembrano seguire le tendenze globali sopra menzionate. Per riassumere, gli “amatori” sembrano bere meno, ma una qualità superiore, con champagne brut o extra-brut sempre più apprezzati e un interesse crescente per gli champagne rosé. Pertanto, il mondo dello Champagne ha adottato un nuovo modello economico, aumentando la qualità e diversificando l’offerta.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Le cuvées di prestigio, come Comtes de Champagne Taittinger, Dom Pérignon, Dom Ruinart, Krug Clos du Mesnil o Salon Cuvée S sono considerate un patrimonio di blue chip, spostando sia il commercio che le percezioni dei consumatori. Le aste su iDealwine hanno mostrato un significativo aumento dei prezzi negli ultimi anni. Queste bottiglie iconiche, tradizionalmente acquistate da consumatori francesi e britannici, stanno vivendo una crescente domanda da Hong Kong, dai Paesi Baltici e dal Medio Oriente. Nonostante i prezzi elevati, Le case dello champagne hanno aumentato la loro offerta nell’ultimo decennio, con una maggiore quantità di bottiglie premium sul mercato. Gli champagne d’annata sono per lo più ricercati e hanno offerte molto alte. Le migliori 5 case di Champagne su iDealwine in valore nel 2016 sono state Dom Pérignon, Krug, Louis Roederer, Bollinger e Tattinger. Nel 2016, il lotto più costoso messo all’asta è stato un magnum di Krug del 1959 che è stato assegnato per 6.480 € a novembre 2016. Lo stesso anno, un Clos du Mesnil 1985 è stato venduto per 1.740 €, il raro Bollinger Vieilles Vignes Françaises 1990 è andato venduto per € 1.500 e il 1985 per 1.320 €. Dom Pérignon 1976 “Réserve de l’Abbaye” ha raggiunto il prezzo di € 1.020.

 

 

IL BOOM DEL PROSECCO

A malapena noto del secolo scorso, il Prosecco italiano è un fenomeno più in crescita negli ultimi 20 anni. Ora è persino esportato in Cina ed è diventato lo spumante più venduto in paesi come gli Stati Uniti, la Germania e, in particolare, il Regno Unito, dove viene importato più Prosecco che Champagne. Il Prosecco occupa il primo posto in Italia nella produzione e nell’esportazione di spumanti. Il suo improvviso successo potrebbe derivare dal semplice aspetto di questa bevanda piacevole e leggermente dolce, con un prezzo molto più abbordabile dello champagne. Dal 1969 il Prosecco ha lo status di Denominazione di Origine Controllata (DOC), ma solo dal 2009 due aree minori dell’Italia (Conegliano Valdobbiadene e Asolo) hanno la Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Queste zone producono vini più qualitativi, chiamati Prosecco Superiore. Il Prosecco DOC ammonta a circa 20.000 ettari e produce circa 241 milioni di bottiglie e il Prosecco DOCG ammonta a 6.600 ha con una produzione di 72,3 milioni di bottiglie. Inoltre, viene esportato il 65% della produzione. Il prosecco dovrebbe rappresentare un quarto di spumanti al mondo nel 2020.

 

 

IL CAVA EMERGENTE

Anche il Cava spagnolo è uno spumante più recente, in quanto ha solo 30 anni, ma il successo è esponenziale, con 10 milioni di bottiglie esportate nel 1980, la Spagna ha esportato 155 milioni di bottiglie di questa bevanda nel 2014. Il Cava fa riferimento a 32.000 ettari concentrati in Catalogna. I Cava giovani sono principalmente esportati, facili da bere e più economici (media di € 3,90 per bottiglia esportata). A tali prezzi, la produzione di Cava è a volte meno rispettosa del prodotto, e ciò spiega perché Raventos i Blanc ha deciso di lasciare la denominazione Cava, per produrre un prodotto più genuino. I Cava più qualitativi sono prodotti come Cava Reserva e Cava Gran Reserva, ma sono meno conosciuti, soprattutto fuori dalla Spagna, anche se i produttori locali stanno cercando di conquistare il mondo con queste tipologie più qualitative.

 

+INFO: www.idealwine.info/sparkling-wines-global-trends-and-challenges/

 

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

15 + 4 =