Beverfood.com
| Categoria Notizie Birra | 3608 letture

MO.BI. PRESENTA IL PROGETTO “BIRRA CHIARA” PER PROMUOVERE UNA ETICHETTATURA PIU’ COMPLETA E TRASPARENTE

Lorenzo Dabove Progetto Birra Chiara Etichettatura Trasparente

Birra Etichettatura Chiara Lorenzo Dabove Trasparente Progetto

In occasione dell’ultimo PIANETA BIRRA BEVERAGE & CO. a Rimini si è svolto l´incontro promosso dal Mo.Bi., movimento per la birra, durante il quale l´Associazione ha presentato ´Birra chiara´, iniziativa nata allo scopo di ottenere etichette più trasparenti e informative, a maggior tutela e garanzia dei consumatori. Il Mo.BI. è infatti un movimento che rappresenta le legittime esigenze dei consumatori e promuove la cultura della birra di qualità più consapevole e responsabile. Tra i principali obiettivi vi sono: promuovere l´accesso ad un´ampia produzione birraria, il sostegno ad un corretto livello dei prezzi al consumo, la promozione della produzione casalinga di birra , l´organizzazione di corsi, rassegne e concorsi per stimolare la sensibilità delle persone sull consumo di birra.

Il progetto che presentiamo . ha esordito Carlo Canegallo (presidente del Mo.Bi.) – nasce da una volontà di trovare il modo per rendere più chiare le informazioni basilari che il consumatore deve trovare su un´etichetta. Ciò al fine di poter compiere una scelta motivata e consapevole. Si tratta di un obiettivo importante che mira a migliorare e potenziare il rapporto tra produttore e consumatore. Troppo spesso infatti ci imbattiamo, sia in Italia che all´estero, con etichette che invece di fare chiarezza rispetto al prodotto fanno nascere interrogativi´.Tale concetto è stato ripreso anche da Massimo Faraggi (promotore del Mo.Bi, autore e pioniere dell´homebrewing in Italia.) , il quale è entrato nel merito della questione relativa alla trasparenza del prodotto.

´Questa è una presentazione, ma anche di discussione e confronto con i birrai . ha spiegato . I temi su cui riflettere e aprire la riflessioni sono il controllo della qualità, il livello dei prezzi e la trasparenza delle informazioni. Questo ultimo punto è quello che più ci riguarda ed è quello che maggiormente vogliamo analizzare perché più controllabile: cioè come vengono passate le informazioni da chi produce a chi consuma. Attualmente la legge prevede che sull´etichetta siano indicati il nome e la ragione sociale del produttore, lo stabilimento e la sede di produzione, il nome commerciale del prodotto, la tipologia merceologica prodotta, il contenuto (volume), il titolo alcolometrico espresso in volumi, data entro cui consumare il prodotto, lotto di produzione e invito a non disperdere nell´ambiente. La nostra iniziativa usa tutto ciò come base, ma cerca di affiancare a queste indicazioni altre non obbligatorie, ma per noi importanti. Un esempio: a volte capita che una birra che passa per essere italiana non citi in etichetta dove è prodotta e nemmeno lo stabilimento di produzione. In questo caso basta leggere il codice a barre, dove la prima cifra individua il paese, poi lo stabilimento, poi il prodotto´.

Lorenzo Dabove (alias Kuaska) (nella foto) si è soffermato molto su questo aspetto, soprattutto per quanto riguarda le informazioni contenute nell´etichetta, facendo un esempio. ´Tanti anni fa sono andato ad una recepiton. Le 15 persone che hanno parlato prima di me si sono soffermate solo ed esclusivamente sul lato economico, mentre io lanciai una provocazione e un´idea allo stesso tempo: premiare la miglior etichetta per la completezza delle sue informazioni. Per questo ho sposato fin da subito i concetti espressi da Mo.Bi.´. Ma quali sono in verità le informazioni aggiuntive previste dal movimento per la birra? Ad accennarle è lo stesso Faraggi. ´Le indicazioni aggiuntive sono utili in tutte le fasi: dal momento dell´acquisto, per motivarlo, al momento del consumo, per apprezzarne meglio e con stile il grado di temperatura. Avremo una degustazione migliore sapendo se la birra che beviamo è pastorizzata o non pastorizzata, filtrata o non filtrata. E poi sono utili indirizzo, sito e numero di telefono per contattare il produttore, consigli per un giusto abbinamento con il cibo. Basilare è anche sapere se una birra può essere più o meno dannosa per la salute, tenendo conto dei suoi contenuti, come le spezie utilizzate´.

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Trasparente Lorenzo Dabove Etichettatura Progetto Birra Chiara

San Miguel Tour 2019 - 21 Luglio: Lido Leucasia - Porto Cesareo

ARTICOLI COLLEGATI:

Kuaska racconta i birrifici artigianali italiani emergenti

Kuaska racconta i birrifici artigianali italiani emergenti

04/07/2019 - Tanto si è scritto e parlato, specie ultimamente e non sempre purtroppo con cognizione di causa e competenza, del boom della birra artigianale nel nostro paese. Nel 2016,...

Nuovo Annuario MICROBIRRIFICI 2019: alla scoperta dei produttori delle birre artigianali e speciali

Nuovo Annuario MICROBIRRIFICI 2019: alla scoperta dei produttori delle birre artigianali e speciali

29/04/2019 - La Beverfood.com Edizioni presenta il nuovo Annuario Microbirrifici - edizione 2019 - con una panoramica informativa completa sui numerosi produttori di birre artigianali...

Kuaska racconta il Concorso Birra dell’Anno 2019 e il successo dei microbirrifici italiani nel mondo

Kuaska racconta il Concorso Birra dell’Anno 2019 e il successo dei microbirrifici italiani nel mondo

20/02/2019 - Birra Attraction, giunta alla 5^ edizione, ha confermato il successo del suo evento di riferimento: il premio Birra dell’Anno, promosso da Unionbirrai per nominare le mig...

Birra dell’Anno 2019: il concorso, i giudici, come funziona

Birra dell’Anno 2019: il concorso, i giudici, come funziona

12/02/2019 - Stanno arrivando a Rimini gli oltre 100 esperti di birra artigianale che comporranno la prestigiosa giuria internazionale di Birra dell’Anno. La premiazione dell’accredit...

Marco Valeriani del birrificio Hammer, per la seconda volta è il Birraio dell’Anno 2018!

Marco Valeriani del birrificio Hammer, per la seconda volta è il Birraio dell’Anno 2018!

21/01/2019 - Birraio dell’Anno l'evento organizzato da Fermento Birra, che ogni anno incorona il miglior produttore italiano sulla base dei voti di 100 esperti italiani del settore, s...

“Birraio dell’Anno” a Firenze dal 19 al 20 gennaio 2019 con la guida di Kuaska

“Birraio dell’Anno” a Firenze dal 19 al 20 gennaio 2019 con la guida di Kuaska

20/11/2018 - Birraio dell’Anno torna al teatro TuscanyHall (ex ObiHall) di Firenze, da venerdì 18 a domenica 20 gennaio 2019. Ideato e organizzato dal network Fermento Birra, il premi...

Beerben e Beertellina: quando il mondo della birra valtellinese osa

Beerben e Beertellina: quando il mondo della birra valtellinese osa

30/08/2018 - Basterebbero due nomi, quello di Kuaska e di Schigi, per capire che in Valtellina il mondo della birra sta facendo le cose in grande. Saranno loro i protagonisti della ce...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

3 × 1 =